La Scena delle donne 2017

Anche quest’anno si rinnova la partnership tra Persinsala , che presenterà Non posso. Farò il giornalista: vita e avventure di Matilde Serao di Valeria Palumbo, e la rassegna La Scena delle donne.
Sul palco de La Scena delle donne si riflettono i temi del dibattito contemporaneo, dalla maternità surrogata, alla crisi economica in Europa, al giornalismo, alle migrazioni al femminile, al mito matriarcale, al desiderio, in una panoramica internazionale che vede emergere la necessità del contributo artistico femminile nel mondo. Autrici e registe mettono in scena il racconto della vita dal loro punto di vista e rappresentano un’avanguardia artistica innovativa, di cui La Scena delle donne vuole dare testimonianza, diventando una delle iniziative mondiali focalizzate sul teatro delle donne, risorsa creativa per l’umanità, non ancora sufficientemente valorizzata e conosciuta.

Sabato 25 febbraio
saletta dell’ex convento San Francesco, Pordenone – ore 17.00
INCONTRO CON LE ASSOCIAZIONI DI DONNE
Confronti e riflessioni sull’attivismo culturale femminile in Provincia di Pordenone

Martedì 28 febbraio
Teatro Mascherini, Azzano Decimo – ore 20.45
FINALMENTE… MI CONCEDO! ovvero strategie di quotidiane resistenze
con Laura De Marchi
Un tragicomico satirico ed irriverente ritratto delle donne contemporanee che sono “al limite”! Sopraffatte dal complesso e caotico mondo contemporaneo dove sono saltati i ruoli, le sicurezze, i valori, affogando alla deriva dei new media tra chat blog siti e facebook, indotte ad ingannevoli e falsi bisogni, insicure, spaesate, “schizofreniche”, le donne di cui tratta Laura De Marchi nel suo nuovo spettacolo sono “al limite”. Al limite di “scoppiare” appunto e prossime, invece che a una “fine” autoindotta, al cambiamento, alla “rivoluzione”, al concedersi… quello che non hanno mai fatto!

Sabato 4 marzo
PALAZZO RAGAZZONI, Sacile – ore 20.45
Circolo della Stampa – Persinsala
NON POSSO. FARO’ IL GIORNALISTA: VITA E AVVENTURE DI MATILDE SERAO
reading giocoso in musica di Valeria Palumbo
voci narranti e canto Sonia Grandi, Paola Salvi, Valeria Palumbo
musica dal vivo Walter Colombo, Carlo Rotondo

Matilde Serao a tutt’oggi è l’unica giornalista italiana che abbia fondato due quotidiani. E’ stata vulcanica, imprevedibile, geniale, coraggiosa, pacifista. Matilde Serao non è soltanto una figura di riferimento per la stampa italiana, ma un’intellettuale a tutto tondo e un’acuta mente politica. Il reading ricostruisce una vita che ha coinciso con un periodo fondamentale della nostra storia.

Lunedi 6 marzo
Ridotto del Teatro Verdi, Pordenone – ore 20.45
M A D E I N I N D I A
di e con Amrita Pande
progetto e messa in scena Ditte Maria Bjerg
scenografia Filippa Berglung
video Miriam Nielsen
produzione Riksteatern (Svezia), Odense Teater e Global Stories (Danimarca)
testo in inglese tradotto simultaneamente in italiano

La maternità surrogata commerciale è un settore in rapida crescita in India. Si tratta di una situazione vantaggiosa per tutti? Di capitalismo globale? Di sfruttamento delle donne povere del Terzo Mondo? Di un nuovo business sul corpo delle donne? Per riflettere su questa controversa vicenda Made in India invita gli spettatori in un viaggio nella baby farm del medico Patels, nella città indiana di Anand, per seguire la storia di due madri surrogate indiane.
Lo spettacolo attualmente in tour mondiale fa tappa per la prima volta in Italia.

Martedì 7 marzo
Grado – Isola delle donne
DONNE E TEATRO: UNA STORIA DI ESCLUSIONE per le scuole
Viaggio attraverso la storia del teatro a cura di Bruna Braidotti e Bianca Manzari.

La conferenza percorre la storia del teatro attraverso il contributo femminile sommerso e nascosto, dai riti eleusini, a cui si deve l’origine del teatro, alla commedia dell’arte, dove le donne per la prima volta calcano la scena, alle sconosciute drammaturghe dei secoli seguenti fino alla contemporaneità con le protagoniste del teatro d’avanguardia e le presenze più significative del panorama mondiale. La conferenza si snoda fra racconti, immagini e reading di brani teatrali.

Mercoledì 8 marzo 
Letture a Cucina 33, Pordenone – ore 18.00
Reading dai testi di quello che le donne non dicono..
a cura di Bruna Braidotti e Bianca Manzari

Lunedì 13 marzo
Aula magna del Centro Studi, Pordenone – ore 10.30
DONNE E TEATRO: UNA STORIA DI ESCLUSIONE per le scuole

Sabato 18 marzo
Comunità Italiana di Buje (Croazia)
LA COMMEDIA DELLE DONNE
di Bruna Braidotti, con Bruna Braidotti e Bianca Manzari

Sabato 25 marzo
Sala Teresina Degan, Biblioteca Civica. Pordenone – ore 18.00
P I G S
Associazione Entropia (Atene)
reading teatrale sulla crisi economica a cura della drammaturga greca Marili Mastrantoni

Pigs è l’acronimo con cui sono identificati Portogallo, Irlanda, Grecia, Spagna, paesi definiti “maiali” per la criticità della loro economia ed additati con questo appellativo perché scialacquatori di risorse e ricchezze e quindi colpevoli della loro stessa crisi. Il reading a cura di attrici della Compagnia di Arti e Mestieri, dirette dalla stessa Mastrantoni, sarà completato da spezzoni video dello spettacolo.

Lunedì 27 marzo
Auditorium Vendramini, Pordenone – ore 10.30 per le scuole + ore 20.45 in serale
TOMATO SOAP
Teatronovela sulla violenza di genere in un’unica puntata
di MANIMOTO’
con Ariela Maggi e Giulio Canestrelli
regia Lydie Le Doeuff

Seguiamo le vicende di Gianni e Gilda dal loro primo incontro, l’innamoramento, la costruzione di una vita insieme, fino a diventare spettatori dell’incrinarsi del rapporto e della prepotenza con cui la violenza ne diventa protagonista. Cogliamo le ritualità malate che si insinuano nella coppia, e la malintesa capacità di perdono che ne sostiene la terribile sopravvivenza.

Tomato Soap utilizza un linguaggio lieve, visuale, ironico, muto, accompagnando gli spettatori al limite della risata, là dove la tragedia diventa grottesco.

Giovedì 6 aprile – evento speciale
in collaborazione con la Compagnia di Arti e Mestieri /Scena delle donne – Rassegna Teatro ON / OFF del Teatro Miela – S/paesati
THE STARS
di Monirah Hashemi – Afghanistan
regia Leif Persson

In Afghanistan Le donne e le loro storie sono state soppresse o sottoposte a severe restrizioni, tanto da farle scomparire, censurate o deviate a beneficio degli oppressori. Monirah Hashemi con questo spettacolo cerca di aiutare le donne a ristabilire la consapevolezza di loro stesse, di far crescere la loro voce, di esprimere le loro idee e di battersi per i loro diritti umani, anche se è costretta a rappresentare lo spettacolo all’estero, non potendo più tornare in Afghanistan. Attraverso la storie di tre donne di epoche diverse denuncia una status di schiavitù, ma anche di poesia e di grazia che comunque le donne riescono a preservare e a trasmettere.

5/6/7 maggio – Pordenone
IL LINGUAGGIO DELLA DEA
a cura di Bruna Braidotti, workshop di archeologia teatrale sul matriarcato e le figure del femminile

Maggio
SE TUTTE LE DONNE DEL MONDO
Reading con le donne migranti della Provincia di Pordenone
Racconti di storie di vita, leggende e favole in una festa conviviale di conoscenza reciproca

Info e prenotazioni
La Scena delle donne
Via S.Valentino, 11 33170 Pordenone – Pn
043440115–3400718557
info@scenadelledonne.it – www.scenadelledonne.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.