Aqualung

Dal Teatro Millelire al Fringe Festival 2015 di Roma: Scompaio, il nuovo spettacolo della premiata ditta Miceli Picardi-Agostini.

Aqualung è, forse, il senza tetto più famoso della storia della musica internazionale, un brano incredibile dei Jethro Tull contenuto nell’omonimo album pubblicato nel 1971. Nel brano è condensata la condizione sociale e di povertà nella quale si ritrova a vivere Aqualung e, come lui, tanti altri. Ognuno di questi “altri” ha, però, alle spalle una storia che li ha condotti fin là e che può essere in qualche modo riassunta dalla frase conclusiva della prima strofa cantata da Ian Andreson: Feeling like a dead duck / spitting out pieces of his broken luck.
Proprio questo è il tema affrontato in Scompaio, l’ultima creazione dell’ormai consolidata coppia Francesca Romana Miceli Picardi (autrice e interprete insieme a Manola Rotunno) e Alfredo Agostini che ne ha curato la regia. Proprio come Aqualung, Laura, la nostra protagonista, è una donna sola che vive in strada, anzi è la strega della strada: legge le carte e la mano a chi si ferma a parlare con lei. Alle spalle di Laura c’è, però, una famiglia più che benestante che è letteralmente scomparsa, ha smesso di cercarla. Il punto di rottura avviene quando Laura si innamora di un ricco imprenditore, socio in affari del padre. Decide così di lasciare tutti i suoi sogni e di sposarsi, perché è così che si fa in una famiglia per bene.

All’inizio le cose sembrano andare bene, lei è la brava e bella moglie che affianca l’uomo in carriera, fino a quando non si accorge che, in realtà, la sua vera essenza sta pian piano sparendo: Laura non è più Laura, ma il fantasma di se stessa. Nel momento stesso in cui comunica al marito di voler tornare a lavorare, ecco che si manifesta la bestialità dell’uomo: il marito la picchia, violentemente. Lei non lo accetta e decide di andarsene. Da questo momento la famiglia – che in scena è rappresentata dalla madre, interpretata perfettamente da Manola Rotunno – decide di ignorarla, è preferibile mantenere la (apparente) rispettabilità della famiglia piuttosto che dire la verità. Così Laura vive in strada, osserva la strada con spirito lieve e sensibile e con una punta di meravigliosa ironia. Mentre l’unico dolore della madre è rappresentato dall’idea della pietà provata dagli occhi di chi la guarda in strada e nonostante ciò resta nell’immobilismo più totale.
Francesca Romana Miceli Picardi regala al pubblico un’interpretazione che lascia disarmati: profonda e vera, è capace di suscitare prima il riso e poi la commozione, che si amplifica nel finale quando la parola viene consegnata ai commenti di chi la strada la vive veramente.
Uno spettacolo intenso e socialmente utile che è nato da un viaggio nelle periferie sociali, ai margini, la realtà che non vorremmo prendere in considerazione e che è felicemente approdato al Fringe Festival 2015 di Roma.
Per chi volesse scoprire gli occhi di Laura, segnaliamo le prossime date: 31 maggio, 1 e 2 giugno presso i giardini di Castel Sant’Angelo.

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro Millelire
Via Ruggero di Lauria, 22 – Roma
dal 22 al 24 maggio
orari: venerdì e sabato ore 21, domenica ore 18

Ottava Armata presenta
Scompaio
di Francesca Romana Miceli Picardi
regia Alfredo Agostini
con Francesca Romana Miceli Picardi, Manola Rotunno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.