Riscrivere la nostra storia

Il libro intonso quale focus della manifestazione di teatro e danza che torna, ancora una volta, sul palcoscenico di San Gimignano.

Anche Orizzonti Verticali, seppure in forma ridotta, ha deciso di ingegnarsi per far fronte alla difficile ripresa del settore teatrale, dopo la pandemia. Per il Festival, comunque, puntare sull’open air non è certamente una novità, visto che anche negli anni scorsi la kermesse – diretta da Patrizia de Bari e Tuccio Guicciardini – ha invaso piazze e cortili di San Gimignano, occupando altresì l’ampio e suggestivo spazio della Rocca di Montestaffoli.

L’edizione di quest’anno punterà sui ricordi, in forma scritta ma anche attraverso le performance di danza e l’installazione che farà da autentico fil rouge all’intera manifestazione. Sentieri di carta sarà la realizzazione di Takeshi Tamashiro – partendo da un concept di Tuccio Guicciardini e Patrizia de Bari – che invaderà piazza Duomo accumulando emozioni, pensieri, frasi che hanno accompagnato la nostra esistenza e che, nell’accostamento a quelle di altri, andranno a comporre un immenso libro a cielo aperto.

E sempre la carta scritta sarà la traccia sulla quale si dispiegherà la coreografia di Patrizia de Bari per Bianchisentieri – a cui si accosterà anche l’ideazione costumistica di Rosaria Minneci per Camilla Diana, unica interprete di questo site-specific che sarà ospitato sia in piazza Duomo che in Sant’Agostino.

Ancora la danza protagonista de Il Dottor Semmelweis – firmato da Mondo Estremo (un assolo con Sergio Basile). Mentre di Rocco/Rosati presenteranno Entanglement_Studio2, una performance coreutica che nasce da una riflessione sulle moderne teorie quantistiche e sulla possibilità di interazione tra particelle anche distanti tra loro. I due danzatori cercheranno di dare visibilità, attraverso i loro corpi, a queste visioni di realtà ai confini tra scienza e immaginazione del possibile.

E ancora, il corpo, la sua affascinante anatomia indagata nel Rinascimento e fulcro del pensiero filosofico umanista, sarà di ispirazione a EgriBiancoDanza, presente con
Leonardo da Vinci: anatomie spirituali.

Da non dimenticare l’incontro per la presentazione del libro Stravedere la scena. Carlo Quartucci. Il viaggio nei primi venti anni 1959-1979, che vedrà la presenza, oltre che dell’autrice Donatella Orecchia, del professor Lorenzo Mango dell’Università degli Studi di Napoli L’Orientale, del compositore Luigi Cinque, e della compagna di vita e avventure sceniche di Quartucci, Carla Tatò.

Un lungo weekend (da giovedì a sabato) che mira non solamente ad animare l’antico borgo toscano ma anche a rilanciare quel mondo culturale e dello spettacolo dal vivo che è necessario per regalare un tocco di bellezza alla nostra vita quotidiana.

Orizzonti Verticali 2020
San Gimignano, varie location
da giovedì 27 a sabato 29 agosto

Il Programma:
giovedì 27 agosto, dalle ore 15.00 alle 19.00
piazza Duomo
Sentieri di carta
concept Tuccio Guicciardini e Patrizia de Bari
a cura di Giardino Chiuso
realizzazione scenica Takeshi Tamashiro
(installazione)

ore 19.00
piazza Duomo
e ore 21.00
piazza Sant’Agostino
Giardino Chiuso presenta:
Bianchisentieri
ideazione Tuccio Guicciardini e Patrizia de Bari
coreografia Patrizia de Bari
interprete Camilla Diana
costumi Rosaria Minneci
elaborazioni sonore Daniele Borri
coproduzione Giardino Chiuso e Fondazione Fabbrica Europa
con il sostegno di Mibac, Regione Toscana
(performance site-specific)

venerdì 28 agosto, dalle ore 11.00 alle 19.00
piazza Duomo
Sentieri di carta

ore 19.00
piazza Pecori
Omaggio a Carlo Quartucci
presentazione del libro Stravedere la scena. Carlo Quartucci. Il viaggio nei primi venti anni 1959-1979
di Donatella Orecchia
intervengono l’autrice Donatella Orecchia; Lorenzo Mango, Professore in Discipline dello spettacolo presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale; Luigi Cinque, compositore; Carla Tatò, attrice
(incontro/performance)

ore 20.00
piazza Duomo
Giardino Chiuso presenta:
Bianchisentieri

ore 21.00
piazza delle Erbe
Mondo Estremo presenta:
Il Dottor Semmelweis
con Sergio Basile
mise en espace Andrea Di Bari
(teatro)

ore 22.00 e 22.30
Rocca di Montestaffoli
di Rocco/Rosati presentano:
Entanglement_Studio2
coreografia e interpretazione Lorenzo di Rocco e Jennifer Lavinia Rosati
musiche Zack Hemsey
produzione Giardino Chiuso/Orizzonti Verticali, Fondazione Fabbrica Europa nell’ambito del progetto di Residenza Orizzonti Verticali_cantiere danza
sostenuto da COB Compagnia Opus Ballet
con il contributo di Mibac, Regione Toscana
(danza)

sabato 29 agosto, dalle ore 11.00 alle 19.00
piazza Duomo
Sentieri di carta

ore 19.00
piazza Duomo
Giardino Chiuso presenta:
Bianchisentieri

ore 20.00
piazza Pecori
EgriBiancoDanza presenta:
Leonardo da Vinci: anatomie spirituali
coreografia Raphael Bianco
assistente alla coreografia Elena Rolla
sound concept Diego Mingolla
musiche Alessandro Cortini produzione
Fondazione Egri per la danza
con il sostegno di Mibac, Fondazione CRT, Regione Piemonte, Città di Torino
(danza)

ore 21.30
piazza delle Erbe
Giardino Chiuso presenta:
Sto felicemente dimenticando tutto
ideazione Tuccio Guicciardini e Patrizia de Bari
con Sergio Basile, Giancarlo Cauteruccio, Camilla Diana, Virginio Gazzolo, Giulia Martini, Alessio Martinoli, Carla Tatò, Angela Torriani Evangelisti e Patrizia Zappa Mulas
produzione Giardino Chiuso/Orizzonti Verticali, Fondazione Fabbrica Europa
con il sostegno di Mibac, Regione Toscana
(performance teatrale site-specific)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.