Universo Shakespeare

Una pozione magica che mescola alcune delle opere più intense del teatro shakespeariano. Tra musica, colori e poesia alla scoperta del cuore umano.

Mettere in scena una storia su Shakespeare, di Shakespeare è un atto di amore verso il teatro. Shake oltre alla simpatica abbreviazione del nome dell’autore elisabettiano, tradotto sta per “scuoti”, “mescola”. Lo spettacolo è proprio questo: una pozione magica i cui ingredienti sono le opere dello scrittore inglese, mischiate tra loro e offerte allo spettatore per ripercorrere la storia del teatro elisabettiano e la maestria del suo maggiore esponente.
Uno spettacolo che è prima di tutto un piacevole insegnamento sul carattere intramontabile e universale delle opere shakespeariane, nelle quali amore, odio, amicizia, gelosia si uniscono in testi dalle storie fantastiche e afferrabili in ogni cuore dell’umana specie.
La cornice è quella di una compagnia di attori, affiatata e burlesca, che si cimenta nella regia di alcune tra le più intense e simpatiche scene delle opere di Shakespeare . Tra l’una e l’altra, l’introduzione a ogni opera ne estrae il senso e il contesto da cui è nata.
Così si succedono sul palco La bisbetica domata, in lotta con il suo spasimante in un improvvisato ring; le streghe del Macbeth e l’insidiosa Lady Macbeth; la scena del balcone tra Romeo e Giulietta, forse tra le parole d’amore più belle mai scritte; La tempesta e il comico incontro tra due folcroristici marinai e il mostriciattolo dell’isola sulla quale sono naufragati; si prosegue con Amleto, impersonificazione dell’incapacità di agire sebbene spinto da una forte volontà; per poi finire con un’ondata di colori e comicità di fronte agli eccessi di Le allegri comari di Windsor. Ogni dramma, ogni intreccio ha il suo colore e la sua musica che tessono insieme “l’universo Shakespeare”. Il ritmo è coinvolgente e l’attenzione si mantiene viva grazie alla giusta durata di ogni scena, le scenografie che con l’uso di semplici teli evocano le atmosfere trattate, la musica e l’equilibrio tra scene drammatiche e comiche. Una regia originale e coinvolgente per conoscere un autore che negli anni ha costruito parte dell’immaginario della cultura occidentale, o per approfondirlo nella sua incredibile contemporaneità.
Cinque secoli più tardi la poesia dei testi, la profondità dei personaggi, la società di un tempo rivivono sulla scena con una forza che è quasi magia.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Abarico
via dei Sabelli,116 – Roma
fino a domenica 22 gennaio

Spiriti Allegri presenta
Shake
tratto dalle opere di William Shakespeare
regia Giovanni Santi
con Luca Caresta, Valentina Masella, Maurizio Pepe, Violetta Rogai, Antonella Salvatore

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.