La signora in nero

Al teatro Ghione dal 14 al 26 ottobre è in scena Mortaccia – La vita è meravigliosa con Veronica Pivetti affiancata da Oreste Valente ed Elisa Benedetta Marinoni. Uno spettacolo musicale impegnativo, originale e ricco di spunti di riflessione, scritto e diretto da Giovanna Gra.

La morte, è un dato di fatto, fa paura a tutti e prima che venga messa in scena Mortaccia, il maggiordomo Funesto, uno dei personaggi dello spettacolo, fa gli onori di casa, omaggiando i graditi ospiti con cornetti che distribuisce a grappoli nella platea del teatro Ghione.
Sono tanti i gesti scaramantici che si fanno, in effetti, quando l’inattesa signora viene solo nominata e quando si presenta si ringrazia il cielo che non abbia colpito chi ancora può parlare della vita, che – come cita il sottotitolo della pièce – è meravigliosa. E lo è sicuramente di più se a vestire i panni dark della morte è una eclettica attrice come Veronica Pivetti, qui con un trucco e un capello da spavento, che sul piccolo e grande schermo ha sempre dato prova di grande versatilità.
Così anche a teatro, se non di più, la Pivetti riesce a essere completa, perfetta nella mimica, con la voce ben impostata (del resto è famosa anche per essere un’apprezzata doppiatrice), elegante nel ballo e istrionica nell’interpretazione. La sua Mortaccia si diverte a sbeffeggiare quanti non sono ancora stati sottratti alla vita e gode delle disgrazie altrui, intrecciando ragnatele a maglia o sfilando su un’ideale passerella con abiti che caratterizzano esempi di dipartita, come il modello “anoressica”. Non c’è scampo per ricchi e poveri, giovani e anziani, ma se è un corpo in esubero a presentarsi nell’aldilà è difficile capire come comportarsi.
Supportata appunto da Funesto (Oreste Valente) e dalla falce Sentenza (Elisa Benedetta Marinoni) Mortaccia intrattiene il pubblico con simpatia, pur se a volte si vorrebbe fare qualche scongiuro tra un applauso e l’altro dell’atto unico, che ha un tempo misurato, non scadendo mai in banalità. Il tutto lo si deve al lodevole testo scritto da Giovanna Gra, che a suon di rime grottesche e maliziose impreziosisce il copione di battute, spunti su cui riflettere e termini che ruotano appunto intorno al tema della morte in modo singolare e originale, costruendo e amalgamando motivetti musicali egregiamente coreografati. La commedia musicale cela un interessante messaggio proprio tra le parole in nota, attraverso le quali si riesce a costruire il senso, che solo un pubblico attento è in grado di percepire.
Una morale forte che vede l’uomo annientare la morte con i suoi olocausti, le sue guerre, i suoi attentati. Tragedie quotidiane alle quali vorremmo non abituarci, perché innaturali quanto impressionanti.
Mortaccia – La vita è meravigliosa, che ha riscosso successi anche nella scorsa stagione in varie regioni d’Italia, sarà in scena fino al 26 ottobre al Ghione di Roma e nonostante le apparenze è uno spettacolo pieno di vita.

Lo spettacolo continua:
Teatro Ghione

Via delle Fornaci, 37 – Roma
fino a domenica 26 ottobre
orari: da martedi a sabato ore 21.00, domenica ore 17.00
durata 1 h e mezza senza intervallo

Pigra presenta
Mortaccia – La vita è meravigliosa
Regia Giovanna Gra
di Giovanna Gra
con Veronica Pivetti, Oreste Valente, Elisa Benedetta Marinoni
Musiche Maurizio Abeni
Costumi Valter Azzini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.