Il Festival Milanoltre, arrivato alla sua 24esima edizione, ospita sul palcoscenico del Teatro Elfo Puccini un artista internazionale e della caratura di Alonzo King con tre estratti da standing ovation.

Le linee fanno parte del nostro mondo: rette o curve, linee che si intersecano. Il lavoro del coreografo statunitense Alonzo King sposa questa poetica: la linearità del movimento di un corpo, nello spazio.

Il primo estratto, Dust and Light è una rappresentazione molto delicata, quasi trattenuta. I corpi si inseguono, si cercano e allontano, come frammenti di polvere che giocano con la luce: Alonzo King evidenzia il paragone anche attraverso la multietnicità e le diverse tonalità di carnagione delle coppie di danzatori, in un ulteriore gioco di luci e ombre, di plasticità chiaro-scurali. I costumi di scena, leggeri e vaporosi, lasciano intravedere i movimenti: ogni singolo muscolo che si contrae e decontrae grazie alla straordinaria padronanza del corpo di questi danzatori. La musica è talmente delicata e i movimenti dotati di una souplesse tale che, talvolta, quasi disturba il rumore delle punte di gesso sul palco. Quando una frase musicale si interrompe, i movimenti riprendono senza aspettare l’attacco della successiva perché anche il silenzio possiede un suono e un tempo originali. Finale d’ensamble che crea la suggestione dei granelli di polvere che si muovono liberamente nello spazio, secondo traiettorie volutamente casuali.

Breve intermezzo con Irregular Pearl – il pas de deux dura infatti solo cinque minuti e rimanda per stile e movimenti a Dust and Light.

Il terzo e ultimo estratto, Shéhérazade, era stato commissionato nel 2009 dal Monaco Dance Forum per il centenario dei Ballets Russes di Monte Carlo. La musica è arricchita dalle suggestioni orientali di Le mille e una notte e ricrea quell’atmosfera magica evocata dai racconti dell’astuta protagonista. Un fondale suggestivo e le luci dai toni caldi fanno da sfondo perfetto. La coreografia – all’opposto, rispetto alla bellezza trattenuta dei pezzi precedenti – trasuda passione, mentre i corpi si muovono sulla musica liberando energia. Alonzo King attinge al balletto classico, ma lo mixa – con originalità e intelligenza – a un modo di fare danza improntato al moderno e all’afro.

In tutti i pezzi, le luci e le scenografie non assurgono mai al ruolo di protagoniste, lasciando al movimento la possibilità di tessere trame e ricreare suggestioni. Il sipario che cala segna la fine dello spettacolo mentre i danzatori continuano a volteggiare quasi che il movimento, per sua natura, fosse infinito. Illusione che sparisce solamente quando si riapre il sipario e l’ensemble riceve uno scroscio di applausi più che meritati.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Elfo Puccini

Corso Buenos Aires, 33 – Milano
giovedì 18 e venerdì 19 novembre

Dust and Light
musiche Arcangelo Corelli e Francis Poulenc
(durata 30 minuti)

Irregular Pearl
musica di Arcangelo Corelli, George Frederich Handel, Marin Marais, Augustin Dautrecourt Sainte-Colombe, Domenico Scarlatti e Antonio Vivaldi
partiture musicali registrate da I membri della Philarmonia Baroque Orchestra
interludi composti e arrangiati da Roy Whelden
produzione in collaborazione con Fleishhacker Foundation
(durata 5 minuti)

Shéhérazade
musiche Zakir Hussain dalla partitura originale di Nikolaj Rimskij-Korsakov
commissionato da Jean-Christophe Maillot, Direttore Artistico del Monaco Dance Forum
con il sostegno di Rudolf Nureyev Dance F., LEF F., John and Lisa Pritzker Family Fund, Ernest Bates F.
(durata 7 minuti)

coreografie Alonzo King
La compagnia Alonzo King Lines Ballet e artisti ospiti (in ordine alfabetico): Christopher Bordenave, Jeannette Diaz-Barboza, Simon Feltz, David Harvey, Ashley Jackson, Laurel Keen, Yu Jin Kim, Michael Montgomery,  Rubinald Pronk, Caroline Rocher, Corey Scott-Gilbert, Meredith Webster, Keelan Whitmore, Ricardo Zayas

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.