A fior di labbra

La regista Carlotta Corradi debutta come autrice al Teatro Due di Roma, portando in scena dubbi, paure e aspirazioni tipiche della sfera femminile

Si apre il sipario e davanti alla platea appare una sposa delicata e malinconica, dritta, che guarda nel vuoto. La giovane, che ricorda le graziose sposine di Peynet, è una donna romanticamente moderna, attanagliata da dubbi che nel cosiddetto “giorno più bello” la condurranno a una decisione per lei estrema, in un braccio di ferro col destino.
Bianca (Elisa Alessandro) è la protagonista di Lipstick, commedia in «tre strati più epilogo», scritta e diretta da Carlotta Corradi. I “tre strati” sono quelli del rossetto del trucco da sposa (matita, colore e lucidalabbra), come spiega Elena (Claudia Mei Pastorelli), la truccatrice. L’autrice si serve dell’audace metafora per raccontare la personalità – stratificata – di Bianca, che ha sempre vissuto per compiacere gli altri, reprimendo le sue aspettative. I classici dubbi, le paure e le perplessità di ogni donna nel momento di pronunciare il fatidico “sì”, per la protagonista della pièce, hanno origini recondite. La donna, infatti, è paralizzata dal timore di deludere chi la ama ed è intrappolata tra la presenza ingombrante della madre (Paola Sambo) e un fidanzato (Michelangelo Tommaso in voce) distante, se non assente. La vita di coppia si trasforma, così, nel consumato cliché del ménage à trois, in cui lentamente si insinua Elena. Personaggio forte e volitivo, indipendente e omosessuale, Elena è la figura più originale del terzetto e si contrappone alla madre di Bianca, spumeggiante e ironicamente perbenista nell’interpretazione della Sambo.
Le scene sottolineano il passaggio dall’assenza di pensiero indipendente da parte di Bianca fino alla presa di coscienza della realtà. Questa consapevolezza la condurrà a scegliere la libertà, a opporsi a un destino segnato da altri. Questo progressivo passaggio interiore è sottolineato dai colori: nel bianco iniziale si inseriscono dettagli in rosa acceso, il colore preferito della protagonista e per questo metaforico oggetto di dissapori tra lei e la madre.
Al debutto come autrice, Carlotta Corradi conferma l’interesse a esplorare il mondo femminile, dopo Piccoli crimini coniugali e The Women. La giovane regista gioca con i clichés e le contrapposizioni. Il rischio è di restare intrappolati: il finale appare scontato, nonostante la commedia risulti, nel complesso, gradevole e fresca.

Lo spettacolo continua:
TeatroDue Roma
vicolo dei Due Macelli, 37 – Roma
fino a domenica 4 dicembre
orari: da martedì a sabato ore 21.00, domenica ore 18.00
biglietti: intero 15 Euro, ridotto 12 Euro
(durata 1 ora e dieci circa senza intervallo)

Produzione Quattroquinte presenta
Lipstick
di Carlotta Corradi
regia Carlotta Corradi
con Elisa Alessandro, Claudia Mei Pastorelli, Paola Sambo e la voce di Michelangelo Tommaso
musica Radiosa Romani
costumi Silvia Nurzia
scene Gaia Mussi
luci Maximiliano Lumachi
aiuto regia Tullia Raspini
direzione di scena Charis Goretti
graphic design Indro Uttinacci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.