Non solo… scarpe

Sedici paia di scarpe, sedici ritratti molto colorati di donne moderne che fanno ridere e pensare all’universo femminile interiore.

La rassegna Sguardi S-velati, giunta alla terza edizione, apre il sipario con una commedia, fitta rete di sedici ironici, divertenti e irriverenti monologhi. In scena quattro attrici, quattro donne che vestono i panni di sedici ipotetiche e probabili figure femminili. Diversa è la scarpa, diversa è la donna. Soggetti che ognuno di noi ha incontrato almeno una volta nella vita, nei quali si identifica in tutto o in parte. Sono donne moderne, alcune particolarmente disinibite, ma tutte con esperienze da raccontare e qualche segreto da confessare. Dalla penna di Gloria Calderòn Kellet, autrice della dinamica e giovanile sit-com How I Met Your Mother, si dispiega un ventaglio multicolor del genere femminile. Tanto per cominciare Dio è una donna e ciò rende leggermente più comprensibile l’accanimento (causa la celebre “invidia femminile”) verso Eva, seconda fra tutte, che non può far altro che scusarsi con il gentil sesso per aver ceduto alla tentazione e averlo così condannato nei secoli dei secoli. Chiuso il capitolo satirico-religioso ha inizio una serrata “roulette russa” di interpretazioni con la “i” maiuscola: una cinica lavoratrice con un impeccabile tailleur nero accetta di fidanzarsi previa visione di curriculum vitae e conseguente colloquio; la belloccia senza capoccia che pubblicizza una misteriosa bevanda frutto di tutte le sue fortune; una donna indipendente che scopre di aspettare un figlio, un’insicura cronica pronta a riscattarsi se solo dipendesse da lei; una suora alla quale non manca niente della “vita terrena” a parte… il rossetto. Personaggi che esulano dall’essere meri cliché e che, invece, sembrano sondare quella che è la complessità del genere femminile, quell’abisso, a volte scuro e profondo, che ogni donna spesso nasconde. Una carrellata di esperienze, di segreti e consigli. Ognuna è sincera e sconvolgente a modo suo. Ognuna risulta simpatica proprio perché, finalmente, non si nasconde dietro un ruolo o una maschera. Una sequenza rapida che descrive non solo chi si racconta, ma tutto il mondo che queste ragazze hanno intorno. Le quattro attrici in scena e il regista, Francesco Ceriani, espongono così una galleria di ritratti varia ed esemplare con la marcia in più della capacità di far ridere. Una piccola pecca potrebbe venire dal mancato adattamento di alcune specificità americane, vista l’origine dell’autrice, e che – se italianizzate – avrebbero colpito subito l’immaginario dello spettatore nostrano. Forse dopo tante risate una leggera amarezza potrebbe accarezzarvi il cuore, ma chissà gli uomini cosa avrebbero da raccontare.

Lo spettacolo continua:
Teatro Due Roma
vicolo Due Macelli, 37 -Roma
fino a domenica 14 ottobre
orario: da martedì a sabato ore 21.00, domenica ore 18.00

La rassegna Sguardi S-velati – Punti di vista al femminile presenta
Tacchi Misti
tratto da Accessories di Gloria Calderòn Kellet
regia Ferdinando Ceriani
con Carla Ferraro, Corinna Lo Castro, Valentina Martino Ghiglia, Silvia Siravo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.