Confessioni di una ragazzina di 41 anni

Al Teatro libero di Milano è andato in scena fino al 12 febbraio Mi piace da morire, un one woman show in cui una piccola e brillante donna marchigiana (una bravissima Debora Mancini) affronta grandi temi e verità della vita in forma comica, accompagnata dalla musica dal vivo dell’abile Daniele Longo.

È una caratteristica di tante donne comiche giocare sui propri difetti fisici per creare un personaggio, ma spesso il risultato è che queste donne ci appaiono sì simpatiche, ma anche un po’ patetiche e il riso si accompagna spesso alla compassione. Non è il caso di Debora Mancini, piccola e agguerrita marchigiana di 27 anni, quasi 41 (come lei stessa si presenta), che del proprio essere piccola e un po’ bambinesc ha fatto un punto di forza, tanto da sembrare una gigante in scena.

Per più di un’ora e mezza Debora tiene il palco con una presenza scenica e una sicurezza che non tutti i comici hanno, forse forte della sue numerose esperienze in radio (come autrice e conduttrice di programmi comici) e in TV (al fianco di grandi personalità all’interno di fiction e vari format televisivi); Deborasenz’acca – sorta di alter ego della Debora vera che si dichiara timida e introversa – si racconta senza mezzi termini e affronta così temi di ogni genere, partendo dalle proprie esperienze di donna e per riflettere su tutto un po’: gli uomini, l’amore, le relazioni in generale, finanche a toccare la morte e, in chiusura, la filosofia e la letteratura, così proponendo spunti di riflessione al tempo stesso divertenti e profondi. La grande qualità di questa piccola ed energica marchigiana è proprio quella di riuscire a trattare gli argomenti più seri con intelligente levità e ironia brillante, senza mai scadere nel volgare (facile tattica usata da molti comici per guadagnare facili risate), anzi elevando qualsiasi battuta a catartica riflessione.

Ad accompagnarla in questo viaggio pieno di risate genuine e spassionate, il bravissimo Daniele Longo, un po’ spalla comica, un po’ comprimario, ma soprattutto eclettico e raffinato musicista che sa dare il giusto accompagnamento musicale ad ogni passaggio.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Libero

Via Savona 10 – Milano
dal 6 al 12 febbraio
dal lunedì al sabato ore 21.00; domenica ore 16.00

Mi piace da morire
di e con Debora Mancini
musica scritta ed eseguita da Daniele Longo
collaborazione ai testi Manuel Serantes Cristal e Giovanni Tamborrino
scenografie Riccardo Pirovano e Marta Fumagalli
costumi Lubna Balazova
produzione Associazione realtà Debora Mancini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.