Se il pianoforte non basta

Standing ovation per Stefano Bollani al Teatro Sociale di Como per una serata emozionata ed emozionante.

Sarebbe inutile e pretenzioso fare una recensione sulle doti di Stefano Bollani o scrivere un saggio sul jazz, dissertando di legato e staccato. Impossibile ricreare a parole l’esperienza di un concerto perché come tale va vissuta – sempre – e doppiamente nel caso del musicista vincitore, nel 2007, del Hans Koller European Jazz Prize, recentemente apparso a Milano al fianco di Chick Corea nella rassegna MiTo, e splendidamente diretto da Riccardo Chailly in Rhapsody in Blue, omaggio al grande George Gershwin.

Perché Stefano Bollani è, innanzi tutto, un animale da palcoscenico al quale il pianoforte non basta. È infatti lui il primo a crederci e a emozionarsi, trasmettendo al pubblico la propria inesauribile energia, suonando di tutto e con tutto il corpo: dai piedi ai gomiti, dai tasti del prestigioso Steinwey & Sons alle parti di legno del pianoforte – in duplice veste di percussionista e pianista, ma anche di chansonnier e intrattenitore – che avrebbe bisogno di un sedile e un microfono telecomandati per reggere tempi e passaggi frenetici.

Bollani ha infatti il merito di unire alla tecnica un’esuberanza che libera il jazz dai paludamenti per restituirlo anche alla sua dimensione più ludica e goliardica: fattore estremamente positivo che strappa dal derby milanese più di un giovane e nella sala del Teatro Sociale, al momento delle richieste per il bis, coniuga i gusti della signora impellicciata di prima fila che chiede Rakhmaninov a gran voce, con il ragazzo del loggione che urla: «Il vitello dai piedi di balsa!» di Elio e Le Storie Tese. Anche questa è la magia della musica.

Serata all’insegna dell’universalità dei ritmi anche nella scelta del repertorio che ha toccato il samba – mentre la voce della Vanoni sembrava a tratti sposare le note – l’omaggio all’inimitabile Lelio Luttazzi di Legata ad uno scoglio e a un sincopato-aspirato Michael Jackson che rivendica la propria “innocenza” in Billie Jean, a un Fred Bongusto dannata, e a melodie più “serie” sia italiane che made in Usa, che Bollani affronta con la medesima perizia e il coinvolgimento che gli sono propri.

Una serata per adulti ma anche per adolescenti: per tutti quei giovani costretti magari dai genitori a ore di Clementi e Béla Bartók ai quali Bollani può insegnare che il pianoforte non è una “lenta” tortura ma, al contrario, può essere uno dei mezzi espressivi più “rock” del panorama musicale.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Sociale  di Como
– AsLiCo
Via Bellini 3 – Como
domenica 14 novembre, ore 20.30
Stefano Bollani in concerto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.