Oltre i confini della guerra

elfo-pucciniIntensi e umani, Marta Comerio e Tommaso Banfi all’Elfo di Milano per raccontare il Primo conflitto mondiale visto da entrambi i fronti, italiano e austriaco.

Pietro è un musicista partito volontario per il fronte da Trecate perché suo fratello Luigi, cappellano militare, è stato ucciso in Val di Ledro. Rosa Anna aspetta che il suo papà, un Kaiserjaeger, torni dal fronte. Pietro vuole rivedere la valle dove è caduto suo fratello, ritrovarne i compagni, sentirsi utile alla “patria” come è stato il suo mite fratello. Rosa Anna vuole soltanto che il suo papà torni a casa. Ispirata a una storia vera, la vicenda narrata in Per una stella, in scena fino al 6 dicembre all’Elfo, è piccola piccola e come tutte le storie piccole, nei conflitti, dà la misura esatta dell’insensatezza di ogni guerra. Perché a dividere i due personaggi, all’inizio è soltanto un confine. E i confini non sono nulla di reale. Tanto che si spostano di continuo. E dopo la guerra Rosa Anna si trova in Italia, in Alto Adige, e deve pure lasciare il suo paese, che nel frattempo è stato ribattezzato Fortezza (il vero nome è Franzensfeste). Finisce che il suo destino incrocia quello di Pietro, proprio a Trecate. Pietro è sopravvissuto alla guerra, ma non gli è stato risparmiato nulla: ha vissuto gli orrori della trincea, il fango e le attese snervanti, la ferocia dei comandanti, le decimazioni, la morte dei compagni. Raccontato su un bel palco scarno, Per una stella alterna le storie di due esseri umani gentili a cui Marta Comerio e Tommaso Banfi prestano con sincerità corpo e voce. A volte il testo è un po’ ingenuo. Ma l’insieme funziona. Unica nota stonata: la musica. Assordante, roboante, retorica. Inutile. Strano che il regista non se ne sia accorto.

Lo spettacolo continua
Teatro dell’Elfo, sala Fassbinder
C.so Buenos Aires 33 – Milano
dall’1 al 6 dicembre 2015
ore 21.00

Per una stella
di Anna Maini
progetto di Marta Galli, Anna Maini e Roberto Rampi
regia di Stefano De Luca
con Tommaso Banfi e Marta Comerio
adattamento drammaturgico di Stefano De Luca
consulenza musicale di Marco Mojana
consulenza storica di Marco Cimmino
scene e costumi di Linda Riccardi
disegno Luci di Claudio De Pace
luci e suoni di Marco Grisa
produzione ArteVOX Teatro in collaborazione con LupusAgnus

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.