Pergolesi in salsa punk

Dopo Ubu rex, la giovanissima Compagnia degli Scarti insiste sul tema del potere e delle sue terrificanti manifestazioni, e l’ironia dissacrate tipica del gruppo conquista il palco del Pim Off.

Si parte da Pergolesi e dalla sua Serva padrona, e del famoso intermezzo comico resta intatta la vicenda e l’intento critico. Per il resto, la regia di Enrico Casale si diverte a stravolgerne, violarne ed esasperarne le dinamiche originali, scartando gli orpelli drammaturgici e distillando una verità sulla natura umana che trova nel linguaggio punk l’espressione più esaustiva.

Nessuna compiacenza per Uberto e Serpina in questa Serva padrona: entrambi spogliati di umanità, sono la rappresentazione della faccia più perversa dell’uomo colto nella sua quotidianità domestica. Non c’è limite né pudore alle sevizie che via via l’intimità ispira loro. E se in Pergolesi la serva, con l’astuzia, diventa padrona e Uberto è vinto dal nuovo ruolo che ella gli impone, qui la commedia del potere è continuamente ribaltata: l’una e l’altro non si danno pace, ogni volta perdendo il comando, e non hanno il tempo di godere del proprio sadismo che già sono ricapultati in un ruolo subalterno.

Un campionario di linguaggi di diversa provenienza sono disciplinati (o indisciplinati?) dalla matrice punk che sostituisce ai cembali le chitarre elettriche e ai vocalizzi settecenteschi il grido velenoso e volutamente stonato.

Il contesto caotico in cui prende forma lo spettacolo è insieme specchio distorto della realtà e azzardo teatrale: impressiona lo spessore autodidattico degli gli attori e l’originalità  di questa anomala e coraggiosa chiave interpretativa.

Interessanti i riferimenti all’handicap sebbene non sempre chiaro il legame con l’intera vicenda. Uberto si presenta in apertura di performance in carrozzina e privo delle gambe, tranne poi riacquistarne miracolosamente l’uso. Il trucco è svelato e la fasulla condizione non è altro che un espediente patetico atto solo a farsi meglio servire.

Il monologo che nel finale vede il servo Vespone ricalcare visivamente la Passione di Cristo in un’invettiva contro il padre e contro Dio è forse il momento drammaticamente più denso; un sacrificio scenico che offre un contraltare di purezza alle perversioni degli altri due caratteri.

Sul precedente Ubu rex gli intenti della compagnia erano chiari e non smettono di colpire ne La serva padrona: il motore resta una rabbia forte contro l’abuso del potere da parte dei governi come “del compagno che ci prendeva in giro alle elementari”. Il tema è considerato dalle sua fondamenta, nelle sue manifestazioni più dirette e universali ed è apprezzabile la purezza di una genesi artistica che parte dalla volontà di “cacciare il cattivo e goderne”, permettendo al pubblico di condividere una rivincita.

L’immaginario segnico si orienta tra due binari opposti: da una parte la volontà registica di rappresentare il caos, l’umana tendenza alla distruzione e al sovvertimento dell’ordine, dall’altra  l’esigenza di trovare all’interno di questa spinta una sorta di organizzazione e di pulizia, come suggerito dall’impianto scenografico, tripartito e frontale, e dal susseguirsi delle scene, in cui nessuna si sovrappone all’altra nonostante siano moltissimi i segni, gli arredi, gli imput scenici che tendono all’entropia.

Lo stesso utilizzo del playback sembra inserirsi in questa prospettiva: le voci sarebbero state più sporche se urlate dal vivo ma se ne sacrifica l’impatto preferendo una presa di distanza anche emotiva dal caos imperante.

Molti gli spunti per questa anteprima nazionale e molte le attese per quello che diventerà; senz’altro una compagnia che si conferma vitale, coraggiosa e da tenere d’occhio.

 

Lo spettacolo è andato in scena:
Pim Off
via Selvanesco, 75 – Milano
da mercoledì 19 a venerdì 21 dicembre, ore 20.45

La serva padrona – Pergolesi was a fuckin’ rockstar
Anteprima nazionale
da Pergolesi
con Alessandro Cecchinelli, Chiara De Carolis, Simone Bianchi
regia Enrico Casale
assistente alla regia e alla drammaturgia Alessio Torreggiani
scenografie Alessandro Ratti
costumi Sara Navalesi, Rossana Crudeli
direzione musicale/arrangiamenti: Jacopo Simoncini, Andrea Cerri
musicisti Giacomo Lomasti (chitarra elettrica), Gianmaria Molossi (basso), Niccolò Spinatelli (batteria)
mixaggio/post-produzione musicale Niccolò Spinatelli (Nik studio) rumore TMOTCProduzione compagnia degli Scarti, Centro Dialma Ruggiero, Istituzione per i Servizi Culturali, Fuori Luogo – percorsi teatrali nel presente
 
Finalista Premio MyDream 2012 – Teatro Piemonte Europa
Finalista E45 Napoli Fringe Festival 2012– Napoli Teatro Festival
Vincitore “Stazioni d’Emergenza IV” – Teatro Stabile d’Innovazione Galleria Toledo, Na

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.