Deviazioni

lenz-parma Al Lenz Rifrazioni di Parma vanno in scena I Promessi Sposi, la sublimazione estetica del dolore degli ultimi raccontato attraverso le fantastiche visioni di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto.

Quella di Manzoni è un’opera che chiunque può dire di conoscere, almeno in linea di massima. Tuttavia, rispetto alle precise vicende narrate nel celebre testo che pose le basi per la moderna lingua italiana, questa popolarità è accompagnata da una proporzionale ignoranza dei rimandi interni e delle straordinarie interazioni tra personaggi e ambiente che caratterizzano descrizioni sceniche e psicologiche sui cui dettagli gli esperti potrebbero (pedantemente) disquisire senza fine.

Andando al di là della semplicistica interpretazione che legge I Promessi Sposi in termini di testimonianza del realizzarsi della volontà divina, siamo di fronte a un testo poderoso, ormai istituzionalizzato a imprescindibile lettura scolastica e che ha determinato un preciso modello storico e ideale, pedagogico e culturale. Finalizzato a garantire la sacralità dell’autorità, qualunque essa sia, attraverso la separazione di virtù personale e sociale, esso rappresenta l’esito di una operazione culturale trionfante perché in grado di avere conseguenze praticamente tanto permanenti dal punto di vista materiale (il manzoniano utile per scopo), quanto paradossali essendo contemporaneamente rivoluzionarie (per il ribaltamento della storia e il protagonismo degli umili) e reazionarie (per la natura confessionale delle intenzioni originarie). Intenzioni che, specificatamente, sarà possibile individuare in quel concetto di Provvidenza che sempre giustifica le sofferenze attuali affidando la felicità al futuro (quindi al continuamente domani) e che, nell’epoca della piena secolarizzazione, troviamo materializzate in quella ineluttabile rassegnazione cui l’individuo post-moderno/industriale ha destinato i più deboli, isolandoli di fatto nella propria fragile soggettività, dal momento in cui ha scelto il merito (finto perché spesso ereditario rispetto all’estrazione sociale e culturale) sulla ricerca della (reale) uguaglianza.

Questa duplicità – affermazione allo stesso tempo di provvida sventura che sublima le sofferenze elevandole a status e di riscossa da parte di chi si trova realmente in fondo e immobile alla scala sociale – esiste con portentoso realismo in questo nuovo allestimento firmato da Lenz Rifrazioni e messo in scena da «ex lungodegenti psichici e persone con disabilità intellettiva».

Posto alla simultaneità di elementi musicali, video e recitativi, e alla possibilità di orientare volontariamente la propria attenzione, il pubblico si trova di fronte a un audace tentativo di armonia. Quello che – in effetti – si realizza tra una scenografia coperta da veli sovrapposti che lasciano (intra)vedere diversamente e a differenti livelli di profondità e la libera interpretazione di un testo originario (su cui comunque gli interpreti convergono) è un compiuto equilibrio, un bilanciamento estetico che attraversa ventiquattro quadri performativi nei quali la sostanza drammaturgica acquista una struttura formale capace di lasciar emergere dirompente la reale presenza esistenziale di ogni singolo attore.

A dispetto della coerenza narrativa – sempre riconoscibile e riconducibile a precisi riferimenti testuali – si impone vigoroso il modo in cui la personalità drammatica di ogni interprete riesce a mantenersi intatta, lasciando venir fuori una emotività tinta di «incredibile credibilità contemporanea».

Tra esposizione (testuale) e realizzazione (scenica), tra registrazione (vocale e video) e interpretazione (fisica) si costruisce un contrappunto ritmato e cadenzato particolarmente sorprendente vista la fragilità psicologica degli attori in scena e la confusione attorno determinata da spettatori indipendenti nella scelta del posizionarsi rispetto a essi e gli uni dagli altri.

Spettatori che, padroni della propria autonomia, per contrarietà si scoprono nella condizione esistenziale di dover assistere alla vita, accettandola senza possibilità di scelta, partecipanti impotenti e in perenne disagio di fronte al destino che li ha scelti (sani o meno senza averne meriti o colpe). Spettatori che, invitati a prendere posizione fisica rispetto al punto di vista da cui guardare lo svolgersi della rappresentazione, vengono in questo modo portati a provare l’esperienza di una prospettiva interpretativa personale di assoluta solitudine nella moltitudine, non riuscendo a spogliarsi della propria soggettività e a entrare in modo positivo nell’intersoggettività (la relazione con gli altri).

L’abisso è insuperabile perché non dipende dalla quantità di forza di cui l’individuo può disporre, ovvero dal livello di conoscenza, competenza e capacità rispetto a standard (paradigma da cui la pratica pedagogica e didattica contemporanea s-tentano ad affrancarsi). Finché egli rimane tale (individuo) resta incapace di eliminare l’incongruenza, l’errore in cui un mondo disincantato confina l’immaginazione e i sentimenti quando privi di controllo, razionalità e usabilità nel senso strumentale del termine.
Perché è in questo modo che l’organizzazione sociale e politica ha provveduto a etichettare come distruttive le pretese della singolarità, volgendo la realizzazione della persona al mondo oggettivo (esterno) e stornandone l’alterità in una contemplazione falsa perché sterile e la libertà in un concetto negativo perché non in-formativo.

In questo modo – e in questo senso i Promessi Sposi di Lenz sono esemplari – chiunque può guardare un diverso sentendosi a proprio agio, avendo di fronte a sé qualcuno in una condizione ben peggiore della propria e marginalizzandosi in una concezione di vita incapace di glorificarsi veramente attraverso l’accoglimento di tutto ciò che sembrerebbe contrario a essa (bassezza e povertà, derisione e disprezzo, sofferenza e morte, malattia e follia).

L’ambientazione all’interno di una fabbrica risulta illuminante. In essa, trova accoglienza l’idea di una società che si concepisce in termini di produzione e consumo, che pensa di aver superato la concezione di cittadino (già alienante/limitante rispetto a quella di essere vivente) in quella di consumatore, e che vede così disperdere i propri figli nell’illusione di aver creato l’eternità attraverso l’istituzione di una memoria universale e perenne in nuovi strumenti digitali.

In questo contesto apocalittico all’arte spetta un ruolo decisivo perché a lei tocca riuscire a far ri-trarre la persona da sé, da quel sé che però ormai ne rappresenta la negazione degli istinti e dei valori più vicini alla vita, dandogli la possibilità di nuove forme di espressione libera e creativa.

Una funzione che la coralità di questi Promessi Sposi, proposta nell’assoluta e più intima solitudine esistenziale degli umili dei giorni nostri, assolve con ineludibile efficacia.

Lo spettacolo è andato in scena:
Lenz Teatro

via Pasubio 3/e, Parma Italy
dal 13 al 23 maggio

I PROMESSI SPOSI
da Alessandro Manzoni
creazione
imagoturgia Francesco Pititto
regia, installazione, costumi Maria Federica Maestri
musica Andrea Azzali_Monophon
interpreti Valentina Barbarini, Franck Berzieri, Monica Bianchi, Giovanni Carnevale, Carlo Destro, Paolo Maccini, Andrea Orlandini, Roberto Riseri, Delfina Rivieri, Vincenzo Salemi, Elena Sorbi, Carlotta Spaggiari, Barbara Voghera
direzione scientifica Rocco Caccavari
responsabile progetto riabilitativo Paolo Pediri
organizzazione e cura Elena Sorbi, Ilaria Montanari
comunicazione e promozione Giulia Morelli
ufficio stampa leStaffette
luci Gianluca Bergamini, Nicolò Fornasini
assistentie alla regia Alice Scartapacchio
osservatorio critico Violetta Fulchiati
produzione Lenz Rifrazioni

un progetto per il Bicentenario Verdiano
in collaborazione con Dipartimento Assistenziale Integrato di Salute Mentale
Dipendenze Patologiche AUSL di Parma

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.