Il vuoto, Didi e Gogo, ma… “scusa, forse mi sono sbagliato”

Teatro-Magnolfi-pratoAl Magnolfi di Prato, tre appuntamenti con Giovani in scena 2013. Il primo, R… esistere, è il solido progetto teatrale firmato da If Prana, su testo di Laerte Neri.

Nella cornice del Magnolfi (lo spazio che ospitò, nel ’77, un’eccelsa Marisa Fabbri in Le Baccanti), si incontrano/scontrano un uomo e una donna, ognuno con le proprie ragioni e delusioni, figli di un tempo in cui il malessere va oltre l’impossibilità di realizzazione personale – o, semplicemente, di sicurezza economica – per investire il senso più profondo dell’essere, qui e ora.

Basandosi su un solido dialogo, scritto dal giovane Laerte Neri – che non scade mai nel retorico – la regista Caterina Simonelli (anche interprete, al fianco di Matteo Romoli) innesta flash surreali che spezzano il racconto, introducendo, quindi, una nota straniante che, non solo ritma bene l’aspetto dialogico ma rende – come insegnava Brecht – il testo stesso di R… esistere  davvero esplosivo, in quanto materia di analisi e critica – e non causa di assuefazione – per uno spettatore che, oggi come ieri, deve essere più che mai attivo.

Ottimamente interpretato – con una Simonelli eccellente quando cerca di spiegare se stessa e le proprie ragioni le quali, proprio in quanto personali, non possono essere condivise da altri; con momenti spiazzanti giustamente dosati – godibilissimo il flash sulla “femminilità ai tempi del colera” – e stacchi musicali, anch’essi in puro stile brechtiano, il progetto di If Prana – che speriamo non solo vada in tournée ma che abbia altresì la possibilità di crescere a livello di costruzione drammaturgica – risente solo di un limite che accomuna ormai troppi spettacoli di un’Italia in crisi: il ridursi a dialogo. Sebbene, infatti, si possa parlare di un’ottima performance – come nel caso di Tu (non) sei il tuo lavoro di Rosella Postorino, presentato al Mittelfest nel 2011 – si sente il bisogno di un discorso più ampio, proprio in virtù della fitta tessitura drammaturgica che darebbe spazio anche ad altre incursioni. In altre parole, il rimpallarsi di battute di questi attualissimi Didi e Gogo manca del terzo elemento – presente fin dalla tragedia greca e indispensabile per dare maggiore vigore scenico allo spettacolo: dove sono Pozzo e Lucky?

Speriamo quindi vivamente che un bel progetto come R… esistere possa avere finanziamenti a sufficienza per introdurre in scena un ulteriore elemento destabilizzante, un elemento di rottura rispetto alla forma dialogica che spiazzi del tutto lo spettatore, facendogli apporre una bella X su quella R.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Magnolfi
via Gobetti, 79 – Prato
mercoledì 22 e giovedì 23 maggio, ore 21.00
 
nell’ambito di Giovani in scena 2013
promosso da FTS e MET, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Prato
 
R… esistere
un progetto di If Prana
drammaturgia Laerte Neri
regia Caterina Simonelli
con Matteo Romoli e Caterina Simonelli
organizzazione Francesca Giannini
produzione If Prana
 
I prossimi appuntamenti:
mercoledì 29 e giovedì 30 maggio, ore 21.00
Anima e Corpo
progetto e realizzazione inQuanto teatro in collaborazione con Kinkaleri
testo Andrea Falcone
con Floor Robert, Giacomo Bogani, Andrea Falcone, Francesco Michele Laterza
 
mercoledì 5 giugno, ore 21.00
Ivi ci sta lo fegato
#primo studio
racconto per simulacri e organi interni
progetto collettivo Teatro Metropopolare
regia Livia Gionfrida
con Alessia Brodo, Serena Altavilla, Fabio Midolo, Alice Mangano e Nicola Console

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.