‘Quando il vicolo è storto è difficile andare avanti’

Dopo il debutto del 22 giugno ‘77, al Caio Melisso, per il XX Festival dei Due Mondi, e la ripresa del 15 luglio 2010 per il XXXVI Festival della Valle d’Itria – con la regia di Arturo Cirillo – torna il dramma lirico Napoli Milionaria, diretto da Fabio Sparvoli.

Citiamo, nel titolo, il senso di una poesia che Eduardo regalò a Maurizio Valenzi – sindaco di Napoli e suo buon amico – perché ci pare esemplifichi bene le difficoltà di trasporre una tra le migliori Cantate dei giorni dispari di Eduardo De Filippo, scritta nel 1945, in un dramma lirico che, oggi – nel 2013 – dovrebbe proporsi come una versione, in qualche modo attuale, del genere melodrammatico, in grado di coinvolgere l’italiano medio – preoccupato dalla crisi economico-politica e sociale di questi anni – nelle vicende di Amalia, Gennaro ed Errico Settebellizze.
Gli impedimenti perché il vicolo corra dritto sono però almeno due.
Innanzi tutto è sempre difficile – se non impossibile – trasporre un qualsiasi testo in un mezzo artistico diverso; in altre parole, quanti libri diventano, ad esempio, buoni film? La complessità psicologica dei personaggi, i contenuti filosofici, le divagazioni storiche che abbondano nei tomi difficilmente possono trovare spazio in una pellicola, che nasce per essere vista dagli occhi e non immaginata dagli occhi “della mente”.
Allo stesso modo, le parti più amare, il corso dei pensieri e le considerazioni etiche di Gennaro Jovine – a teatro un superlativo Eduardo, per chi, come me, ebbe modo di vederlo – ciò che fa di Napoli Milionaria – la commedia – un testo universale che affronta temi profondi (quali la corruzione umana operata dalla guerra, il bisogno di onestà intellettuale, il rispetto per la vita, la solidarietà come valore assoluto), e che, proprio per questo motivo, parla non solo all’italiano di oggi, ma anche all’inglese o al russo, e che potrebbe essere – e fu effettivamente – rappresentata ovunque perché il suo messaggio – spogliato di qualche riferimento a Napoli o alla contingenza fascista – è universale e quindi sempre attuale (quale guerra non corrompe? Quale guerra non è sempre e comunque sudicia e sbagliata?); ebbene, tutto questo non può che perdersi se trasposto nel genere melodrammatico.
Nei nostri melodrammi, infatti, le parti che maggiormente funzionano sono le arie e non è un caso che, citando solo due esempi, nel primo atto di Napoli Milionaria – dramma lirico – funzionino, a livello musicale, l’elogio del caffè di Donna Amalia e la dichiarazione d’amore: entrambe eseguite con sicurezza, limpidità e trasporto da Errico Settebellizze (Dario Di Vietri). Il melodramma – sia esso lirico, filmico o letterario, da Matarazzo a Verdi – si regge sull’orecchiabilità delle arie, sulla facilità dei sentimenti e su comportamenti standardizzati: i dualismi ormai triti di fedeltà v/gelosia, passione v/amore coniugale – e, piaccia o meno, hanno fatto il proprio tempo. Sebbene, infatti, abbia ancora molti estimatori – in primis, io stessa, che non disdegno un Amedeo Nazzari in Catene – è comunque un genere datato che, se e quando piace, è proprio per quel suo essere rétro – non è un caso che tutti i tentativi di riproporre Rebecca di Alfred Hitchcock siano falliti: dire di una donna che ha le tre le doti che deve avere una moglie: “stile, intelligenza e bellezza” ma che non si è vissuto un attimo di felicità perché (Rebecca) era “incapace di amore, di tenerezza, di decoro sono frasi che funzionano se in bocca a Sir Laurence Olivier, altrimenti suonano maschiliste e bacchettone.
Nel complesso, quindi, il problema è perché Rota ed Eduardo abbiano tentato una simile operazione. E sebbene sia sempre meritorio rispolverare testi rari, è difficile “andare avanti quando il vicolo è storto”.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Goldoni

via Goldoni, 51 – Livorno
venerdì 15 e sabato 16 marzo, ore 20.30

L.T.L Opera Studio presenta:
Napoli Milionaria
dramma lirico in tre atti di Eduardo De Filippo, tratto dalla sua omonima commedia
musica di Nino Rota
edizioni Schott Music GmbH & Co KG, Mainz – sub-editore per l’Italia Sugarmusic SpA – Edizioni Suvini Zerboni, Milano
direzione d’orchestra Matteo Beltrami
regia Fabio Sparvoli
orchestra della Toscana

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.