Il calore di un flamenco

Il teatro Cassia ospita Cristina Benitez accompagnata dai suoi musicisti, come lei catalani, nello spettacolo Sueño Flamenco. Noche de Luna Llena.

La ballerina si esibisce in una coinvolgente e appassionata performance a ritmo di flamenco, che rende omaggio alla tradizione spagnola con un tocco personalissimo, reso dall’espressività e da una straordinaria padronanza del corpo. È accompagnata da un ensemble di tre elementi, Raul Levia Amador voce, Oliver Haldon chitarra e Juan Sanchez , cajòn e palmas.
In apertura di spettacolo, la Benitez dà un’immediata prova di bravura, danzando al solo ritmo del battito di mani del suo cantore, Raul Levia. Le punte metalliche delle scarpette vibrano sul palco e sono quasi uno strumento musicale, una percussione che scandisce i tempi per gli attacchi dei musicisti. Alcuni brani vengono eseguiti senza coreografia, per dare modo alla danzatrice di uscire di scena e trasformarsi, cambiando di volta in volta abito, acconciatura e scarpette. Insieme al ventaglio e alle nacchere, classici oggetti del folklore spagnolo sapientemente esibiti nel corso della performance, si assiste a una coreografia in cui un bastone da passeggio diventa incredibilmente, tra le mani della Benitez, una ennesima percussione battuta freneticamente a terra e in controtempo con il suono delle scarpette; si genera un ritmo sincopato e incalzante che avvolge la ballerina in una danza all’ultimo respiro. Quando le luci in sala si riaccendono, resta il sapore vellutato e acceso di un Sud travolgente e sensuale, grazie a una performance tecnicamente perfetta che diffonde euforia, passione e gusto per la conoscenza etnomusicologica.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Cassia
via Santa Giovanna Elisabetta, 69 – Roma
giovedì 19 Gennaio, ore 21.00

Sueño Flamenco. Noche de Luna LLena
danza Cristina Benitez
voce Raul Levia Amador
chitarra Oliver Haldon
percussioni Juan Sanchez

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.