Il 6 e il 7 dicembre si è svolta, al Teatro Verdi di Padova, una due giorni intensiva per decretare i vincitori del Premio Rete Critica 2017.

Il Premio, giunto alla settima edizione è assegnato da Rete Critica, organismo che raccoglie in maniera informale i siti e i blog di informazione e critica teatrale con visibilità in rete e con un’identità e continuità redazionale riconoscibili. Principale attività della Rete, il premio è assegnato da critici e operatori teatrali di oltre trenta realtà presenti in varie parti d’Italia.

Tre le sezioni del Premio: migliore spettacolo/compagnia, migliore progetto/organizzazione e migliore progetto di comunicazione.

Il 6 e il 7 dicembre nella splendida cornice del Teatro Verdi di Padova, si sono esibiti i finalisti in un susseguirsi di spettacoli e presentazione di progetti.

Il 6 è andato in scena, dapprima, lo spettacolo di Silvia Gribaudi/La Corte Ospitale dal titolo R.OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi, con la versatile ed eclettica Claudia Marsicano; in serata è toccato a Macbettu, versione in sardo del capolavoro shakespeariano prodotto da Sardegna Teatro/Compagnia Teatropersona con la regia, le scene e i costumi di Alessandro Serra.

Il 7 si è svolta la dimostrazione di lavoro della Compagnia Musella/Mazzarelli, in mattinata, seguita dalla presentazione dei finalisti della sezione miglior progetto/organizzazione: Futuri Maestri del Teatro dell’Argine, NEST (Napoli Est Teatro) e Nuovo Teatro Sanità, e Primavera dei Teatri. Ultimi a presentarsi i finalisti della sezione migliore progetto/comunicazione: Terreni Creativi/Kronoteatro (Albenga), Santarcangelo 2017, il Progetto Write di Tino Caspanello e il Progetto Clessidra del Teatro Le Forche. A chiudere le attività la dimostrazione di lavoro di Sorry Boys di Marta Cuscunà.

La giuria ha assegnato il Premio a quest’ultima per la capacità di fondere efficacemente sulla scena diverse forme espressive, dalle arti figurative alle tecniche drammaturgiche e cinematografiche. Vincitori delle altre due categorie, Terreni Creativi/Kronoteatro (Albenga) come miglior progetto di comunicazione, e NEST (Napoli Est Teatro) e Nuovo Teatro Sanità per il miglior progetto/organizzazione – Premio Sandra Angelini.

Preziosa per la buona riuscita del Premio la collaborazione del Teatro Stabile del Veneto – Teatro Nazionale che ha messo a disposizione i diversi spazi del Teatro Verdi per le attività della due giorni promossa da Rete Critica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.