La mia banda suona il folk

teatro-dell-orologio-romaAl teatro dell’Orologio giovedì 4 dicembre la musica popolare è stata protagonista con due momenti diversi, ma molto entusiasmanti. Akunamatata presenta Paese Metropolitano, emozioni e culture condivise, il titolo già dice tutto.

Continua la rassegna EXIT – Emergenze per identità teatrali al Teatro dell’Orologio che giovedì 4 dicembre ha visto trionfare la musica popolare, dopo l’esibizione del cantautore Lorenzo Fellini accompagnato dal pianista Gabriele Barettin.
Insieme a un bravissimo percussionista, i due artisti hanno emozionato la Sala Moretti con musica e vera poesia. Un bicchiere di vino rosso per scaldare la voce e poi cinquanta minuti di puro relax.
Parole d’amore e di nostalgia ricche di sentimento e di trasporto che hanno lasciato lo spazio, per un’altra ora abbondante, ai saltarelli popolari e alla Tarantella napoletana del ‘600, espressa egregiamente con numerose varianti dalla compagnia Antidotum Tarantulae.
Un ritmo incredibile creato dall’unione di tanti strumenti utilizzati sul palco, dalle nacchere ai tamburelli delle tre donne del gruppo, alle chitarre, flauti e tamburi di tutta la compagnia composta da giovani e adulti, che ha pubblicamente ringraziato la Fed. It. Art. e l’Associazione Akunamatata per la bellissima opportunità concessagli.
Un tripudio di sfumature che ha omaggiato soprattutto la tradizione popolare napoletana, senza dimenticare uno dei più famosi brani della tradizione romana: E te lo vojo di’ che so’ stato io (Lella).
E se la tarantola col suo morso provoca crisi isteriche che solo la musica è in grado di placare, secondo la leggenda, la stessa musica è sinonimo di contagio. Tra il pubblico, per lo più formato da amici e familiari dei due gruppi, infatti, si è generato un clima di festa, che ha messo da parte per un po’ tutti i quotidiani problemi del nostro Paese Metropolitano, così ricco di cultura e con le sue tante radici, che sanno dar linfa a tutto il corpo, soprattutto a quello degli artisti, che trasmettono unicamente vita.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro dell’Orologio

Via de’ Filippini, 17/a, Roma
4 dicembre ore 21.00
durata 2 ore senza intervallo

Exit – Emergenze per le identità teatrali presenta:
Akunamatata in
Paese Metropolitano, emozioni e culture condivise
cantautore Lorenzo Fellini
pianista Gabriele Barettin
e la compagnia Antidotum Tarantulae

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.