Nuove manie

La compagnia Come risolvere in 2 porta in scena al Teatro Trastevere di Roma una esilarante e impeccabile commedia sulle fissazioni della generazione dei trentenni. 

I tempi moderni in cui ci troviamo a vivere sono una continua rincorsa di quello che non abbiamo e che, va detto, non sempre corrisponde a un vero e proprio desiderio. Più spesso si identifica con un bisogno imposto dalla società che si insinua tra le pieghe della vita sfociando, spesso, in ossessioni qualora questo bisogno/desiderio non si riesca a raggiungere.
Con pungente ironia e leggerezza, Non ti fissare – tu chiamale se vuoi ossessioni segue proprio questa traccia: i protagonisti sono cinque trentenni, cinque sconosciuti, che si ritrovano, per puro caso, a passare una notte insieme sul ciglio di una strada a causa di un guasto dell’autobus sul quale stavano viaggiando. Da questo momento si dipanano storie al cui interno la caratterizzazione dei personaggi è netta, straordinaria, tracciata con forza e vitalità.
La commedia, scritta dalla fortunata penna di Maria Antonia Fama e Lorenzo Misuraca, pesca una serie di fisse e ossessioni nelle quali chiunque non potrà far altro che ritrovarsi, anche solo marginalmente.
Chi di noi, almeno una volta, non ha tentato posizioni improbabili pur di riuscire a trovare una tacca di linea del cellulare? E, rivolgendosi al mondo femminile, quante volte abbiamo sentito la storia del tic-tac dell’orologio biologico? Per non parlare poi della fissazione per i medicinali, dell’ipocondria; della sindrome da sfigato che, una volta diventato adulto, le prova tutte pur di scrollarsi di dosso quell’etichetta. Ovviamente non manca la donna in carriera, gelida e algida, almeno fino a prova contraria, e le ingombranti figure delle mamme del sud, che ossessionano i figli con ripetute telefonate giornaliere. Insomma una carrellata di situazioni tipiche del nostro paese e dei tempi in cui viviamo, nelle quali il ritmo è incalzante, i tempi comici sono perfetti e la capacità degli attori – con punte irresistibili regalate da Lidia Miceli e Alessandro Di Somma – di rendere tic, manie e insicurezze dei personaggi è davvero magistrale.
Va messo in luce il fatto come il testo, seppure trattando stereotipi e cliché abbondantemente usati tanto a livello teatrale che cinematografico, riesca a non scadere mai nel banale e tenga altissima la tensione, rendendo Non ti fissare una tra le commedie più brillante di questa stagione teatrale romana.

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro Trastevere
Via Jacopa de’ Settesoli, 3 – Roma
dal 19 al 31 gennaio
d
a martedì a sabato ore 21.00, domenica ore 18.00

Come risolvere in 2 presenta
Non ti fissare – tu chiamale se vuoi ossessioni
di Maria Antonia Fama e Lorenzo Misuraca
regia Velia Viti
con Alessandro Di Somma, Maria Antonia Fama, Ermenegildo Marciante, Lidia Miceli, Francesco Bonaccorso
aiuto regia Teresa Fama
scene Paolo Carbone
video Alessandro Felici
locandina Martoz

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.