“Le corna non sono sempre una brutta cosa”: I love Rock music!

teatro-sala-fontana-milanoDopo le serate del 26 gennaio e 2 febbraio, l’imprò – il genere teatrale più rappresentato in Italia – calca nuovamente il palcoscenico del Teatro Fontana, per la terza e non ultima serata: Imprò-Qua SiComica Improv Rock Night – con i comici del Teatribù.

Sebbene il simbolo del Rock siano “ le corna”, non è detto che esse siano un brutto segno. Infatti ecco che riscendono in campo, circondati da pochissimi oggetti scenici – sei sgabelli e un leggio; circondati dalla QuindiQuando Band – armata di chitarra, sax, basso, e tastiera; presentati da Marco Maccarini e diretti dal pubblico: i comici del Teatribù, che si scontrano in una short form a colpi di battute, utilizzando diversi stili teatrali e musicali.
I comici improvvisano testi di monologhi, musical, si improvvisano cantautori, cantanti e cantastorie. I protagonisti di questa serata – all’insegna dell’improvvisazione – sono certamente sei tra i componenti della “tribù” presentata da Maccarini – che, calato nei panni non solo di presentatore ma anche di “notaio”, fa rispettare le regole del gioco – ma non solo. Il pubblico, infatti, ricopre il ruolo più importante. All’inizio della serata sono distribuiti e poi raccolti dei bigliettini sui quali ogni spettatore deve scrivere “qualcosa di rock”. Questi biglietti, estratti a sorte, forniranno il tema del monologo, canzone o storia che dovranno recitare, cantare o mimare i brillanti comici impegnati sul palco.

Apre la serata una canzone improvvisata il cui tema principale è : il ciuffo di Elvis. Nonostante l’evidente difficoltà, grazie a un buon lavoro di gruppo, a tanta, tantissima creatività, la tribù rompe il ghiaccio ma non i timpani. L’ Imprò prosegue senza intoppi. La platea sceglie un attore e uno strumento musicale che possa accompagnare il monologo. Anche i musicisti devono sapere improvvisare. Grazie a un’ottima capacità di adattamento a situazioni impreviste, persino il monologo sul tema: ci sono rimasto di sosso, riesce a far ridere la platea e di gusto.

Al termine della short form, si simula la consegna degli Oscar alla migliore perfomance, alla migliore interpretazione e accompagnamento musicale. Che dire… il sax ha sempre il suo fascino.
Ottima scelta dei brani tra una performance e l’altra, che spaziano da pezzi blues, country e heavy metal fino ad arrivare al mitico The final count down degli Europe – che chiude in bellezza la serata a tutto Rock.

Lo spettacolo continua:
Teatro Sala Fontana

via Boltraffio, 21 – Milano
sabato 2 marzo, ore 21.00 Serata finale
Qua SiComica: Lost in Translation
spettacolo di improvvisazione internazionale senza necessità di traduzione
con la partecipazione di Teatribù e Omar Galvan (Argentina), Jim Libby (Usa), Lieselotte Nooyen (Olanda), Flavien Reppert (Francia)
presenta Marco Maccarini

Lo spettacolo andato in scena era:
Qua SiComica: Improv Rock Night
spettacolo di improvvisazione musicale e teatrale proposto da Teatribù
con la partecipazione della QuindiQuando Band
presenta Marco Maccarini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.