off (no) limits

teatro-dell-orologio-romaLa quinta giornata del festival Inventaria regala una nuova, emozionante boccata d’ossigeno al pubblico del teatro dell’Orologio. Due racconti intimi, due linguaggi diversi per raccontare storie personali e insieme universali, legate dal tema comune della libertà anelata e negata.

Un teatro senza limiti, questo off che si dona al pubblico romano nel corso di Inventaria. Ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio è una traduzione coreografica della poesia di Pier Paolo Pasolini Supplica a mia madre, straziante dichiarazione di amore e di angoscia all’unica donna della sua vita, che è grazia e catena, spirito e tomba, che lo condanna alla solitudine con la sua insostituibile, ineludibile presenza. Non è propriamente teatro, né danza, né l’ennesima rielaborazione del teatro-danza così come lo conosciamo da Pina Bausch in poi: questo lavoro è un’indagine intima e discreta, condotta con umanità e senza spocchia, che sa toccare l’emotività dello spettatore e restituirgli un’immagine intima, profondissima dell’uomo che ha cambiato per sempre la letteratura contemporanea. L’uomo, appunto, più che l’artista: l’uomo alle prese con le difficoltà del cuore, con i suoi inconfessabili segreti, con la sua «infinita fame d’amore, dell’amore di corpi senza anima». Il dolore si traduce in gesti vincolati, in avvicinamenti impossibili tra i due (Emiliano Minoccheri è il poeta, Veronica Strazzari è la madre) in un continuo passo a due, a volte danzato, a volte reso in una interazione più teatrale, che li vede anelare uno alla verità dell’altra, per liberarsi, ma la liberazione non avviene. I gesti e gli inserti musicali non rivelano la ricerca di un’originalità a tutti i costi: Ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio funziona proprio per la sua semplicità, per la sincerità palese per cui è concepito. Una splendida occasione per rileggere e “rivivere” gli indimenticabili versi pasoliniani. Partigiana ci riconduce in una dimensione prettamente teatrale: Melania Fiore, autrice e interprete del testo, si cimenta in un monologo ironico e intenso che – nell’amarezza dolorosa che pur racconta – strappa risate e consensi divertiti al pubblico. È la storia di Lina, della sua giovinezza sfrontata e ribelle, della sua famiglia piegata dalla fame in tempo di guerra. È la storia dell’Italia fascista, di un popolo di marionette che batte le mani nella «marea umana» accalcata a piazza Venezia. Ma è anche la storia di un’altra Italia, una nazione giovane e informata che resiste, che costruisce notte dopo notte, mentre tutt’intorno il coprifuoco desertifica la città, la lotta per la libertà. Lina e la sua bicicletta con cui sfreccia per le vie di Testaccio, sul Lungotevere, giù giù fino al Quadraro, in una Roma ingabbiata dalla polizia, dove anche i sampietrini hanno orecchie. Lina e il suo Giorgio, compagno d’intimità e di ribellione, Lina e il Sor Venanzio, il libraio, che la introduce al mondo della resistenza e dei partigiani. Melania Fiore tiene in piedi tutto con simpatia, con una romanità verace e mai sgraziata, con tenera empatia: nonostante le sbavature tecniche che lo spettacolo pur rivela (i tempi delle luci e degli inserti musicali risultano spesso non in sincrono con i fatti scenici e ne rallentano talvolta il ritmo, mentre l’emozione tradisce in più punti l’attrice e ne intreccia e confonde le parole) l’allestimento funziona a meraviglia, e la dedica dell’attrice/autrice alla nonna Franca Salvatori dà il tocco finale, portando a commozione. Partigiana è una storia semplice e commovente, una storia che nasce da storie vere, uno spettacolo necessario in un tempo in cui la dittatura è ovunque ma non si vede, come non si vede un movimento di liberazione che la ostacoli e la debelli una volta per tutte.

Gli spettacoli sono andati in scena all’interno del festival Inventaria:
Teatro dell’Orologio
via de’ Filippini, 17/a – Roma
venerdì 16 maggio, ore 20.30 e ore 21.30

Sezione monologhi/Performance
O.T.E./Le Saracinesche (Bologna) presenta
Ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio
Prima Nazionale
scritto e diretto da Emiliano Minoccheri
con Emiliano Minoccheri, Veronica Strazzari
tecnica Benedetta Carmignano
(durata 25 minuti circa)

Fuori Concorso
Libere Onde Teatro (Roma) presenta
Partigiana
Prima romana
scritto, diretto e interpretato da Melania Fiore
cast tecnico Riccardo Santini
dedicato a Franca Salvatori
(durata 50 minuti circa)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.