Nel chiostro della sede storica di via Rovello, nell’ambito dell’Ottobre russo al Piccolo, il professor Fausto Malcovati sollecita Lev Dodin a parlare dei suoi spettacoli čechoviani approdati a Milano; e quel signore dall’aspetto bonario, i capelli e la barba bianca che ne ammorbidiscono ulteriormente la figura, rievoca le stagioni della sua vita, che si intrecciano con la grande storia, legate a quei lavori.

Racconta del suo amore giovanile per Čechov; della meraviglia con cui si è avvicinato al geniale, acerbo Dramma senza nome (il cosiddetto Platonov); del timore scaramantico con cui ha affrontato Il gabbiano; del lungo e tormentato percorso, ultra ventennale, che porta lui e i suoi collaboratori a “partorire” finalmente Tre Sorelle. L’interprete preferisce tradurre quella parola con termini più neutri, come “mettere in scena” o “fare”, ma lui, parlando dei suoi spettacoli, usa, sempre al plurale, proprio quel verbo: rodìt’, “dare alla luce”, “generare”, che in russo ha la stessa radice di “patria” e di “genitore”.

In questo legame quasi carnale, nell’affetto paterno, ma condiviso, che Dodin rivela per le sue creature teatrali, mi sembra di capire meglio il segreto del loro fascino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.