Un palco di ghiaccio

Passate le feste, arriva sul palco genovese un vincente allestimento di una delle fiabe più famose di sempre: La bella addormentata nel bosco. Ma a Genova il balletto non è tradizionale.

Il sipario genovese si è alzato per l’ultimo balletto della stagione in coda alle altre due creazioni del binomio storico russo – francese Pëtr Il’ič Čajkovskij (musica) – Marius Petipa (coreografia). Dopo il successo nei mesi precedenti de Il lago dei cigni e dello Schiaccianoci, basato sulla fiaba di Charles Perrault va in scena l’ultimo balletto (sebbene cronologicamente precedente gli altri due) della triade russa.
Il racconto, noto a tutti dalla tradizione favolistica dei Grimm o di Perrault e ai più giovani per la pellicola Disney, si sviluppa in due brevi atti di pura magia.
A rendere innovativo e attrattivo lo spettacolo la scelta, ormai di casa al Teatro Carlo Felice, di confezionare almeno un balletto della stagione in maniera innovativa: sul ghiaccio.
Definire la compagnia di San Pietroburgo corpo di ballo è assai riduttivo: abbiamo infatti davanti a noi artisti, atleti e attori oltre che danzatori i quali si confrontano con la complessità del freddo ghiaccio. In un’armonica contrapposizione di movimenti che vede il balletto classico, morbido e delicato scontrarsi con il virtuosismo e i salti spettacolari del pattinaggio su ghiaccio, si giunge a un risultato di totale perfezione.
Non a torto l’affollato teatro ha applaudito i movimenti, gli appoggi e le prese dei giovanissimi protagonisti.
E a rendere ancora più magica la visione, le semplici scenografie di Olga Osikovskaia e Tatiana Zaikina: gli interni del palazzo reale (non dissimile da quelli del Palazzo d’Inverno) e i freddi e verdi boschi.
Ma a tutto questo si aggiungono i costumi, sempre di Olga Osikovskaia e Tatiana Zaikina: colorati, vaporosi, principeschi per la corte e anche fiabeschi per il finale nel quale, durante le nozze conclusive dei due giovani innamorati, sfilano anche il Gatto con gli stivali e Cappuccetto Rosso con il lupo.
Nel complesso, tutte le figure in scena si mostrano perfette, eleganti e precisamente drammatiche; menzione speciale per la figura di Carabosse (la strega cattiva), perfetta nella parte malvagia per capacità espressive e movimenti.
A orchestrare la fiaba su ghiaccio che ha trascinato gli spettatori ai ricordi della loro infanzia, la direzione del Maestro Arkady Shteynlucht che ha fatto rivivere Čajkovskij in tutta la sua potenza.

«Vivacissima e anche un tantino avventata com’era, non aveva ancora finito di prendere in mano il fuso che si bucò la mano e cadde svenuta.»
C. Perrault, la Bella Addormentata

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro Carlo Felice

passo Eugenio Montale 4, Genova
31 gennaio, 1 e 2 febbraio ore 20.00
1, 2 e 3 febbraio ore 15.30

La Bella Addormentata nel Bosco – Balletto sul ghiaccio
Coreografia, Konstantin Rassadin
Direttore d’Orchestra, Arkady Shteynlucht
Orchestra del Teatro Carlo Felice
Balletto sul ghiaccio di San Pietroburgo
con
Aleksandr Zavatskov, Il Re
Inga Ragosina – Anastasiia Trifonova, La Regina
Ekaterina Kostromina – Vera Osipenko, La Principessa Aurora
Oleg Iagubkov – Maksim Kudriavtcev, Il Principe Désiré
Ekaterina Kostromina – Aleksandra Igolkina – Evgeniia Cherpakova, La Fata dei Lillà
Viacheslav Vodopianov – Iurii Pototckii, Daniil Pushkarev, Carabosse
Aleksandra Igolkina – Evgeniia Cherpakova, La Fata Tenerezza
Mariia Stepanova, La Fata Allegria
Ekaterina Filatova, La Fata Generosità
Vera Osipenko – Anastasiia Gusarova – Iuliia Bespalova, La Fata Canarino
Sergei Golodnev – Oleg Kim, Catalabutte
Oleg Iagubkov – Maksim Kudriavtcev – Aleksandr Zavatckov – Oleg Kim –  Igor Shelopaev, Pretendenti
Kseniia Lavda, La Fata Diamante
Ekaterina Filatova – Mariia Berezovskaia, La Fata Zaffiro
Nataliia Ivanova, La Fata Oro
Iuliia Bespalova, La Fata Argento
Aleksandra Igolkina – Evgeniia Cherpakova, La Gatta Bianca
Iurii Pototckii – Sergei Golodnev, Il Gatto con gli Stivali
Mariia Stapanova, Cappuccetto Rosso
Georgii Baranov, Il Lupo
Vera Osipenko – Oleg Kim – Oleg Iagubkov – Kostromina Ekaterina, L’Uccello Azzurro
Cortigiani, seguito di Carabosse, cacciatori, danzatori del Balletto

Mikhail Kaminov, General Manager
Konstantin Rassadin, Coreografo
Olga Esipova, Manager Compagnia
Kseniia Ladanova – Tatiana Goryshina – Elena Lapshina, Coach prove
Valery Gilnich, Direttore Tecnico
Olga Osikovskaia – Tatiana Zaikina, Scene e Costumi
Irina Nikolaeva – Vera Dadyko – Afanasenko Iuliia, Responsabile Make-up
Anatolii Gensirovskii, Lighting Designer

durata circa 120 min con intervallo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.