«Sarò il tuo specchio»

Il Teatro dei Contrari, fascinoso e raccolto come un bistrot parigino, propone al pubblico una performance degna di nota.

Lo spettacolo intitolato La catena del danno, scritto da Pierluigi Marotta e diretto da Flaminia Graziadei, affronta il tema del rapporto madre figlia, raccontando la storia di un’assenza e della sua perpetrazione. Una donna alla ricerca di un’identità altra e della propria è pronta a distruggere uno specchio scheggiato e tagliente che riflette la sua immagine, sovrapposta a quella della sua non-madre: la disperata volontà di trovare il proprio posto nel mondo, per sfuggire alla condanna della proiezione materna, mira a spezzare la “catena del danno”.

Gli spettatori si accomodano, anzi si rintanano nella minuscola platea, che sembra un grappolo d’uva i cui chicchi aspettano in silenzio di essere scelti. Il palco è sostituito da una struttura di travi in ferro e assi di legno: un grande schermo contrasta con la nuda semplicità dell’apparato scenico. Cala il buio e sul video scorrono lenti pensieri dolorosi, il bruciante soliloquio di una donna commentato dalla musica. I fari illuminano le sagome di due figure femminili: sulle tavole, in bilico tra i tubi, si scontrano i pensieri di una madre, perfetta nel suo abito nero, severa e scattosa, fagocitante e distaccata e la sua figlia adottiva, una ragazza abbandonata alla nascita, madre riluttante e rinunciataria di una bimba. Così, mentre la donna in abito scuro, rigida come la sua pettinatura, dal trespolo più alto rimprovera la figlia per i suoi disastri sentimentali (un matrimonio fallito che le ha lasciato una figlia indesiderata e una relazione in frantumi con l’uomo che ama, un compagno inaffidabile che le spezzerà il cuore) la ragazza reagisce contorcendosi nei ricordi, dondolando sull’impalcatura fragile della propria identità; il dolore di una donna che perpetra la sua storia di abbandono, di una madre che non riesce ancora a essere una figlia. Pesanti come pietre ma vere, le riflessioni sull’universo femminile che tutto perdona agli uomini e tutto contesta alle donne. Pauroso, lo spettro di un dolore che si rigenera nel passaggio di generazione, dove l’unica certezza a cui appigliarsi è quella di non-essere, mentre nulla ancora è chiaro di ciò che si è. Condannata a vivere una vita non sua divenendo il fantasma di un fantasma, incompresa dall’amica d’infanzia, i cui unici problemi attuali sembrano essere i nevrotici borghesi dilemmi sui colori delle tende, una giovane donna si graffia l’anima, cercando di tracciare i confini di una propria identità, per sottrarsi alla schiavitù di una crudele staffetta, in cui il testimone assente passa dalle mani della madre-non madre, a quelle della figlia-non figlia. Bravissime le tre attrici protagoniste che hanno saputo restituire l’empatia dolorosa di stati d’animo disturbanti: per un’ora, nella penombra del piccolo teatro si assiste a una pièce che lascia in bocca il sapore amaro di un veleno indiretto, sorseggiato con gusto.

[nggallery id=35]
foto di Maila Iacovelli/Spot the Difference

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro dei Contrari
via Ostilia, 22- Roma
giovedì 23 febbraio, ore 21.00

La catena del danno
di Pierluigi Marotta
regia Flaminia Graziadei
con Giulia Bornacin, Salima Balzerani, Sarah De Marchi
art direction e costumi Grazia Colombini
video Flaminia Graziadei
musica Michael Koumbios, Les Tambours du Bronx

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.