Allo Zelig di Milano apre i battenti il laboratorio che affronta il tema della sessualità in chiave comica. Par condicio garantita tra opinioni femminili e maschili.

Risate assicurate non solo dalla malleabilità dell’argomento, ma anche dalla bravura dei comici: il cabaret si fa “hot” e sul palco di Zelig si parla di sesso, un argomento fin troppo ricco di sfaccettature per non riuscire a coinvolgere il pubblico del più blasonato cabaret milanese.

Nasce così – da un’idea di Giovanna Donini e Andrea Midena – il laboratorio Sex and the Zelig, andato in scena – come primo appuntamento – giovedì 7 ottobre. Uno spettacolo che affronta i tabù sessuali con lo scopo di far sorridere, ma senza mai scadere nella volgarità.

Lo show si articola in due parti, nelle quali gli sventurati ospiti di turno si sottopongono a un questionario irriverente che cerca di mettere a nudo difetti e paranoie – chiamati in causa, sul palco, dai presentatori. Uno spazio assolutamente paritario in cui l’argomento sesso è osservato sia dal punto di vista delle donne che da quello degli uomini, con relativi moderatori di sesso opposto.

Nella prima parte, infatti, sul palco a tener banco sale una splendida Debora Villa – remota parente dell’impacciata impiegata Patty di Camera Cafè – che presenta e intervista gli ospiti con la sua dirompente e innata simpatia, in una veste che le calza a pennello. A subire le impertinenti domandi la special guest Cecilia Vecchio, insieme ai disturbatori di turno: Andrea Midena con le sue ricerche sulle curiosità sessuali online, Gigi Rock con il suo dubbio sex appeal, Rafael Didoni nel ruolo di biografo provocatore, Annagaia Marchioro nei panni di una provocante valletta gay, e Cinzia Marseglia – la burbera signora della porta accanto. La rotazione dei personaggi è vertiginosa e le battute si susseguono tanto da far perdere il filo del discorso ai comici stessi, che più di una volta sono travolti nel caos della discussione.

Il secondo tempo, invece, oltre ai già menzionati disturbatori lascia spazio all’irriverente questionario di Andrea Midena – questa volta nei panni di presentatore di uno tra i personaggi storici di Zelig (ma di anche altri programmi tv), ossia l’autore e musicista Savino Cesario. Il noto collaboratore di comici del calibro di Paolo Rossi, Gioele Dix e Maurizio Crozza, regge a un’incessante serie di domande spietate che scavano nella sua intimità, ribattendo colpo su colpo, dando vita a diversi siparietti davvero esilaranti, nel vecchio stile di Zelig.

Sex & the Zelig non rientra tanto nella categoria degli spettacoli di cabaret, quanto in quella dei talk show comici, in cui non è necessaria una scaletta con tempi, battute ed entrate, ma solo una tematica che sappia solleticare la fantasia dei personaggi che calcano la scena, un minimo di canovaccio e il resto va da sé. In oltre due ore di spettacolo si ha la sensazione che nulla di tutto ciò che si vede faccia parte di un copione, ma la mano degli autori c’è e si nota nei dettagli e nella rotazione dei comici. Intelligente in questo senso è la scelta di dare un tocco di serietà  alla discussione, inserendo anche la figura di una sessuologa, Fiore Bottazzi, che – spiegando dal punto di vista scientifico gli argomenti trattati – innesca gag e battute, risultando così spalla perfetta per gli attori.

Impertinente, stuzzicante, mai banale Sex & the Zelig spoglia gli spettatori, lasciando loro la sensazione che – al di là dei comici – si sorride anche per esorizzare le proprie paure e i tabù su un argomento che danza in modo funambolico con il carattere di ognuno di noi. Un laboratorio intelligente che va seguito durante tutto il suo percorso. 

Lo spettacolo andrà in scena:
Zelig Cabaret

Viale Monza 140 – Milano
Giovedì 28 ottobre

Sex & the Zelig
laboratorio a cura di Giovanna Donini e Andrea Midena
con Debora Villa, Andrea Midena, Rafael Didoni, Gigi “Rock”Rossetti, Cinzia Marseglia e Annagaia Marchioro
special guest Savino Cesario, Fiore Bottazzi e Cecilia Vecchio

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.