Istanti dall’aldiqua

La tragedia del Vajont raccontata negli attimi prima che diventasse cronaca. Le memorie di una classe di quinta elementare decimata dal disastro e del maestro, morto nell’anima insieme ai suoi allievi e suicidatosi trent’anni dopo.

I rumori di una stazione in sottofondo danno un senso di inquietudine. La corsa sulle rotaie, il fischio perentorio impongono un certo timore reverenziale, quello che si tributa a un mostro sacro che incute, nello stesso tempo, ammirazione e soggezione. D’altronde la locomotiva è sempre stata un simbolo di progresso, solido e inarrestabile , capace di favorire lo sviluppo industriale e tecnologico dei popoli. Il progresso, però, ha un prezzo, si sa. Su questo sottofondo sonoro e immaginario, si distingue la voce di un maestro elementare, a piedi nudi, come i ragazzi della sua quinta, dietro di lui. Tra interrogazioni e recite scolastiche, ripercorrono l’intera vicenda, dai primi progetti, fino all’epilogo della diga. Davanti, defilato, un ragazzo dall’aspetto più moderno, con le cuffiette nelle orecchie, seduto più o meno scomposto sulla panchina della sala d’aspetto. Lui ha le scarpe, gli altri non più perché ai morti non si usa lasciarle.
Memoria di classe si propone di restituire i fatti con minuzia, attraverso un testo teatrale scritto dal giudice che per sei anni condusse l’istruttoria del processo. Le parole dello spettacolo sono tutte vere, pronunciate o scritte da chi quella catastrofe l’ha vissuta, l’ha causata, l’ha ostacolata. Questa scelta lega, di fatto, la finzione teatrale alla realtà, dando alla rappresentazione un connotato tragico e pieno di angoscia.
Lo spettacolo riporta alla luce ciò che è successo prima del disatro, quando i riflettori erano spenti e il coro del pietismo nazionale non si era ancora levato. I commentatori “del lunedì”, a partita giocata, tendono a ricordare i fatti in modo sintetico, limitandosi a enumerare vite e colpe, come fa il ragazzo sulla panchina, rimasto in silenzio durante lo spettacolo e che prende la parola quando gli altri ormai tacciono: «Era il 9 ottobre 1963, in quattro minuti morirono 1910 persone spazzate via da cinquanta milioni di metri cubi di acqua». La tragedia collettiva rimane telegrafica nelle cronache e nella memoria, ma poche volte si guarda indietro, per rendersi conto che l’atto finale è stato preceduto da milioni di istanti individuali che hanno il sapore della paura, del sentore angoscioso, delle premonizioni che sanno di morte.
Angoscia, spavento, indignazione. I sentimenti emergono dalla recitazione credibile e intensa degli attori in erba, giovani studenti dai 14 ai 18 anni, che recitano con la passione non di chi finge, ma di chi conosce e si emoziona per ciò che sta riportando alla luce.
Il 50° anniversario del disatro del Vajont è commemorato in modo degno da chi, dopo decenni, ha smesso di guardare avanti e si è fermato un attimo a guardare indietro, per ascoltare le voci ammutolite e i colori stinti per sempre.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Vascello
via Carini, 78 – Roma
giovedì 7 novembre, ore 21.00

Tina Merlin, Teatro di Castalia Samizdat & Company presentano
Memoria di classe
lettura/spettacolo di Maurizio Donadoni
con Maurizio Donadoni, Andrea Battistini e gli studenti dell’Istituto Galilei di Belluno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.