Al Teatro Franco Parenti, il passato rivive grazie ai ricordi di due custodi.

Dimenticate sipari, seggiolini in platea, luci che si abbassano. Sostituiteli con tavolini, tè e biscotti. Otterrete gli elementi principali dell’esperimento del Teatro Franco Parenti “Teatro alle 18.30”. Mentre si degusta la merenda, un uomo vestito in camicia, papillon e bretelle si rivolge a una spettatrice e le dice: «Io l’ho già vista». Risposta: «No, non mi sembra». «Sì, sì, è già stata qui». Subito una signora anziana si avvicina a un altro tavolo e chiede se quel posto vuoto è libero e può sedersi.

La pièce è già iniziata. I due strani signori non sono altro che due custodi, Vladimiro ed Eugenia, che rivivono, insieme agli spettatori, i momenti più significativi della storia di quello che fu il Salone Pier Lombardo, andando a riscoprirne le origini – le prime interpretazioni di Franco Parenti – gli spettacoli più significativi – l’Ambleto e il Macbetto di Testori, il Maggiore Barbara di G. B. Shaw, il Bosco di notte di Sansone – e i momenti di passaggio – i tre anni di chiusura per la ristrutturazione dell’edificio. Il tutto perché hanno avuto la possibilità di andare in televisione per parlare del teatro, considerato ormai in fin di vita. Devono e vogliono, invece, dimostrarne la vitalità e l’immortalità. Si abbandonano così ai ricordi, che rivivono nella loro mente – e in quella degli spettatori – tramite le loro parole, i loro gesti, i loro sguardi.

È sorprendente che nel rammentare i momenti felici, le soddisfazioni e la loro giovinezza non ci sia nessuno spazio per la nostalgia, a dimostrazione di come non sia tutto finito, ma ancora in pieno svolgimento. Il teatro è vivo.

«Il teatro siamo noi» sembrano dire gli attori che si aggirano con naturalezza tra i tavoli e che si rivolgono con disinvoltura agli spettatori. La cosiddetta “quarta parete” non è solo superata, è abbattuta. I custodi diventano una sorta di memoria teatrale. Ed è curioso come questa memoria sia mantenuta da soggetti solitamente passivi nell’ambito teatrale. Passivi come il pubblico. In questa pièce, invece, succede tutto il contrario: gli spettatori sono coinvolti, parlano con gli attori, vivono lo spettacolo in prima persona. Si riscopre un rapporto tra attori e spettatori ormai scomparso e che ci ricorda che il teatro non sono solo gli interpreti, i registi, i dirigenti, ma siamo tutti noi.

I due custodi dovevano andare in tv per parlare della morte del teatro. Più forte smentita non potevano dare.
L’esperimento del Parenti è superato a pieni voti. Il modo ideale per chiudere una giornata intensa di lavoro o di studio nel divertimento, nella riflessione e nella serenità.
Originale, sorprendente, imperdibile.

Lo spettacolo continua:
Teatro Franco Parenti
via Pier Lombardo 14 – Milano
fino a domenica 16 maggio
orario degli spettacoli: ore 18.30

Memorie custodite
Bob Marchese e Fiorenza Brogi
di Federica Di Rosa
da un’idea di Andrée Ruth Shammah
regia di Benedetta Frigerio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.