Stagione 2017-2018 al Teatro Stabile di Genova e Teatro dell’Archivolto

Anche quest’anno Persinsala continuerà a seguire per i lettori la stagione teatrale del Teatro Stabile di Genova che, insieme al Teatro dell’Archivolto, ha presentato la prima stagione comune.

Con 60 titoli scelti dal panorama nazionale e internazionale, il cartellone si estenderà a partire da ottobre sino a maggio e, vista la collaborazione tra i due teatri genovesi, gli spettacoli saranno suddivisi in ben quattro sale (Teatro della Corte, Teatro Duse, Teatro Gustavo Modena, Sala Mercato). Il teatro Stabile, già caratterizzatosi l’anno passato per l’ecletticità degli spettacoli e l’attenzione alle novità, mantiene la medesima linea di proposte anche in questa graditissima collaborazione proponendo un cartellone tra nuova drammaturgia, classici, teatro civile, commedia, musica, letteratura e danza.
I due teatri genovesi, grazie anche all’incoraggiamento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, supportati dal Comune di Genova e dalla Regione Liguria, in questi mesi hanno lavorando per dare vita a un nuovo organismo teatrale e il primo grande traguardo è stata la realizzazione di un cartellone congiunto per la stagione 2017/2018 dal coerente titolo Insieme.
Si fondono, dunque, elementi diversi come diversi sono sempre stati i cartelloni dei due teatri ma che, con la creazione di Insieme, garantiranno spettacoli per tutti i generi e per tutti i pubblici, muovendosi tra grandi conferme e novità, con spettacoli già presenti nei cartelloni passati a cui il pubblico si è mostrato fortemente affezionato.

A partire dai temi politici di Fine dell’Europa, una riflessione sulle diverse declinazione del concetto di fine, si tratta di un progetto teatrale di sei lezioni tematiche affidate a studiosi, storici e intellettuali. Sul tema della guerra, la stagione racconterà agli spettatori l’antisemitismo e l’olocausto nei due spettacoli Razza d’italiani. Memorie di ebrei nell’Italia fascista e Perlasca. Il coraggio di dire di no. Insieme poi a L’esecuzione sul tema della follia della guerra, Mediterraneo, storie e canzoni del mare nostrum, La paranza dei bambini di Roberto Saviano che racconta una storia di camorra e criminalità e l’orazione civile sulla lotta alla mafia di Dopo il silenzio, il cartellone si mostra attento all’impegno civile e alla funzione educativa che (con orgoglio per noi di Persinsala) contraddistingue già da diverso tempo il panorama teatrale genovese. Riflessioni sulla società sono espresse in Cous Cous Klan di Carrozzeria Orfeo e Nessun luogo è lontano di Giampiero Rappa. E per alleggerire, come possibile e nel rispetto della realtà, avvenimenti storici più recenti, Bebo Storti e Fabrizio Coniglio rievocano il mistero della morte di Calvi, in uno spettacolo che si muove tra commedia e teatro, in O la borsa o la vita. Da sottolineare per il loro carattere di teatro di impegno civile lo spettacolo degli attori detenuti della Casa Circondariale di Genova Marassi diretti anche quest’anno da Sandro Baldacci in Desdemona non deve morire. E come risultato del rapporto scuola – teatro, la Sala Mercato ospiterà Swing Heil! di Elena Dragonetti, risultato di un nuovo laboratorio condotto con studenti delle scuole superiori cittadine.
Sempre di temi attuali si parla in Geppetto e Geppetto di Tindaro Granata, sul tema della genitorialità nell’era della stepchild adoption.
Poco da dire se non l’invito ad assistere al compendio di teatro classico e tradizionale che nelle scuole spesso gli studenti odiano ma che a teatro lasciano sempre a bocca aperta. Dai classici greci passando ai più tradizionali spettacoli di Pirandello sino ad arrivare agli adattamenti di grandi testi: gli evergreen Sei personaggi in cerca d’autore e Questa sera si recita a soggetto, Il malato immaginario di Molière con Gioele Dix e Il borghese gentiluomo, grande successo della stagione passata insieme al dramma romantico diretto da Marco Sciaccaluga Intrigo e amore.

Spazio al teatro antico con gli allievi del Master della Scuola di Recitazione del Teatro Stabile diretti da Massimo Mesciulam per l’esercitazione Eracle. Ancora teatro greco con Medea di Euripide nella storica versione di Luca Ronconi e Prometeo di Eschilo. E ancora ben due Goldoni con Das Kaffeehaus, riscrittura de La bottega del caffè e Le baruffe Chiozzotte. Infine, sempre nel gruppo della tradizione, due spettacoli ormai canonico del teatro moderno quale Filumena Marturano di Eduardo De Filippo e Mistero buffo di Dario Fo, nell’apprezzata rivisitazione di Ugo Dighero.
Spazio agli adattamenti e alla letteratura con gli spettacoli Il nome della rosa, Spoon River, spettacolo di teatro e danza, risultato del lavoro di Giorgio Gallione e dell’intreccio dei testi di Edgar Lee Masters con le canzoni di Fabrizio De André a essi ispirate, La scortecata di Emma Dante tratto dal Cunto de li Cunti di Basile e infine una rilettura in chiave moderna di Delitto e castigo di Dostoevskij a cura del regista Kostantin Bogomolov.
Al Teatro Gustavo Modena ritorna La notte degli scrittori, evento nato dalla collaborazione tra il Teatro dell’Archivolto e la casa editrice Einaudi.
Spazio anche alla settima arte con lo spettacolo M come Méliès, omaggio al genio di Georges Méliès, Il sorpasso dal film omonimo di Dino Risi e Qualcuno volò sul nido del cuculo per la regia di Alessandro Gassmann. In ambito musicale, spazio a Lella Costa e il suo adattamento di Traviata, Thyssen. Opera sonora di Ezio Mauro, il ritorno dei simpaticissimi Oblivion con Oblivion: The Human Jukebox (dei quali aspettiamo con ansia un nuovo e grandioso progetto “letterario”). Ritornano dal cartellone delle stagioni passate dell’Archivolto, gli acclamatissimi spettacoli Father and son con Claudio Bisio e Quello che non ho con Neri Marcorè. Tra i ritorni anche Le prénom diretto da Antonio Zavatteri, tra gli imperdibili impossibile non citare Reality di Deflorian/Tagliarini. Questo e davvero molti altri spettacoli attendono il pubblico e gli abbonati vecchi e nuovi.
Gli spettatori potranno trovare tutte le informazioni e possibili variazioni su https://www.teatrostabilegenova.it/ e http://www.archivolto.it/

Teatro Duse
11 – 20 ottobre
Fine dell’Europa
regia Rafael Spregelburd
con gli attori della Compagnia

Teatro della Corte
17 – 29 ottobre
Il nome della rosa
di Umberto Eco
regia Leo Muscato
con Eugenio Allegri
Giovanni Anzaldo
Luigi Diberti
Luca Lazzareschi

Teatro Modena
19 ottobre – 5 novembre
Spoon River
da Edgar Lee Masters e Fabrizio De André
regia Giorgio Gallione
con Elsa Bossi Rosanna Naddeo Giorgio Scaramuzzino

Teatro Duse
27 ottobre – 5 novembre
L’Esecuzione
di Vittorio Franceschi
regia Marco Sciaccaluga
con Vittorio Franceschi
Laura Curino

Teatro della Corte
7 – 12 novembre
Il borghese gentiluomo
di Molière
regia Filippo Dini
con Filippo Dini e gli attori della Compagnia

Teatro Duse | Sala Mercato
8 – 12 novembre | 14 – 16 novembre
Eracle
di Euripide
regia Massimo Mesciulam
con gli allievi del Master della Scuola di Recitazione
Fuori abbonamento

Teatro Modena
9 – 11 novembre
Lacci
di Domenico Starnone
regia Armando Pugliese
con Silvio Orlando Roberto Nobile
Maria Laura Rondanini
Vanessa Scalera

Teatro della Corte
14 – 19 novembre
Medea
di Euripide
regia Luca Ronconi
con Franco Branciaroli e gli attori della Compagnia

Teatro Duse
15 – 19 novembre
Vivo in una giungla, dormo sulle spine
di Laura Sicignano
regia Laura Sicignano
con Amanda Sandrelli Luca Giordana Alessio Zirulia

Teatro Modena
17 novembre
Cantico dei cantici
di Virgilio Sieni
coreografia Virgilio Sieni
con la compagnia di Danza Virgilio Sieni

Teatro della Corte
21 novembre – 3 dicembre
Sei personaggi in cerca d’autore
di Luigi Pirandello
regia Luca De Fusco
con Eros Pagni Angela Pagano
Gaia Aprea

Sala Mercato
22 – 25 novembre
Geppetto e Geppetto
di Tindaro Granata
regia Tindaro Granata
con Angelo Di Genio Tindaro Granata Paolo Li Volsi

Teatro Modena
29 novembre
Thyssen. Opera sonora
di Ezio Mauro
regia Pietro Babina
con Ezio Mauro
in voce Umberto Orsini e Alba Rohrwacher

Teatro Duse
30 novembre – 3 dicembre
Polli di allevamento
di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
regia e interpretazione Giulio Casale

Teatro Modena
1 dicembre
La notte degli scrittori
regia Giorgio Gallione

Teatro della Corte
6 – 10 dicembre
Questa sera si recita a soggetto
di Luigi Pirandello
regia Marco Bernardi
con Patrizia Milani Carlo Simoni Corrado d’Elia Giampiero Rappa Sara Putignano

Teatro Modena
7 dicembre
Circumnavigando Festival. Les Idées Grises.
con Bastien Dausse
François Lemoine

Teatro Modena
9 dicembre
Circumnavigando Festival. Diktat.
con Sandrine Juglair

Teatro della Corte
12 -17 dicembre
Das Kaffeehaus
La bottega del caffè
di R. W. Fassbinder
regia Veronica Cruciani
con gli attori della Compagnia

Teatro della Corte
28 dicembre – 7 gennaio
Le Baruffe Chiozzotte
di Carlo Goldoni
regia Jurij Ferrini
con Jurij Ferrini e gli attori della Compagnia

Teatro della Corte
9 -14 gennaio
Il Malato Immaginario
di Molière
regia Andrée Ruth Shammah
con Gioele Dix e gli attori della Compagnia

Teatro Modena
9 – 10 gennaio
Il secondo figlio di Dio
di Manfredi Rutelli e Simone Cristicchi
regia Antonio Calenda
con Simone Cristicchi

Teatro Duse
9 – 14 gennaio
Mistero Buffo
di Dario Fo
regia e interpretazione Ugo Dighero

Teatro della Corte
16 – 21 gennaio
Father and Son
di Michele Serra
regia Giorgio Gallione
con Claudio Bisio
Laura Masotto violino
Marco Bianchi chitarra

Teatro Modena
18 – 20 gennaio
Traviata
di Lella Costa e Gabriele Vacis
regia Gabriele Vacis
con Lella Costa

Teatro della Corte
23 – 28 gennaio
L’anatra all’arancia
da William Douglas Home
regia Luca Barbareschi
con Luca Barbareschi
Chiara Noschese

Teatro Duse
23 – 28 gennaio
Mediterraneo
di Pino Petruzzelli
regia Pino Petruzzelli
con Pino Petruzzelli

Teatro Modena
26 – 27 gennaio
La Scortecata
di Emma Dante
regia Emma Dante
con Salvatore D’Onofrio
Carmine Maringola

Sala Mercato
27 gennaio
Razza di Italiani!
di Giorgio Scaramuzzino
regia e interpretazione Giorgio Scaramuzzino
Fuori abbonamento

Teatro della Corte
30 gennaio – 4 febbraio
Il Sorpasso
dal film di Dino Risi
regia Guglielmo Ferro
con Giuseppe Zeno Luca Di Giovanni Cristiana Vaccaro

Teatro Duse
30 gennaio – 4 febbraio
Le Prénom
di M. Delaporte e A. de La Patellière
regia Antonio Zavatteri
con Alessia Giuliani Alberto Giusta Davide Lorino Aldo Ottobrino Gisella Szaniszlò

Teatro Modena
2 febbraio
L’età del caos
di Federico Rampini
regia Angelo Generali
con Federico Rampini
Fuori abbonamento

Teatro Duse
6 – 11 febbraio
Il senso della vita di Emma
di Fausto Paravidino
regia Fausto Paravidino
con Fausto Paravidino Iris Fusetti

Sala Mercato
7 – 8 febbraio
Perlasca. Il coraggio di dire no.
di Alessandro Albertin
regia Michela Ottolini
con Alessandro Albertin

Teatro Modena
9 – 11 febbraio
La paranza dei bambini
di Roberto Saviano e Mario Gelardin
regia Mario Gelardi
con gli attori della Compagnia

Teatro della Corte
13 – 18 febbraio
Quello che non ho
di Giorgio Gallione
regia Giorgio Gallione
con Neri Marcorè
Voci e chitarre Giua Pietro Guarracino e Vieri Sturlini

Teatro Duse
15 -18 febbraio
M come Méliès
di É. Vigier e M.Di Fonzo Bo
da Georges Méliès
regia Élise Vigier
Marcial Di Fonzo Bo
con gli attori della Compagnia

Teatro Modena
15 – 16 febbraio
Milite ignoto. Quindicidiciotto
di Mario Perrotta
regia e interpretazione Mario Perrotta

Teatro della Corte
20 – 25 febbraio
Filumena Marturano
di Eduardo De Filippo
regia Liliana Cavani
con Geppy Gleijeses

Teatro Duse
20 febbraio – 4 marzo
Night Bar
di Harold Pinter
Il calapranzi, Tess, L’ultimo ad andare via
regia Valerio Binasco
con Arianna Scommegna
Nicola Pannelli
Sergio Romano

Sala Mercato
22 – 23 febbraio
Reality
di Deflorian/Tagliarini
regia e interpretazione
Daria Deflorian
Antonio Tagliarini

Teatro della Corte
27 febbraio – 3 marzo
Intrigo e Amore
di Friedrich Schiller
regia Marco Sciaccaluga
con Alice Arcuri
Tommaso Ragno
Simone Toni
Mariangeles Torres

Teatro Modena
1 – 2 marzo
Cous Cous Klan
uno spettacolo di Carrozzeria Orfeo
con Beatrice Schiros Alessandro Tedeschi Massimiliano Setti Pier Luigi Pasino

Teatro della Corte
6 – 11 marzo
Delitto e Castigo
di Fëdor Dostoevskij
regia Konstantin Bogomolov
con gli attori della Compagnia

Teatro Modena
6 – 10 marzo
Smith & Wesson
di Alessandro Baricco
regia Gabriele Vacis
con Natalino Balasso
Fausto Russo Alesi

Teatro Duse
7 – 9 marzo
Teatro in lingua inglese
A Bench on the Road
A Young Woman
Who Lived in a Shoe
Fuori abbonamento

Teatro della Corte
13 – 18 marzo
Il padre
di August Strindberg
regia Gabriele Lavia
con Gabriele Lavia e gli attori della Compagnia

Teatro Duse
13 – 18 marzo
Copenaghen
di Michael Frayn
regia Mauro Avogadro
con Umberto Orsini Massimo Popolizio Giuliana Lojodice

Sala Mercato
16 – 17 marzo
Swing Heil!
di Elena Dragonetti
regia Elena Dragonetti
con gli attori della Compagnia
Fuori abbonamento

Teatro Duse
20 – 25 marzo
Dopo il silenzio
di Francesco Niccolini e Margherita Rubino
regia Alessio Pizzech
con Sebastiano Lo Monaco Elisabetta Pozzi Turi Moricca

Teatro Modena
22 – 24 marzo
Pueblo
di Ascanio Celestini
regia Ascanio Celestini
con Ascanio Celestini
Gianluca Casadei

Teatro Modena
6 – 7 aprile
O la borsa o la vita
di Fabrizio Coniglio e Mario Almerighi
regia Fabrizio Coniglio
con Bebo Storti
Fabrizio Coniglio

Teatro della Corte
10 – 15 aprile
Desdemona non deve morire
di Fabrizio Gambineri e Sandro Baldacci
da William Shakespeare
regia Sandro Baldacci
con gli attori detenuti della Casa Circondariale di Genova Marassi
Fuori abbonamento
Teatro Modena
12 -13 aprile
Nessun luogo è lontano
di Giampiero Rappa
regia Giampiero Rappa
con Alice Ferranti Giampiero Rappa Giuseppe Tantillo

Teatro Duse
17 – 22 aprile
Prometeo
da Eschilo
regia Massimo Luconi
con Luca Lazzareschi
Alessandra D’Elia
Monica Demuru
Gigi Savoia
Tonino Taiuti

Teatro della Corte
18 – 21 aprile
Oblivion: the human jukebox
di Davide Calabrese e Lorenzo Scuda
consulenza registica Giorgio Gallione
con Graziana Borciani Davide Calabrese Francesca Folloni Lorenzo Scuda Fabio Vagnarelli

Teatro Duse
24 – 25 aprile
Dalle belle città
di Gian Piero Alloisio e Carlo Repetti
regia Gian Piero Alloisio e Carlo Repetti
con Gian Piero Alloisio
Fuori abbonamento

Teatro della Corte
3 – 6 maggio
Acoustic Night 18
di Beppe Gambetta
regia Beppe Gambetta
Federica Calvino Prina
con Beppe Gambetta

Teatro Modena
4 maggio
Scott Hamilton
Orchestra Filarmonica di Sampierdarena
dirige Massimo Rapetti
Fuori abbonamento

Teatro della Corte
8 – 13 maggio
Qualcuno volò sul nido del cuculo
di Dale Wasserman
da Ken Kesey
regia Alessandro Gassmann
con Daniele Russo
Elisabetta Valgoi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.