Al Teatro Carcano va in scena Moscheta – commedia amara cinquecentesca, scritta da Angelo Beolco detto Ruzante.

Una commedia dalla forte nota malinconica: questa è, in sostanza, la rappresentazione di Moscheta, messa in scena dal Teatro Stabile di Genova al Carcano di Milano – per la regia di Marco Sciaccaluga.

Il provinciale Menato giunge a Padova per riconquistare Betìa, sua amante in passato e ora moglie del paesano Ruzante. Le sue avances risultano, però, vane e così ricorre all’inganno: invita Ruzante a mettere alla prova la donna travestendosi, corteggiandola con parole in linguaggio “moscheta” – la lingua cittadina dei furbi e degli imbroglioni – e offrendole soldi. Betìa accetta i denari, scatenando una serie di litigi, intrighi e tradimenti in cui gioca un ruolo importante anche Tonin, soldato bergamasco verso cui la donna prova una sincera attrazione.

L’elemento dello spettacolo del ‘500 che colpisce ancor oggi è la capacità di far sentire gli spettatori quale parte integrante della rappresentazione. I personaggi, infatti, sembrano mantenere vivo un vero e proprio confronto con il pubblico, spesso coinvolto nei pensieri degli stessi, se non addirittura chiamato in causa – come avviene quando Ruzante domanda alla platea dove sia andata Betìa, lamentandosi successivamente del silenzio e dell’omertà degli spettatori. Tale coinvolgimento, del resto, è evidente fin dal prologo – una sorta di monologo recitato coralmente da tutti e quattro gli interpreti, rivolti verso il pubblico e posizionati davanti ad alcuni grandi teli sui quali campeggiano le scritte “Ruzante” e “Moscheta”.

La bellissima scenografia ricostruisce il paesaggio di un borgo cittadino: un carro e una sorta di palafitta costituiscono le dimore del soldato e di Betìa, mentre alcune travi di legno ricreano una sorta di ponticello che sovrasta un rivolo d’acqua nel quale i personaggi si lavano e si immergono. I costumi contribuiscono anch’essi a rendere l’atmosfera povera e popolaresca in cui si svolge la vicenda e nella quale agiscono i personaggi, molto caratterizzati ma, allo stesso tempo, ricchi di sfaccettature: l’istintivo Tonin (Enzo Paci), il meschino e ingannatore Menato (Maurizio Lastrico), l’infedele Betìa (Barbara Moselli) e il semplice, rude ma genuino Ruzante (Tullio Solenghi). Davvero eccellenti le prove dell’intero cast – che punta su una recitazione che sfrutta bene la gestualità e il linguaggio corporale, ma che si rivela ugualmente in grado di tenere magistralmente la scena in solitaria e di divertire nelle scene corali. Ottima anche la resa del dialetto padovano (e in parte bergamasco per quanto concerne Tonin), anche se risulta non sempre di facile comprensione – nonostante l’adattamento dello specialista, il maestro Gianfranco De Bosio.

Poco sfruttato, invece, è l’elemento musicale – che si risolve soprattutto in un debole accompagnamento dei monologhi e che si fa notare quasi esclusivamente nei cambi di scena. In effetti, la musica potrebbe risultare addirittura superflua. L’ottima regia e la recitazione degli attori riescono, infatti, a rendere con efficacia l’ilarità delle situazioni comiche – più frequenti nella prima parte – così come la malinconica tristezza di Ruzante, la cui semplicità, genuinità e i buoni sentimenti conducono alla desolazione tipica dello sconfitto – verso il quale non si può che provare simpatia, vicinanza e pietà. Perché, in fin dei conti, Ruzante rappresenta il popolano e il semplice, sopraffatto dagli eventi e da quello stile “moscheta” che, condizionato dal meschino Menato, lui stesso cerca di mettere in pratica. Ecco allora una possibile lettura contemporanea del classico di Angelo Beolco: la rappresentazione della gente comune sopraffatta dal linguaggio della truffa e dal sistema della furbizia e dell’imbroglio. Oggi, come nel Cinquecento.

Non a caso si parla di “classici” per indicare opere eternamente valide.

Lo spettacolo continua:
Teatro Carcano
corso di Porta Romana, 63 – Milano
fino a domenica 28 ottobre
orari: feriali, ore 20.30 – domenica, ore 15.30 (lunedì riposo)

Teatro Stabile di Genova presenta:
Moscheta
di Angelo Beolco detto Ruzante
regia Marco Sciaccaluga
personaggi e interpreti: Ruzante Tullio Solenghi; Menato Maurizio Lastrico; Betìa Barbara Moselli; Tonin Enzo Paci
adattamento a cura di Gianfranco De Bosio
scena e costumi Guido Fiorato
musiche Andrea Nicolini
luci Sandro Sussi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.