Ballando allo specchio

elfo-pucciniAl festival MilanOltre 2013, il Ballet National de Marseille, tra giochi di specchi, video, transenne e tanta sensualità.

Frédéric Flamand collabora da molti anni con gli architetti. La danza e gli edifici: un connubio insolito, ma stimolante. Qui, in Moving Target (alla prima italiana per MilanOltre 2013), ha lavorato con gli architetti newyorkesi Diller+Scofidio per rievocare i diari non censurati di Nijinsky. In realtà lo spettacolo, davvero composito, tanto da risultare a volte difficile da seguire, contiene molto altro. Ci sono ovviamente i bravi (non bravissimi) ballerini del Ballet National de Marseille. Il livello dei danzatori non è uniforme: sciolte e atletiche le ballerine di origine asiatica, più impacciate quelle di origine europea. Tra i maschi nessuno ha spiccato in modo particolare (se non per la sensualità). Tutti però si muovono con grande armonia e nessuno perde il passo in una coreografia difficile in cui i movimenti dal vivo si mischiano a quelli in video, al riflesso nel gigantesco specchio calato a 45 gradi sul palcoscenico e perfino alle parole che scorrono sullo sfondo. I quadri sono intervallati da buffe pubblicità su prodotti chimici che permettono di scegliere, via via, il livello di libido, disinvoltura, propensione all’ordine, obesità. Ben scelte le musiche. Non sempre i movimenti coreografici sono studiati per lo specchio (per altro non è un’invenzione originale, ma qui è di grande effetto). Quando succede, il risultato è piacevolissimo, divertente e, ancora una volta, molto sensuale (per entrambi i sessi). Lo spettacolo, in un unico tempo, è fluido e senza pause e, benché alcuni momenti si rivelino molto migliori di altri, il livello è sempre buono e il ritmo sempre sostenuto. Non sempre belli i costumi, che a volte impacciano i movimenti. La vitalità dei ragazzi si esprime meglio quando sono in calzoncini aderenti.

 

Lo spettacolo è andato in scena nell’ambito di MilanOltre 2013
Teatro Elfo Puccini Sala Shakespeare
c.so Buenos Aires 33 – Milano
martedì 1° ottobre e mercoledì 2, ore 20.00
 
Moving Target
Coreografia di Michele Frédéric Flamand
Scenografia e video Diller +Scofidio
Assistente alla coreografia Yasuyuki Endo
Ballet National de Marseille
 
(durata: un’ora e ventia)
Il festival continua fino al 13 ottobre

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.