Ostinata e contraria

La vita di Rosa Balistreri illustrata dalla scenografia di Lucio Diana, dalla splendida voce di Ninfa Giannuzzi e dall’attrice Angela di Gaetano, una produzione Koreja Teatro, regia di Salvatore Tramacere. Lo spettacolo è andato in scena al Teatro dei Luoghi Fest & Fineterra sabato 1 agosto.

Angela di Gaetano, attrice e autrice del testo di Rosa, rose. I corpi. Le voci racconta la storia di Rosa Balistreri, cantantessa siciliana anticonformista e indomita, che attraverso la propria voce parlava dei grandi dilemmi del Sud e ne denunciava tutte le contraddizioni. La sua vita, costellata di tragedie e dolore, viene riportata cronologicamente al contrario, dalla morte fino all’adolescenza, in una modalità che tra l’altro ben si associa a un personaggio che procedeva sempre sfidando ogni convenzione.

La tensione dell’attrice, di nuovo in scena dopo i mesi della quarantena, è evidente fin dai primi istanti dello spettacolo, già inscenato solo per pochissime repliche prima dell’interruzione, mentre la forza della presenza scenica di Ninfa Giannuzzi – cantante, autrice e violinista, che a partire dagli anni ’90 ha contraddistinto la scena musicale salentina con voce profonda e graffiante – è qualcosa di trascinante, difficile da decifrare e definire, come d’altronde era la stessa Rosa.

Emozionante anche la chitarra di Valerio Daniele (peccato non aver potuto vedere le sue mani muoversi sulle corde perché nascoste da un leggio ingombrante) e fondamentale il contributo delle scenografie di Lucio Diana, parti essenziali e integranti dello spettacolo. Tra i fondatori del gruppo Laboratorio Teatro Settimo nel 1975, Diana basa il proprio lavoro sull’unione tra ricerca artistica e progetti pedagogico-sociali (tra i suoi ultimi impegni abbiamo MIGRACTION di Teatri Indipendenti di Torino), collabora all’allestimento di esposizioni e mostre di rilievo (Fondazione Torino Musei, Comune di Ravenna, Palazzo Medici di Firenze e altri) e lavora come scenografo e light designer per set cinematografici e teatrali come L’attore nella casa di cristallo (regia Marco Baliani), La paura sicura (di Gabriele Vacis), Nostos, il ritorno (di Franco Piavoli).

La scenografia di Rosa. Rose. I corpi. Le voci è composta da un unico retablo rettangolare posizionato al centro del palco con dodici quadri, fortemente comunicanti, che evocano i momenti centrali della vita della Balistreri. Alla fine dello spettacolo, un coup de theatre risveglia il pubblico, immerso nella storia: Angela di Gaetano, come un personaggio brechtiano, durante lo struggente canto di Ninfa, solleva con le mani i cartelli creati da Diana, ognuno dei quali recitante pezzi, titoli, stralci di testo della cantantessa: Col cuore sempre in guerra, Non dici niente vedendomi morire, Terra in croce, Sudore fino a sera, Una risposta devo dare agli infami.

L’attrice finalmente guarda con coraggio gli spettatori. Il suo sguardo è penetrante, attraversa e rompe la quarta parete. Soprattutto, Angela di Gaetano è finalmente consapevole di essere la voce narrante di una storia importante; è consapevole di stringere tra le mani, non dei semplici pannelli, ma dei pezzi di vita di Rosa Balistrieri. Dunque, una ristrutturazione del testo in funzione dei cartelli di Diana e dei brani della Balistreri cantati da Ninfa Giannuzzi renderebbe ancora più appetibile la storia.

Lo spettacolo è andato in scena all’interno di
Teatro dei Luoghi Fest & Fineterra Teatro

sabato 1 agosto ore 21.00
Masseria Tagliatelle, Lecce

Rosa, rose. I corpi. Le voci
da un’idea di Valerio Daniele, Ninfa Giannuzzi
regia Salvatore Tramacere
di e con Angela di Gaetano, Ninfa Giannuzzi, Valerio Daniele
testo di Angela di Gaetano
voce e synth Ninfa Giannuzzi
chitarra arrangiamenti, elettronica Valerio Daniele
scene e luci Lucio Diana
tecnico Mario Daniele

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.