Le parole degli altri

Castiglioncello, sabato 29 e domenica 30 giugno. Al centro della scena tre autori dell’ansia: lo Shakespeare dell’angoscia amletica, gli abissi dell’animo umano di Sem Benelli, e il romanziere claustrofobico par excellence, Franz Kafka.

Una voce che proviene dal sottosuolo, la coscienza di chi si sente emarginato e, in parte, impotente, ma che non rinuncia a denunciare, isolato, le storture del mondo sovrastante. Una vasca/tinozza che rimanda ai tragici viaggi dei migranti i quali, con ogni mezzo, tentano la fortuna dirigendosi verso quel mondo che, spesso, è causa delle loro tragedie. Ma l’isolamento e la follia non risparmiano nemmeno i potenti e la domanda che si ripropone, insistentemente, è se sia colpa della follia ciò che di abominevole si compie o se la stessa non sia che un comodo espediente per non assumersi la responsabilità delle proprie azioni.
Lo spettacolo Yorick Reloaded. Un Amleto dal sottosuolo – di e con Simone Parrinello – è una denuncia che procede con divagazioni le quali, probabilmente, ne minano un po’ la compattezza e l’incisività.
All’interno di una scenografia scarna ma funzionale, supportata da un disegno luci e audio sempre all’altezza e in grado di dialogare in modo convincente con l’aspetto drammaturgico, Parrinello veste i panni di vittime e carnefici di questo nostro circo/mondo. Così la follia del principe triste di Danimarca diventa quella dei potenti di oggi che, però, non è più rivolta contro i propri simili per raddrizzare la bilancia della giustizia, bensì contro popolazioni inermi alla ricerca di un’opportunità di vita. L’intreccio funziona e i rimandi si sedimentano con il passare del tempo. Nascono e si inventano ipotetiche linee rosse che non è dato oltrepassare, i potenti ne decidono i contenuti, e la punizione sarà esemplare per coloro che le trasgrediscono. La follia ammorba il mondo e persino il sottosuolo non ne è esente. Dal Bardo a Le Vie del Fool, la storia sembra ripetersi senza fine e lo spettacolo di Parrinello ha il merito di consegnarcela con poesia.

Un’altra denuncia – quella di Scarlini e Questa in La Beffa, La Cena: un duello di parole, alle 22.00 presso l’Anfiteatro di Castello Pasquini – che tratta della messa al bando e della censura inflitte a Sem Benelli, drammaturgo famoso tra gli anni 10 e 20 del Novecento, e del suo travagliato rapporto con Benito Mussolini e il fascismo. Uno spaccato di ieri che si riflette nell’oggi, basti pensare alle chiusure, nei mezzi d’informazione di massa, verso gli spettacoli più radicali o gli intellettuali che portano avanti una sana critica sociale, o i giornalisti (italiani e stranieri) che mettono la verità al primo posto. Ma è attraverso la querela, oggi, che il potere politico ed economico interviene, come nel caso del Teatro delle Albe, di Paolo Bernard o di Julian Assange (https://teatro.persinsala.it/spazio-inchieste-julian-assange-il-teatro-delle-albe-paolo-barnard/55038).
Non del tutto riuscita l’amalgama tra canzonette goliardiche e approfondimento documentale per una lettura drammatizzata ricca di informazioni, raccolte con dovizia di particolari, ma che alla fine, nonostante la buona interpretazione di Antonella Questa, lascia con l’amaro in bocca e qualche perplessità.

Domenica 30 giugno, in mattinata, va in scena il primo studio di Circo Kafka. Ci si siede a comando, la libertà è ristretta: una presenza non invadente ma incisiva ci accoglie fin dall’entrata. Non si è obbligati a eseguire l’ordine ma il dubbio di non essere al posto giusto si insinua. Solo suoni, rumori o grugniti: una mimica semplice e ripetitiva per introdurci in un universo dove l’incertezza e la paura per il futuro e il giudizio finale ne sono il fulcro pregnante. Nonostante la situazione raccolta (siamo nella Sala del Camino di Castello Pasquini) e la scenografia che si fa parte integrante del tutto, l’emozione tarda a manifestarsi. Si rimane, in un certo senso, distanti – quasi si osservasse la situazione dall’esterno (da un cannocchiale posizionato al contrario che allontana invece che avvicinare l’immagine). Le musiche (a cura di Claudio Morganti e Johannes Schlosser) e la presenza scenica di Abbiati sono sempre all’altezza e funzionali alla rappresentazione. La figura a tutto tondo del comandante e guardiano, giudice e boia, e comunque simbolo del potere, è ben evidenziata. E nonostante tutto il potere e l’ambiente claustrofobico ma ben controllato, la figura non riesce ad avere pace: la notte è foriera di paure: ha sempre la sensazione che qualcuno arrivi a scalzarlo o, comunque, a metterlo in disparte o, peggio, a inserirlo nella lista nera con gli altri – le vittime. Un primo studio ricco di significati ma che lascia lo spettatore un po’ distaccato: lo si osserva più con curiosità che con partecipazione.

Luciano Uggè

Gli spettacoli sono andati in scena nell’ambito di Inequilibrio Festival 2019:
Castiglioncello e Rosignano (LI), varie location

sabato 29 giugno ore 20.00
Castello Pasquini
Auditorium
Leviedelfool presentano:
Yorick Reloaded
Un Amleto dal sottosuolo
scritto, diretto e interpretato da Simone Parrinello

ore 22.00
Anfiteatro
Antonella Questa e Luca Scarlini presentano:
La Beffa, la Cena: un Duello di Parole

domenica 30 giugno, ore 11.00
Castello Pasquini

Sala del Camino 
Abbiati/Morganti presentano:
Circo Kafka
(primo studio)
regia Claudio Morganti
con Roberto Abbiati
e la partecipazione di Johannes Schlosser

Foto di Daniele Laorenza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.