Guai a smettere di sognare

In scena al Teatro della Cooperativa Io provo a volare – omaggio a Domenico Modugno. Nonostante il periodo grave che stiamo vivendo, lo spettacolo di Gianfranco Berardi è un inno alla vita per i giovani d’oggi.

Il testo, nonostante il titolo, non è un’apologia alla vita di Domenico Modugno quanto – come da definizione dell’autore pugliese Gianfranco Berardi – “un’autobiografia apocrifa”. In altre parole: il modello rimane Mister Volare, viste le origini della Compagnia, ma l’idea è quella di raccontare la parabola di qualsiasi artista che tenti di staccarsi l’etichetta provinciale per confrontarsi con l’estero e la creatività che appartiene alle metropoli.

Questo è ciò che fa Berardi in Io provo a volare – omaggio a Domenico Modugno. Racconta, con forza evocativa e dissacratoria, “il desiderio di planare verso gioie sconosciute”. Nel dramma si fondono elementi tratti dalla vita di Modugno, spunti autobiografici, storie raccolte da coetanei trovatisi nella stessa situazione: finiti gli studi, pronti a spiccare il volo, non disposti a trovare una sistemazione comoda con l’aiuto della famiglia. Così Berardi, pur di far parte del mondo dello spettacolo, si imbatte in personaggi poco raccomandabili che, illudendolo, lo costringono a svolgere lavori umilianti: il fattorino in un cinema, la scimmia pronta a essere calata in una gabbia di leoni al circo. Abbandona San Pietro Vernotico, piccolo centro della provincia brindisina, e approda, all’alba, in una Milano grigia, frenetica, ma pullulante di arte. «Tutt’altra vita, ma alla fine è ciò che volevo», racconta l’autore, percorso canonico in Accademia e un tuffo nella selva del mondo del lavoro più tardi. Fino al ritorno a casa, epilogo amaro di un volo compiuto con diversi sbalzi di quota.
Il finale, accompagnato dalle note di Modugno come buona parte dello spettacolo, è malinconico e disperato. Ma Berardi, cappotto lungo nero e volto coperto di cerone, sembra un fantasma che non scoraggia i giovani, perché li invita comunque a volare. Il suo teatro povero e semplice è un inno alla vita. Guai a rassegnarsi: né ora né mai.

Lo spettacolo continua:
Teatro della Cooperativa

via privata Hermada 8, Milano

fino a domenica 28 ottobre
orari: da martedì a sabato, ore 20.45 – domenica, ore 16.00

Io provo a volare – omaggio a Domenico Modugno
di e con Gianfranco Berardi
e la partecipazione di Davide Berardi (voce solista e chitarra) e Giancarlo Pagliara (fisarmonica)
regia Gabriella Casolari
costumi Pasqualina Ignomeriello

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.