Oltre la violenza endemica: Mexico nos urge!

Liv Perfoming Arts Centre apre la stagione 2017 con un focus dedicato a Megalopolis#Messico.

Instabili Vaganti propongono all’attenzione della comunità un problema urgente che riguarda tutti: il rispetto dei diritti umani – il che implica verità e giustizia. Nato nel 2012, il progetto Megalopolis, ideato da Instabili Vaganti, si propone di indagare il rapporto fra globalizzazione, cultura e tradizione, gli effetti sul quotidiano e sul sentire di chi vive in enormi città di Stati in cui, fra l’altro, la distanza fra capitale (o grande città) e resto del Paese è molto marcata. Con workshop, residenze e performance site-specific nelle più grandi metropoli del pianeta, Megalopolis ha indagato e cercato nuovi input per la creazione artistica e la riflessione culturale sull’era globale.

Se già la parte del progetto dedicata al Messico, Megalopolis#Messico, era incentrata sul tema della paura generata da Stato e narcotraffico nella popolazione, attraverso sparizioni forzate, morti e violenza impunita; dopo i fatti del 26 settembre 2014 a Ayotzinapa, Megalopolis#Messico ha trovato nella storia dei 43 studenti scomparsi l’emblema di una situazione oltremodo drammatica (in cui la responsabilità dello Stato non è chiara, soprattutto per quanto riguarda le indagini).
La situazione in Messico è pesante, per usare un eufemismo: oltre 100 i giornalisti uccisi dal 2000; un Governatore di Stato (quello di Veracruz) soprannominato El Mataperiodistas (L’ammazzagiornalisti); più di centomila morti e trentamila desaparecidos; molti, impegnati nella difesa dei diritti umani o nella tutela dell’ambiente e del territorio, uccisi o vessati. In queste vicende le responsabilità dello Stato e del narcotraffico si confondono, in un clima di palese impunità, illegalità e violazione dei diritti dell’uomo.

Nel frattempo, non si ha ancora una verità per Ayotzinapa, una vicenda che ha scatenato l’indignazione, la reazione e la protesta di gran parte della popolazione messicana (purtroppo non tutta) e mondiale, di artisti e intellettuali; mentre il governo di Enrique Peña Nieto, proclamata la sua “verità storica” nel 2015, procede sulla sua strada (le ultime riflessioni in merito – quelle di David Fernández Dávalos, rettore dell’Università Iberoamericana – suggeriscono che lo Stato con il suo comportamento stia proteggendo qualcuno o qualcosa di molto importante).
Mexico Nos Urge (la cui promotrice, Ruby Villarreal, sarà presente all’incontro del 3 marzo) è l’appello che ricorda al mondo una grave situazione di violenza e impunità, e chiede che si mettano in discussione i rapporti con un Paese, il Messico, in cui sono palesemente violati i diritti umani.
A partire dal 10 febbraio scorso, Bologna e la sua area metropolitana si è aperta al progetto Megalopolis#Messico. Prima tappa è stata OPENCALL#43, il workshop intensivo a cura di Instabili Vaganti. Dal 10 al 19 febbraio in residenza al Liv, un gruppo di attori e danzatori ha lavorato con la Compagnia sul tema della sparizione dei 43 studenti messicani. Il coro da loro formato si unirà al cast dello spettacolo di Instabili Vaganti, Desaparecidos#43.
Il 3 marzo, alle ore 20.30, presso la Casa per la pace La Filanda, a Casalecchio di Reno, si terrà Ayotzinapa Somos Todos: una questione di appartenenza, incontro con ospiti internazionali per affrontare da vari punti di vista, ambiti di studio e prospettive, il fenomeno delle sparizioni forzate, che non hanno smesso di flagellare alcuni Paesi dell’America Latina e, in particolare, il Messico.

All’incontro prenderanno parte, oltre alla citata Villarreal, Nicola Pianzola e Anna Dora Dorno della Compagnia Instabili Vaganti, il professor Giovanni Gentile Marchetti dell’Università degli Studi di Bologna, docente di Lingua e letterature ispano americane del Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne; Carlos Rangel Perez (Messico), rappresentante di Asociación Cultural Rosa Mexicano e responsabile per l’Italia della mostra Huellas de la memoria, Giulia Iacolutti, fotografa e responsabile del progetto 365porlos43, e l’artista visiva Luana Filippi.
Dal 27 febbraio al 13 marzo si terrà altresì la residenza artistica presso il Liv, del danzatore e coreografo messicano Omar Armella Romero; mentre, l’ultimo giorno, all’interno della rassegna La soffitta, dell’Università di Bologna, sarà presentato lo spettacolo Desaparecidos#43.
A partire dal 2 maggio, molti gli eventi in programma con l’International Workshop Festival PerformAzioni – che proseguirà fino al 2 giugno. In questa VI edizione sono previsti un convegno sull’alta formazione con ospiti internazionali; il workshop intensivo sul nuovo progetto di ricerca Body & Voice, diretto da Anna Dora Dorno e Nicola Pianzola; e la terza edizione di Encuentro Fronterizo, una tre giorni di workshop e performance incentrati sul confronto tra la Compagnia cilena Performer Persona Project e Instabili Vaganti.
Date e appuntamenti sono ancora da definire.

Programma LIV – Performing Arts Centre 2017

Megalopolis#Messico
di Instabili Vaganti
da venerdì 10 febbraio a lunedì 13 marzo
Bologna – varie location
incontri, appuntamenti, spettacoli, residenze, workshop

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.