Passaggio in India

Teatro-Furio-CamilloIl passo sapiente e fluente di Silvia Vona apre scenari immaginifichi sull’antica tradizione della danza Odissi indiana. Sonorità e colori inusuali incantano al Teatro Furio Camillo.

Nella tradizione indiana la danza non è una creazione dell’uomo, ma nasce da una rivelazione divina.
Lo stile di danza Odissi, quella praticata da Silvia Vona e portata egregiamente sulle tavole del Teatro Furio Camillo con la performance Sringara Pada – Il passo dell’amore, è una delle forme più antiche ancora praticate in India.
La danza Odissi è originaria dello stato dell’Orissa e le sue prime testimonianze sono sculture risalenti al II secolo a.C.  Nata come pratica religiosa delle danzatrici Mahari consacrate al culto di Jagannath – una delle forme di Krishna, ovvero il Signore dell’Universo – e dei giovanissimi danzatori Gotipua, venne pesantemente condannata nel XIX secolo a causa del nuovo senso del pudore importato nella borghesia indiana dagli inglesi. La pratica della danza subì quindi un forte arresto fino a quando l’avvento dell’indipendenza indiana non riportò in auge un recupero dell’Odissi che, nella sua forma odierna, si basa da una parte sulla danza dei Gotipua  e delle devadasi – la danza delle serve di dio – e dall’altra sullo studio dei bassorilievi scultorei dei templi e sull’analisi testuale di antichi trattati sulla danza.
Solo vedendo un’esibizione vera e sincera di questo stile si può intuire quanto l’Odissi faccia effettivamente parte di quei fenomeni per cui è lecito pensare che ci siano delle popolazioni che, per cultura o tradizione o modo di vivere, abbiano una consapevolezza e capacità ricettiva nettamente superiore. Tale forma coreutica mescola elementi maschili e femminili e ogni minimo movimento di ogni singola parte del corpo assume un significato ben preciso che, agli occhi di noi occidentali, è perlopiù incomprensibile. Si narrano storie, miti e leggende e la danzatrice, con i soli movimenti, con i soli sguardi, deve saper restituire sensazioni ed emozioni che espresse attraverso le parole perderebbero il loro allure magico e sensoriale.
Fattore indispensabile è la presenza della musica che con la danza forma un tutt’uno inscindibile in una mescolanza di ritmi e sonorità affascinanti, che si fanno ora lievi ora incredibilmente frenetici. A sottolineare le variazioni ritmiche sono la miriade di minuscoli campanellini da cui è cinta la veste della danzatrice, ma anche caviglie e polsi. Busto, braccia, testa, collo e occhi viaggiano su una linea di movimento estremamente morbida e fluida, accompagnando e facendosi accompagnare dal movimento ritmico dei piedi che sembrano quasi amplificare l’effetto delle percussioni.
Uno stile estremamente difficile, uno spettacolo di tradizione e cultura veicolato attraverso la danza che trascina in queste storie misteriose fatte di eroi e dei e di brani tratti dal Gita Govinda, uno dei grandi testi dell’eros indiano, dove viene celebrata l’unione dell’anima – Radha, il femminile – con il dio Krsna.
Su tutto la capacità espressiva, oltre che tecnica, della stupenda Silvia Vona lascia attoniti e meravigliati.

Lo spettacolo è andato in scena
Teatro Furio Camillo
Via Camilla, 44 – Roma
giovedì 14 gennaio 2016
ore 21

Teatro Furio Camillo presenta
Sringara Pada – Il passo dell’Amore
regia Nora Lux
con Silvia Vona
disegno luci Nora Lux
voce narrante Ludovica Avetrani
tecnico luci Daniele Spadaro

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.