Oltre le apparenze

Città Del Teatro E Della CulturaFinalmente una ventata fresca nella pisana, merito della realtà teatrale di un piccolo paese con una lunga tradizione teatrale, Cascina. Si preannuncia, infatti, una Stagione intensa alla Città del Teatro e della Cultura, diretta da quest’anno da Luca Marengo e Raissa Brighi

Le prime iniziative in Cartellone sono state dedicate ai più piccoli con il Festival La città dei bambini (dl 26 al 30 settembre), e a seguire avremo un fuoco di fila di nomi che rappresentano il teatro contemporaneo, ma anche quello internazionale, per una Stagione con sottotitolo (forse allusivo) Oltre le apparenze.

Dopo il tumulto degli anni precedenti, nei mesi scorsi è arrivata finalmente la nomina del nuovo presidente (Antonia Ammirati) di Fondazione Sipario Toscana, che ha condotto a un rinnovamento del consiglio di amministrazione e alla scelta dei direttori artistici, Luca Marengo e Raissa Brighi.

A sentire i protagonisti di questo nuovo corso, le idee sembrano chiare e i propositi più che lodevoli: rinsaldare il apporto con il pubblico, favorendo la cosiddetta contaminazione dello spettatore (offrendo, quindi, la possibilità all’abbonato-tipo di sperimentarsi anche con proposte altre); rinnovare il rapporto con le scuole (con il progetto La scuola va a teatro) e con le famiglie (nel tradizionale appuntamento di Domenica a teatro, la Stagione dedicata ai più piccoli); e creare una rete sempre più ampia proponendo residenze e scambi internazionali.

Fra i vari titoli in programma segnaliamo Virgilio Sieni, maestro della danza contemporanea, in scena il 31 ottobre con Pulcinella Quartet (musica dal vivo di Michele Rabbia); Francesco Pennacchia, drammaturgo e regista de Gli onesti – tratto da Aristofane (il 23 novembre); e Compagnia Teatrodilina, che sarà in scena il 1° dicembre con Zigulì. Il nuovo anno vedrà sul palco, il 18 gennaio, Tropicana – con Claudia Marsicano (Premio Ubu 2017 come miglior Under 35), Daniele Turconi, Salvatore Aronica e Francesco Alberici. Il 26 gennaio sarà in scena Sei di Spiro Scimone, adattamento di Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello per la regia di Francesco Sframeli (entrambi premi Ubu). Il 2 febbraio sarà la volta di It’s app to you da un’idea di Leonardo Manzan (che ne cura anche la regia), spettacolo vincitore della rassegna in-Box. Chiuderà la stagione, il 28 marzo, Maleducazione Transiberiana, spettacolo pluripremiato di Davide Carnevali.
Attendiamo speranzosi, anche noi, di poter andare oltre le apparenze.

Città del teatro e della cultura presenta:
Oltre le apparenze – Stagione 2018-2019

programma completo:
cittadelteatro.com/lacittadelteatro/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.