L’amore e la vita ai tempi di Super Mario

logofficina.cdrA chiusura della propria stagione teatrale il centro Officina Teatro sceglie di mandare in scena l’ironia e la riflessione assicurati dalla commedia romantica Qualcosa a cui pensare | distorsione di un discorso amoroso.

È andato in scena il 16 e 17 aprile presso Officina Teatro la commedia romantica Qualcosa a cui pensare | distorsione di un discorso amoroso, con la quale si è chiusa la stagione 2015/2016 di questa splendida realtà di San Leucio, in provincia di Caserta, che è fucina di artisti, promotrice non solo di spettacoli, ma anche di laboratori, festival e tanti momenti di confr/in – contro.

Qualcosa a cui pensare è un appuntamento con se stessi, con la generazione degli anni Novanta cresciuta a pane e Super Mario Bros, con la necessità di cambiare, consapevoli che non si può rimanere uguali e indifferenti dinanzi ai disastri, ai mutamenti del mondo e alla propria età che cambia, senza riuscire a capire, però, cosa essere, cosa diventare.

È l’inettitudine di Svevo, è l’amore geloso, dubbioso, insicuro di Roland Barthes (il cui omaggio è palese nel sottotitolo), è l’ironia del telefilm Friends che ci ha tenuti incollati al televisore ogni sera, è il romanticismo, la difficoltà di comprendersi, ma anche il desiderio di aversi della commedia d’amore per eccellenza, Notting Hill.

Un miscuglio di emozioni e sensazioni che passa attraverso un racconto che si sviluppa a più livelli e permette a ognuno di scegliere a quale di questi fermarsi, come nel videogioco Super Mario che fa da filo conduttore alla storia; la scelta è decidere se perdersi nel proprio labirinto, indugiare o insistere, continuare fino all’incontro col drago e – nel migliore dei casi – alla liberazione della principessa. Ammesso che la principessa voglia essere salvata, come fa notare giustamente Plinn, protagonista femminile della pièce, a Jeer, coinqulino trentenne di lei, di cui si scoprirà innamorata.

Siamo davanti a uno spettacolo figlio legittimo dei nostri tempi, ricco di flashback, momenti di attesa, di incompresione, di incontri mancati, delle differenze di genere che da sempre fanno dell’uomo e della donna gli essere più lontani, eppure più vicini per potersi amare.

Una rappresentazione molto “fisica” degli eventi (Jeer, tra l’altro, studia fisica all’università) che è nello stesso tempo metafisica, invita cioè lo spettatore – tra una risata e l’altra – a riflettere e incontrarsi nel luogo neutrale, ma anche faticoso, dell’accettazione dei difetti propri e altrui, vissuti come limiti, ma anche come possibilità.

La scenografia dello spettacolo è molto essenziale, costituita da un divano – il cui spostamento è espediente narrativo che segna il più delle volte il passaggio da una scena all’altra – , uno schermo su cui viene proiettato principalmente il videogame Super Mario, e delle torce che Jeer e Plinn utilizzano per creare meta-momenti di riflessione e confronto.

La sceneggiatura affidata a Emanuele Aldrovandi, è ironica, matura, cinematografica; gli attori, Roberta Lidia De Stefano e Tomas Leardini, sono azzeccati nei loro ruoli e riescono non solo con la parola, ma soprattutto con la gestualità e la mimica facciale a condurre per mano lo spettatore rappresentandogli perfettamente quell’universo di paradossi, incompresioni ed emozioni che è la relazione tra esseri umani.

Una qualsiasi relazione, una di quelle che abbiamo vissuto e dimenticato, ma anche quella che non abbiamo vissuto e che non riusciamo a dimenticare.

Il labirinto nel quale con gioia e dolore ci siamo persi, dal quale usciremo per mano con il nostro compagno di vita, come accade a Jeer e Plinn, o dal quale verremmo inghiottiti.

Un finale vero e proprio a tutto questo non c’è; la vita non dà finale, non conclude, avrebbe detto Pirandello.

Non resta altro che aspettare, semmai, un sequel di Jeer e Plinn per continuare un pezzetto di strada con loro.

Nessuna risposta precostruita, insomma; rimane la strada, rimangono le parole e rimane soprattutto quello che noi dediciamo di fare o di non fare con tutto questo.

«Malgrado le difficoltà della mia vicenda, malgrado i disagi, i dubbi, le angosce, malgrado il desiderio di uscirne fuori, dentro di me non smetto di affermare l’amore come un valore».
Frammenti di un discorso amoroso, Roland Barthes

Lo spettacolo è andato in scena:
Officina Teatro
San Leucio (CE)
16 aprile 2016, ore 21.00
17 aprile 2016 ore 19.00

Qualcosa a cui pensare | distorsione di un discorso amoroso
di Emanuele Aldrovandi
regia Vittorio Borsari
con Roberta Lidia De Stefano e Tomas Leardini
scene e costumi Tommaso Osnaghi
video Editing e musiche Francesco Lampredi
organizzazione Valentina Brignoli
produzione Chronos3 (MI)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.