Io, tu, noi

Su uno tra i palcoscenici più innovativi di Milano – il Teatro della Contraddizione – va in scena il primo step del work in progress Sconnessioni. Un passo verso la comprensione dell’altro.

Va detto che quanto scriveremo si riferisce a uno studio e non a uno spettacolo finito, con tutti i limiti e le opportunità che il work in progress regala ad attori e pubblico.

Fatta la premessa, veniamo a quanto proposto: in scena, l’analisi del rapporto tra l’essere individuale e quello sociale – che si sviluppa attraverso una successione di sketch. Un tentativo di mostrare modi diversi di mettersi in comunicazione con l’altro (sesso): giochi di bambini, passi di danza, pantomine che rimandano alla sensualità dei manga, e un coacervo di strizzatine d’occhio alla cultura pop – tra i costumi lager o gulag-style, il karaoke giapponese e fantasie sado-maso – che vorrebbero esmplificare la diffilcoltà di quei rapporti, l’ironia innata nell’atto stesso.

La compagnia usa diversi mezzi per impartire (o rappresentare) la propria visione surreale della comunità e dei suoi rituali: teatro danza, mimo, pantomina, musica, canzone popolare e parodia, giocoinfantile, tableaux vivants.
Ci si cerca per poi dividersi, tra momenti di sopraffazione che raggiungono anche alti livelli di crudeltà. Il processo non è lineare, con salti temporali e spaziali. Il comizio, l’incontro col guru, la palestra sono tappe che segnalano il passaggio dalla ricerca di condivisione alla progressiva degenerazione verso l’individualismo più sfrenato – sottolineato dal freddo (quello infernale di Bernanos), che è una costante dell’intero spettacolo.

Diversi quindi gli spunti interessanti di una rappresentazione intelligente che, al momento, non sembra però convincere del tutto. La sensazione è ancora quella di quadri staccati e giustapposti: alcuni – come quello iniziale, sottolineato solo da respiri e uso delle luci – più riusciti di altri. Anche il testo non sempre è all’altezza degli innumerevoli mezzi teatrali utilizzati; anzi, a volte, sembra una sovrapposizione superflua rispetto al gesto.

Sarcastico e angoscioso con finale liberatorio. Attendiamo,con curiosità, il prossimo step.

Lo spettacolo continua:
Teatro della Contraddizione

via della Braida, 6 – Milano
da giovedì 3 a domenica 13 maggio
orari: da giovedì a domenica, ore 20.45

Nell’ambito della Stagione Sperimentale Europea
Scimmie Nude presenta:
Sconnessioni
Fase preliminare
Studio per una cantoria metropolitana
testo e regia Gaddo Bagnoli
con Angelo Bosio, Ermelinda Ҫakalli, Claudia Franceschetti, Igor Loddo, Andrea Magnelli e Laura Rinaldi
direzione organizzativa e ufficio stampa Francesca Audisio, con la collaborazione di Clara Galbini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.