Beckett in salsa Colorado

A I Teatri del Sacro, è di scena l’ultima produzione di Punta Corsara/369 gradi, Io, mia moglie e il miracolo.

Famiglia eterosessuale santificata e scuola, sadomasochismo e violenza domestica, inettitudine delle forze dell’ordine e ambigui rapporti con la prostituzione si intrecciano sul palco: in scena, Io, mia moglie e il miracolo.

La violenza entra a pieno titolo in questo lavoro della Compagnia residente a Scampia, quella domestica in particolare – la più nascosta dal muro di conformismo e quieto vivere che il mondo esterno pretende. Negare l’evidenza, subire per rendere o forse essere felici, nella ricerca continua di una soddisfazione surrettizia, in un adeguamento meccanico dei propri bisogni a quelli indotti dalla pubblicità, dalla chiesa, dal vivere sociale.

Il rapporto con i figli e, di conseguenza, con la scuola che abdica sempre più al suo compito formativo, in termini di ore di frequenza e materie, per far fronte al fantomatico pareggio di bilancio, in apparenza; per diventare sempre più discriminante, in realtà. La scuola privata quale luogo idilliaco dove tutto è possibile per i pochi eletti – anche sparire per poi ricomparire, grazie alla presenza di un fantomatico guaritore, misconosciuto quanto il Cristo del Grande Inquisitore di Dostoevskij.

Rapporti impossibili eppure difesi a oltranza, accettazione e mantenimento dello status quo con unioni dove il rapporto di matrice patriarcale e cattolica prevale su tutto il resto, compreso il rispetto per l’altro da sé.
E a fare da sottofondo, i mass media – che s’insinuano con le notizie/veline attraverso radio, tv e giornali “seri”, ossia quelli che fanno opinione e che influenzano, invece di informare, il pubblico. La musica a sottolineare con precisione gli stati d’animo che gli attori non possono interpretare vista la scelta stilistica di chiara matrice beckettiana; un insieme di quadri con un’ottima trama musicale che ricrea atmosfere appropriate alle varie situazioni. Luci per lo più soffuse a sottolineare una regia semplice e lineare.
Uno spaccato di vita recitato con gli stilemi del teatro dell’assurdo, in bilico tra la periferia degradata e le dimore borghesi perché in entrambe tutto e sempre si deve tacitare all’interno delle quattro mura domestiche.
Tanto e di tutto in un testo corposo nella sua stilizzazione che, però, spesso va alla ricerca della battuta facile; del refrain che non riesce ad assurgere al livello dei dialoghi di Didi e Gogo; che ammicca troppo al pubblico in uno stile da cabaret – col rischio che le risate siano le uniche cose che i più ricorderanno al termine dello spettacolo.

Alla fine vince l’happy ending cattolico: il perbenismo della famiglia perfetta, legittima, patriarcale, quella famiglia sbandierata ogni giorno in Italia come l’unica possibile, trionfa – con il suo carico di violenze, tragedie e ipocrisie, compresa la bambina ammazzata dall’amorevole padre e gettata nella lavatrice… nuova.

Lo spettacolo è andato in scena nell’ambito del Festival I Teatri del Sacro:
Real Collegio, Chiostro – Lucca

Sabato 12 giugno, ore 22.30

Io, mia moglie e il miracolo
drammaturgia e regia Gianni Vastarella
con Giuseppina Cervizzi, Christian Giroso, Vincenzo Nemolato, Valeria Pollice, Emanuele Valenti e Gianni Vastarella
disegno luci Giuseppe Di Lorenzo
costumi Daniela Salernitano
scene Marco Di Napoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.