Acrobazie dantesche

Al Teatro Olimpico di Roma torna un’eccellenza italiana: la compagnia di Emiliano Pellisari ripropone Inferno, lo spettacolo che sfida le leggi della gravità.

Un progetto originale, una compagnia di danzatori eccellenti, una costruzione dello spettacolo in cui nulla è lasciato al caso, un intreccio di soluzioni aeree misteriose per lo spettatore: sono questi gli ingredienti che rendono unico Inferno.
Per il quarto anno consecutivo torna a Roma al Teatro Olimpico la prima parte della trilogia che Emiliano Pellisari ha dedicato alla Divina Commedia di Dante.
Nato nel 2007, Inferno ripercorre la prima cantica senza snaturare o alterare in alcun modo la bellezza e la grandiosità del poema dantesco.
Ogni scena si alterna alle voci fuori campo che recitano stralci di canti in modo da fornire la giusta chiave di lettura allo spettatore.
Questo viaggio infernale inizia con Dante e Virgilio che tramite una vera e propria scala umana attraversano la porta dell’Inferno; il viaggio prosegue attraverso schiere di dannati, eroi e filosofi, angeli caduti, i sette peccati capitali, l’amore di Paolo e Francesca fino a che Dante e Virgilio fuoriescono a «riveder le stelle».
Ci troviamo in un mondo dove le leggi naturali non contano più, tutto è stravolto, quindi anche le leggi della fisica; entriamo in un vero e proprio sogno fatto di corpi sospesi nell’aria che danzando formano figure geometriche e architetture simboliche. La fluidità dei movimenti si coniuga alla perfezione dei corpi e all’estremo controllo fisico che questi danzatori – quasi non più umani – mostrano con estrema naturalezza.
Trovandosi davanti a uno spettacolo così insolito si resta stupefatti, e ci si chiede se quello a cui si sta assistendo non sia altro che il frutto di immagini proiettate; si stenta a credere che tutto stia davvero accadendo davanti ai propri occhi. A creare l’illusione è un raffinato gioco di luci, che conferisce una trasparenza ai corpi dei danzatori e sembra farli apparire e scomparire dal nulla.
Un lavoro, quello di Pellisari e di tutta la sua compagnia, rifinito nei minimi dettagli: le luci, l’accompagnamento musicale, le scenografie essenziali, l’espressività e la grande preparazione dei ballerini hanno fatto sì che Inferno approdi alla stagione teatrale di Boston nell’autunno 2013.
Una vera e propria eccellenza tutta italiana, un viaggio, un sogno al quale nessuno spettatore amante del bello dovrebbe sottrarsi.

Lo spettacolo continua:
Teatro Olimpico
piazza Gentile da Fabriano, 7 – Roma
fino a domenica 14 ottobre
orari: da lunedì a sabato ore 21.00, domenica ore 18.00 (lunedì 8 ottobre riposo)

Emiliano Pellisari Studio in collaborazione con Teatro Olimpico di Roma e Società Dante Alighieri presentano
Inferno
di Emiliano Pellisari
con Mariana Porceddu, Patrizio Di Diodato, Chiara Verdecchia, Valeria Carrassa, Maria Chiara Di Niccola, Carim Di Castro
voci recitanti Gianni Bonagura, Laura Amadei
coreografie Emiliano Pellisari
assistente coreografie Mariana Porceddu
scenografie e costumi Emiliano Pellisari, Caterina di Florio
disegno luci Emiliano Pellisari, Francesco Tagliabue
polistrumentista Oscar Bonelli
sound designer Giuliano Lombardo
sound mixer Mario Crocetta
sound editor Riccardo Magni
consulente musicale Andrea Barbera
art director Emiliano Pellisari
produzione esecutiva Mariella Stabile

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.