Internazionale teatrale

È difficile per non dire impossibile sentenziare quando un evento annuale diventi un’istituzione culturale; non ha infatti molto senso specificare a quale edizione un festival artistico e culturale sia ormai entrato nell’orizzonte degli appuntamenti classici consolidati.

È però altrettanto certo che, in tempi difficili quali quelli che stiamo attraversando, arrivare alla decima edizione di un Festival teatrale non è per niente cosa ovvia; non solo, perché se il festival in questione decide di ampliare la sua proposta, espandendo le attività al di là degli appuntamenti estivi e divenendo una kermesse che accompagna il pubblico nel corso delle stagioni, significa che ci troviamo dinanzi a una realtà imprescindibile della scena teatrale contemporanea. Ci stiamo riferendo al festival Teatro a Corte, che nel corso degli anni ha sapientemente definito un’osmosi intrigante e avvincente tra sperimentazione drammaturgica, danza, linguaggi multimediali e happening create in situ. Da sempre Teatro a Corte coniuga il valore internazionale della proposta teatrale, che coinvolge collettivi e compagnie di diverse parti del mondo, alla magia di luoghi di grande valore storico e artistico, ovvero le dimore sabaude, riconosciute nel 1997 patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

L’ambientazione monumentale di questi spazi diventano la scenografia per performance teatrali di grande impatto, dove spesso è il corpo e la gestualità a farla da padrone; come annunciavamo, il successo e l’entusiasmo di questi anni si concretizzano per l’edizione del 2017 in una nuova esperienza estiva, dal 27 giugno al 2 luglio, in una sessione autunnale prevista a ottobre e una chiusura invernale programmata a dicembre.

Un programma ambizioso quanto ricco, dove protagonista centrale è uno dei paesi che si è dimostrato più sensibile alla proposta di Teatro a Corte, ovvero la Francia, presente in tutte e tre le sessioni. Tra gli spettacoli in programma, il Galiléo della compagnia Deus ex machina sarà lo spettacolo circense di chiusura, dove acrobazia e recitazione, spettacolo e scienza si scambiano le parti in un vortice di emozioni. L’attesa è, però, grande tanto per la sessione estiva, che nel suo complesso: a partire da Mr.Tannunzio & His Orchestra!, che integra la messa in scena goliardica all’esecuzione musical dal vivo, fino a Promenade jonglée au château di Jérôme Thomas che connette ancora una volta circo e drammaturgia, e MÙ. Cinématique des Fluides della Compagnie Transe Express che propongono un universo immaginifico che racconta la creazione dell’universo attraverso riferimenti artistici. La danza, invece, sarà rappresentata al Teatro Astra il 29 e 30 giugno con il nuovo progetto  di Ambra Senatore dal titolo Scène mère.

Un programma ricchissimo, che eccede i limiti del classico “festival estivo” per imporsi come referente determinante della scena artistico-culturale italiana.

Link al programma completo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.