La gioia di fare teatro

Al Teatro Leonardo, la commedia di Shakespeare Molto rumore per nulla – tra musica, balli, uso della fisicità e pause significative.

Le regole del gioco di Quelli di Grock sono ormai inconfondibili: recuperare testi tradizionali e caricare l’elemento fisico facendo leva sul linguaggio del corpo. È quanto accade anche in Molto rumore per nulla, commedia  scritta da Shakespeare tra il 1598 e il 1599.

La vicenda – ambientata a Messina – ruota intorno agli intrighi amorosi della compagnia di Don Pedro, principe appena rientrato in città. In breve: Claudio si innamora di Ero, figlia del gentiluomo Leonato e chiede aiuto proprio a Don Pedro per conquistarla. Benedetto, invece, rifiuta qualsiasi coinvolgimento amoroso, fino a quando rimane vittima di un inganno a fin di bene che gli fa perdere la testa per Beatrice, cugina di Ero. Tuttavia Don Juan – fratello di Don Pedro e in astio con lui per passate vicende – intende ostacolare in tutti i modi l’amore tra Claudio ed Ero e progetta un piano meschino.

La messinscena dello spettacolo sfrutta al meglio le diverse componenti sceniche risultando ricca e sfarzosa: punta sia sui costumi – che alludono al mondo mediterraneo secentesco; sulla musica – talvolta di accompagnamento, a tratti travolgente; sulle luci – chiarori, buio e colore si alternano con disinvoltura. Ma, ancor più originale, sull’elemento propriamente scenico che può essere definito, nel senso più autentico della parola, “mobile”: una serie di arredi domestici montati su ruote, infatti, sono spostati con agilità dagli attori per comporre, di volta in volta, un ambiente interno, un giardino o una sala addobbata per le nozze.

Particolarmente riusciti anche i momenti festosi dedicati al ballo, quando la gestualità e il linguaggio del corpo – tipico della compagnia – emergono e si fondono con efficacia alla danza e alla musica, sprigionando una forte carica di energia e suscitando il divertimento del pubblico.

Meno riusciti, al contrario, alcuni momenti di recitazione pura, nei quali molti interpreti appaiono un po’ rigidi: la sensazione è che riescano a esprimersi al massimo quando sfruttano la componente gestuale e fisica e che si ritrovino quasi disorientati nel momento in cui il ritmo rallenta e la scena richieda staticità. Ma ciò non toglie nulla all’ottima interpretazione dell’intera compagnia, dove spiccano Maurizio Salvalalio nel ruolo di Benedetto e i comprimari – Brugnano e Ruberti – nei panni di due guardie strampalate in grado, durante i loro siparietti comici, di esaltare la platea.

Nel complesso si tratta sicuramente di una buona produzione: ricca, briosa, curata nei dettagli, popolare, colorata, divertente che, solo a tratti, sembra perdere di smalto ed efficacia.

L’ultima immagine dello spettacolo, in particolare, è capace di imprimersi nella mente dello spettatore quasi fosse una fotografia: gli attori, dopo aver assistito all’uscita di scena di Don Juan e delle guardie, mentre le luci cominciano ad abbassarsi, si scambiano sguardi fugaci e ridono dei problemi superati e del tanto rumore creato. Per nulla.

Una risata che racchiude la gioia di fare e di guardare teatro e, in fondo, la gioia di vivere, nonostante tutto e tutti.

Lo spettacolo continua:
Teatro Leonardo
via Ampère, 1 – Milano
fino al 29 aprile
orari: da martedì a sabato ore 20.45, domenica ore 16.00
 
Molto rumore per nulla
da William Shakespeare
traduzione e adattamento di Valeria Cavalli
 
regia Valeria Cavalli e Claudio Intrepido
con Giulia Bacchetta, Maurizio Salvalalio, Debora Virello, Antonio Brugnano, Andrea Ruberti, Alessandro Larocca, Fernanda Calati, Pietro De Pascalis, Max Zatta, Gianpaolo Gambi e Marco Oliva
scene e costumi Carlo Sala
disegno luci Claudio Intrepido
musiche originali Gipo Gurrado
coreografie Valeria Cavalli
direttore di produzione Daniela Quarta
assistente Francesca Leopardi
produzione Quelli di Grock

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.