Il corpo si mette a nudo

Penultimo capitolo della Trilogia dell’indagine sull’uomo, targata Scimmie Nude. Con Macchine, sinfonietta per corpi e voci – in scena al Teatro Verdi di Milano – la Compagnia conquista la platea.

Freddo e gelo prenatalizi non hanno impedito, qualche sera fa, alla Compagnia Scimmie Nude di dare una grande prova attorale e filosofica. Lo spettacolo Macchine – di Gaddo Bagnoli – è infatti originale e dinamico nella sua voluta ripetitività. La ricerca e la sperimentazione, che ne sottendono il risultato, sono chiaramente e magistralmente ereditate da mostri sacri quali Antonin Artaud – il teorico della “crudeltà” in teatro; mentre per il coté fisico-muscolare, si hanno rimandi al lavoro sull’attore di Grotowsky o all’uomo biomeccanico praticato da Mejerchol’d.

Tre interpreti, vestiti di un bianco candido, sperimentano e si muovono su un palco deserto, attraversati da gesti ripetitivi e sincopati, in una danza costruita da movimenti prefissati, ingabbiati in sequenze fisiche e verbali che cercano un senso altro alla loro meccanicità, al loro essere meri automatismi istintivi. La crudeltà dei corpi e delle menti umane – imprigionate nella loro fisicità – che reagiscono agli stimoli esterni come per inerzia, istintivamente, con azioni che non denotano quindi l’appartenenza al genere umano, bensì comportamenti che sono l’insieme prevedibile – diremmo “matematico” – di tali azioni, è resa perfettamente nel corso di uno spettacolo che sa essere, contemporaneamente, molto poetico e incredibilmente ironico.

Decisamente interessante l’approccio con il quale Gaddo Bagnoli – autore della rappresentazione – ha voluto approfondire, attraverso il corpo, il rapporto tra essere umano e comportamento. Come se nulla esistesse al di là della carne e nulla potesse realmente esistere proprio perché se si potesse credere in un’essenza, sarebbe comunque un’entità imprigionata in quel corpo.

Facile cadere nella retorica o, peggio ancora, nel narcisismo dell’autoreferenzialità – alla quale molti spettacoli di ricerca tendono – ma, sebbene la posta in gioco fosse alta, possiamo affermare con piacere che la partita è stata vinta.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Verdi
via Pastrengo, 16 – Milano
da venerdì 14 a domenica 16 dicembre

Macchine, sinfonietta per corpi e voci
uno spettacolo di Gaddo Bagnoli
assistente alla regia Igor Loddo
con Claudia Franceschetti, Andrea Magnelli e Marco Olivieri
musiche originali Sebastiano Bon e Francesco Canavese
organizzazione generale Francesca Audisio
produzione Federica Maria Bianchi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.