Quei due Frankenstein da rianimare

Cosa accade se due uomini si scambiano i piedi e il cervello? Prova a immaginarlo Split Screen, commedia surreale che il Teatro Cometa Off ha ospitato dal 9 all’11 marzo, all’interno della rassegna LET – Liberi esperimenti teatrali.

Quello di Aram Kian èm però, un esperimento “scientifico” e teatrale mal riuscito, che si appiattisce su una comicità banale e grossolana.

Dieci minuti di Split screen, o forse anche cinque, bastano per strozzarsi con un grido che sale su accorato: ma perché presentare questo spettacolo con una citazione del grande David Forster Wallace? Agli spettatori, giunti a teatro con l’acquolina in bocca per il suo Split screen, Aram Kian non serve un piatto succulento, bensì un menù disonesto e fastidioso. La sua creatura, che i malcapitati si sono sorbiti al Teatro Cometa Off, era in scena dal 9 all11 marzo, nell’ambito di LET – Liberi esperimenti teatrali (cornice peraltro di spettacoli di tutto rispetto o anche belli, come Lasciatemi libera su Patti Smith).
Ma torniamo al furbo richiamo a Questa è l’acqua di Wallace, che faceva presagire un testo intelligente e gustoso («”Salve, ragazzi. Com’è l’acqua?”. I due pesci giovani nuotano un altro po’, poi uno guarda l’altro e fa: “Che cavolo è l’acqua?”»), così come promettente era l’idea di partenza, che ben sviluppata poteva dar luogo a un’ottima prova di teatro grottesco. Ma, appunto, andava sviluppata, non sottosviluppata.
Ecco la trama. Un rozzo patito di videogiochi (Sergio Grossini) e uno scrittore mediocre (Mauro Pescio), per risolvere un doloroso problema di calli, si sottopongono a un intervento risolutivo: un trapianto reciproco di piedi. Ma l’operazione ha uno sgradevole effetto collaterale: i talenti dell’uno passano all’altro insieme ai piedi scambiati. Il medico che li segue (Andrea Pinna) propone loro di ovviare al problema attraverso un secondo intervento, stavolta sperimentale e ancora più drastico: uno scambio di cervelli. Dal punto di vista tecnico, l’operazione va a buon fine, ma i due non riescono a ritrovarsi nelle nuove identità. Forse perché scoprono di non poter desiderare e amare null’altro se non sé stessi?
Benché lo spettacolo sia breve, stanca subito con situazioni ripetitive, personaggi improbabili e una comicità senza idee, che si affida a gag grossolane e banali, e a un turpiloquio assillante e gratuito (soprattutto i continui «Cazzo!» e «Vaffanculo!» dello scrittore). Se Mauro Pescio propone una recitazione molesta perché isterica e tutta sopra le righe – un po’ cinepanettone e un po’ cabaret televisivo – Sergio Grossini, invece, fa il possibile per prestare spessore e ritmo recitativo prima all’ignorantone fan del videogame “Brutal legend blood blood blood”, e poi (dopo lo scambio di cervelli) allo scrittore maniacale e frustrato. E qualche risata la strappa, ma con un testo simile è un’impresa epica. Dal canto suo, il medico di Andrea Pinna sembra lì solo per sbaglio.
Un momento interessante nella commedia, però, c’è. Ed è il paradosso dell’amore-odio tra i due, indotto dallo scambio di identità. I due pazienti, costretti a convivere per sei mesi per evitare il «rigetto psicologico», sono troppo diversi per non detestarsi a vicenda, ma al tempo stesso sono fatalmente avvinti dal proprio ex-corpo, che amano come Narciso amava la propria immagine riflessa nel fiume. E così, mentre iniziano ad accapigliarsi, il giocatore e lo scrittore finiscono per trasformare la rissa in un tenero abbraccio, un valzer di due bambolotti inebetiti e persi d’amore per l’altro – ovvero per sé stessi.
L’epilogo è a effetto trash. In un convegno con altri colleghi, il dottore, dopo una lunga tirata sul fallimento dell’esperimento scientifico e sull’importanza di capire «chi siamo veramente», svela su un vassoio i poveri resti delle due cavie umane: i loro cervelli ancora sanguinolenti che continuano a bisticciare a suon di battutacce e scariche elettriche luminose. E alla fine della mise en scène, restano impressi solo quelli, i due cervelli in gomma irrorati di sangue, scenograficamente scadenti come accessori di carnevale da discount (lo scenografo Nicolas Bovey non si è neanche preoccupato di occultare il lunghissimo filo nero che fuoriesce dai due ammassi cerebrali). Uscendo dalla sala un po’ storditi, gli spettatori sfilano davanti a quei due “cosi” imbarazzanti con uno sguardo malinconico e interrogativo, come a dire “Ma guarda!”. Sarà l’unico motivo di conversazione sullo spettacolo, sempre che non lo abbiano rimosso immediatamente appena messo piede fuori dal bel teatro romano.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Cometa Off
via Luca dalla Robbia, 20 – Roma (zona Testaccio)
fino a domenica 11 marzo, ore 20.45

Split screen
di Aram Kian
regia Aram Kian
con Sergio Grossini, Mauro Pescio, Andrea Pinna
scene Nicolas Bovey
musiche originali Riccardo Di Gianni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.