La banalità dell’uomo comune

out-off-teatro-milano1Quasi in chiusura di stagione, Macelleria Ettore_Teatro al kg porta sul palcoscenico del teatro OUTOFF l’ormai collaudato NIP_not important person. No vip just nip, cruda vivisezione dell’italiano medio ai tempi del web.

Le NIP_not important person sono le persone comuni, quelle che si incontrano per strada mentre si va a scuola o a lavoro. Persone banali con sogni banali. Quelle che se fossimo in una pagina facebook milanese definiremmo “giargiana”: il cittadino medio, in una società di massa che passa il weekend all’Ikea, se non è già in coda per raggiungere qualche meta turistica. Le persone che non vengono considerate, quelle che vengono snobbate, delle quali si ricordano solo le frasi sincopate e ridicole. E proprio queste frasi, raccolte e unite in un collage dall’effetto letale, sono lo spettacolo, protagoniste del lavoro di Macelleria Ettore, riproposto dopo cinque anni dalla prima rappresentazione.
La scena è vuota, una semplice pedana bianca accoglie tre manichini, tre uomini-oggetto che mimano roboticamente azioni e frasi scandite da una voce fuoricampo. I manichini non sono padroni del loro corpo e tantomeno del loro pensiero, influenzato e inconsciamente gestito dalla società, entità estranea e altra da sé che trova nel personaggio-voce fuori scena una buona personificazione aleatoria. In pedana si ha quindi un continuum di rappresentazione del pensiero medio, comune, fatto di stereotipi e modi di dire, al quale il pubblico assiste attonito e pietrificato, e a volte con un riso amaro e incredulo di fronte alla bassezza di certe affermazioni.
Un interessante gioco sociolinguistico che probabilmente cinque anni fa, nel momento di uscita dello spettacolo, risultava essere sagace e irriverente, specchio di un fenomeno in via di sviluppo e forse non ancora riscontrato da tutti. Oggi le cose sono cambiate: non si rimane scandalizzati, ma si sorride dell’ingenuità di certe affermazioni, che risultano vecchie e già sentite.
La drammaturgia è quindi in quest’opera preponderante, fa da padrona e schiaccia in qualche misura una messa in scena che risulta ancora estremamente calzante con la società contemporanea: il corpo oggetto manipolabile a piacimento, proiezione e gioco di un pensiero comunity, è emblema del vivere quotidiano, pubblicità di noi stessi di fronte al giudizio degli altri e qui incelofanato in aderenti tutine bianche con sopra appiccicati adesivi da imballaggio con la scritta FRAGILE. Ma purtroppo tutto ciò non è supportato da un testo efficace, che anzi sembra essere un loop di citazioni da metropolitana, senza capo né coda, del quale infatti non si capisce la trama – che probabilmente non c’è -, ma di cui si vede bene l’intento di analisi e denuncia.

Lo spettacolo è andato in scena:
OUTOFF
Via Mac Mahon 16 – Milano
Dal 5 al 14 giugno 2015
Orario: da martedì a venerdì ore 20.45, sabato ore 19.30, domenica ore 16.00

NIP_not important person
no vip just nip
di Macelleria ETTORE_teatro al kg
regia di Carmen Giordano
con Paolo Pilosio, Stefano Detassis, Maura Pettorruso
testi di Carmen Giordano e Marco Simiele
musiche di Chiarastella Calconi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.