Fragilità

due-teatro-roma-80x80Manuale distruzione di e con Mariantonia Capriglione va in scena, all’interno del DOIT Festival – Drammaturgie Oltre Il Teatro, al Teatro Due di Roma.

Definita nell’ormai lontano 1979 dallo psichiatra britannico Gerald Russell, la bulimia è uno degli esiti più evidenti delle contraddizioni che caratterizzano la contemporaneità occidentale come società del benessere. Essa rappresenta infatti una delle manifestazioni più specifiche dei tempi moderni e della sua ipocrisia di fondo e va distinta da quella anoressia cui è spesso accostata e a cui è invece possibile riconoscere l’illustre precedente nei digiuni spirituali del medioevo.

La bulimia (Mia per chi ne è vittima, come ci ricorda Manuale distruzione) può dunque essere interpretata come la spia del lato oscuro di uno status (appunto, il benessere) declinato in primis dal punto di vista materiale e veicolato da pratiche comportamentali paradossalmente in grado di legare consumo e annientamento che hanno finito per istituzionalizzare un modello di competitività nel quale la qualità dell’individuo viene a essere determinata da quella che potremmo definire la capacità di performance, ossia la produttività di beni materiali e immateriali. Tale modello non è ovviamente neutrale, ma è emblema di una vera e propria disumanità che, purtroppo, risulta in grado di legittimare, per fare un esempio, l’attuale dibattito in termini di opportunità politica (consenso) o economica (disponibilità di posti di lavori) in relazione ai recenti fatti di cronaca sull’immigrazione così dimenticando in maniera clamorosa quel dovere all’accoglienza e quel diritto alla migrazione dei popoli che ha strutturalmente forgiato l’essere umano fin dalle sue origini.

Manuale distruzione tenta proprio di formalizzare nel linguaggio teatrale questo disturbo del comportamento alimentare – male endemico, radicato e diffuso che porta per lo più donne tra i 18 e i 25 anni prima a ingurgitare smodate quantità di cibo per poi non metabolizzarlo attraverso il vomito o un eccessivo sforzo fisico – mettendo in scena lo psicodramma di una aspirante attrice combattuta tra la vocazione artistica e la coercizione (tanto pubblica quanto privata) che, da sempre, la (auto)etichetta nei panni del brutto anatroccolo di turno. Una dialettica impossibile tra volontà di bellezza e desiderio di sentirsi adeguati che determinerà quasi fatalmente lo scacco della protagonista, schiacciata dal peso del conformismo sociale e dei propri sogni infranti.

Tuttavia, dopo l’iniziale e audace parallelismo tra il piano artistico dell’attore e quello esistenziale di una donna fuori misura, il monologo sembra mostrare il fiato corto e non pagare nella scelta del drastico cambio di registro (ironico nella prima parte, tragico nella seconda) e la totale dipendenza dalla (pur buona, anche se troppo ingenua nell’interazione con il pubblico) tenuta attorale di Mariantonia Capriglione, votandosi così a una restituzione quasi totalmente verbosa del proprio contenuto e visivamente didascalica rispetto all’esposizione del corpo dell’attrice.

Un allestimento promettente per la radicalità della tematica, poetico nell’accostamento metateatrale e complessivamente convincente nell’interpretazione, vittima però di una drammaturgia troppo frammentata e accennata per risultare realmente – almeno a parere di chi scrive – efficace.

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro Due Roma

teatro stabile d’essai
Vicolo dei due Macelli, 37

DOIT Festival – Drammaturgie Oltre Il Teatro
Direzione artistica Angela Telesca – Cecilia Bernabei
28 aprile – 24 maggio 2015
in collaborazione con L’Artigogolo, I edizione del concorso di drammaturgia contemporanea
a cura dell’Associazione Culturale ChiPiùNeArt

5-6 maggio
Manuale distruzione
di e con Mariantonia Capriglione
regia Raffaele Romita
Compagnia Fatti d’Arte – Bitonto (BA)
Premio della critica al Roma Fringe Festival 2013
Spettacolo vincitore del Festival Teatrofficina 2014

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.