Being Human

È andato in scena al Teatro Studio Uno, location dove l’esperienza teatrale non è mai banale, Promemoria – Monologo per persona sola di e con Gloria Gulino, lacerante spettacolo nato «dalla voce e dall’ascolto di persone affette dal morbo di Alzheimer».

È un allestimento al confine tra immaginifica meraviglia e dura realtà, quello che Gloria Gulino disegna nella Sala Specchi del Teatro Studio Uno. Attraversato da delicati suggerimenti al pubblico, ore che passano troppo in fretta, canzoni che saltano misteriosamente e il fantastico e dispettoso folletto Barabanén, Promemoria è un «monologo per persona sola» che esibisce significativi e non scontati meriti drammaturgici per la chiara e mai didascalica comprensibilità con cui riesce a restituire l’atmosfera di assenza di memoria e di ricerca di sé che caratterizza la sua protagonista.

Nato da una indagine sul campo «in seguito a interviste condotte presso l’ASP Giovanni XXIII di Bologna», Promemoria – Monologo per persona sola sfugge ai rischi insiti in una tematica non delle più semplici, soprattutto per la grande maturità recitativa con cui la Gulino riesce a dar forma al proprio spettacolo, calibrando perfettamente la densità e la coerenza di una doppia interpretazione con l’essenzialità degli elementi di scena.

Tuttavia, senza voler entrare nel merito del suo poetico sviluppo narrativo, l’intuizione che, demolendo retorica, banalizzazione o pietismo, dona a Promemoria una suggestiva e poderosa potenza emotiva può essere individuata nel geniale inserto delle origini della protagonista, che scopriremo essere italiana di Libia, colona di seconda generazione in fuga (o già fuggita, a seconda del periodo) dal nascente regime di Gheddafi.

Un inserto che manifesta con straordinario realismo il legame e il pathos drammaticamente autentico tra le stagioni della vita e che, attraverso l’animo semplice e lacerato di una protagonista che pure avrebbe raggiunto il proprio lieto fine nella splendida storia d’amore con Pini, connota Promemoria – Monologo per persona sola quale sincera rappresentazione di un radicale rischio esistenziale. Quello corso da chi sente ansiosamente di dover controllare il proprio destino e che, per l’inevitabile naufragio di tale ansia, sembra muoversi come un pendolo tra il rimpianto e il rimorso.

Un allestimento, che nel mostrare l’umano senza colpa e senza peccato, si offre agli astanti splendido e tragico.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Studio Uno
Sala specchi
dal 29 ottobre all’1 novembre
ore 21:00, domenica ore 18:00

Promemoria – Monologo per persona sola
di e con Gloria Gulino
assistente alla regia e alla drammaturgia Silvia Lamboglia
produzione Hearts

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.