Un bouquet per tutti i palati

Anche quest’anno Il Teatro Cantieri Florida, gestito a tre da Elsinor Centro di Produzione Teatrale, Versiliadanza e Murmuris (Materia prima) daranno vita a una programmazione ricca, che si muoverà agilmente tra danza contemporanea e prosa.

Una stagione, quella del 2019/2020, legata dal filo rosso dell’esperienza, un’esperienza intesa non solamente come traccia del passato ma anche come desiderio verso il futuro. Da qui la citazione tratta da Ruth Benedict (antropologa statunitense), scelta come motto: “l’esperienza è per lo più immaginazione”. E senz’altro servono entrambe a chi lavori nel mondo del teatro; a chi programma, sceglie e si prende la responsabilità di collaborazioni, prima assolute e progetti anche al di fuori dello stretto ambito teatrale. Al Florida, in particolare, bisogna riconoscere l’intelligenza con la quale ha portato avanti, in questi anni, l’impegno artistico ma anche sociale, e la sua capacità di affrontare le problematiche odierne senza risultare scontato. Non a caso segnaliamo il progetto TraOltre, la costruzione di legami reali con il Quartiere 4 e l’impegno nell’ambito della disabilità.
Ma veniamo al Cartellone.
L’apertura di Stagionale sarà affidata alla danza, con la Compagnia storica Abbondanza-Bertoni che – per scelta – farà debuttare proprio al Florida, il 26 ottobre prossimo, Pelléas e Mélisande. Lo spettacolo è ispirato all’opera simbolista di Maeterlinck, su musiche di Arnold Schönberg, e conclude la trilogia della compagine intitolata Poiesis. Pelléas e Mélisande è una riflessione sulla necessità di incontro tra sentimenti e istinti, riuniti in un cine-balletto – come lo definisce la stessa Compagnia.
Continuando sulla linea della danza contemporanea proponiamo un’altra prima assoluta, coreografata da Leonardo Diana che, in onore delle celebrazioni leonardiane per il cinquecentenario della morte dell’artista e scienziato, rende omaggio al genio di Vinci con In sezione aurea (il 7 e 8 febbraio prossimi) dove, dopo l’esperienza di Egon, ritroveremo gli esperimenti sulle scenografie virtuali grazie alla collaborazione con Nicola Buttari.
Prima assoluta anche All around me, spettacolo di Serena Malacco – che, durante la conferenza stampa, ha presentato il lavoro come un’indagine sulla relazione tra la danza contemporanea e la musica pop. La coreografa curerà altresì un laboratorio amatoriale. Oltre a Malacco, anche Diana e Marta Bevilacqua si occuperanno di formazione grazie a LaborAzione, progetto di alta formazione, i cui risultati saranno presentati il 24 aprile; (da ricordare in questo settore anche le masterclass di Balletto Civile e Abbondanza-Bertoni).
Una proposta sicuramente interessante sarà quella di Axto (14 e 15 febbraio), spettacolo sui generis che rilegge la storia del Minotauro, rinchiudendo il “mostro” invece che nel labirinto mitologico tra le mura domestiche.
Nel ricco bouquet, spicca una versione di Mastro Don Gesualdo. Il capolavoro di Verga è trasposto in una versione teatrale che affronterà il materialismo dei giorni nostri e il concetto di “roba” (14 e 15 gennaio).
Ovviamente non mancherà un nutrito gruppo di artisti toscani, tra i quali segnaliamo il Teatro dell’Elce con un nuovo lavoro – attualmente in stato di gestazione – intitolato Little boy (l’8 novembre). La storia si basa sul carteggio tra il filosofo Günther Anders e il pilota Claude Eatherly, colui che dovette sganciare la bomba su Hiroshima – in seguito internato.
A marzo entrerà in scena – letteralmente e metaforicamente – Materia Prima che proporrà una serie di progetti, dentro e fuori il teatro. Proseguiranno anche le collaborazioni con il Festival del cinema mediorientale, Middle East Now, e con il carcere di Sollicciano – la cui Compagnia di detenuti presenterà La tempesta di Shakespeare. 
Da sottolineare la presenza in Cartellone di Settanta volte sette, lavoro drammaturgico di Controcanto Collettivo vincitore dei Teatri del Sacro – edizione 2019. Il racconto di due famiglie alle prese con sentimenti diversi, quali la rabbia e il rancore, ma anche la volontà di riconciliazione.
In programma anche il finalista a In-Box (premio che dovrebbe dare visibilità a lavori validi ma che faticano a salire sul palcoscenico), intitolato Maze (il 12 marzo); e Bella Bestia, di Luisa Bosi e Francesca Sarteanesi. Le due au/attrici affrontano il tema del dolore profondo, che talvolta può rivelarsi un rifugio dal quale non si vuole – o non si può – evadere.
Non ci resta che augurare buon teatro a tutti.

Teatro Cantiere Florida. Stagione 2019/20
via Pisana ,111r – Firenze

Il Cartellone:
sabato 26 ottobre, ore 21.00
Compagnia Abbondanza/Bertoni presenta:
Pelleas E Melisande
balletto cine-coreografico
(prima assoluta – danza)

venerdì 8 e sabato 9 novembre, ore 21.00
Teatro dell’Elce presenta:
Little Boy
Corrispondenza tra il filosofo Günther Anders e Claude Eatherly, il pilota di Hiroshima
(prima assoluta – prosa)

venerdì 22 novembre, ore 21.00
Tommaso Serratore presenta:
Mr Furry
Maria Vittoria Feltre e Luca Zanni presentano:
Sui Legami
(prima assoluta – danza)

giovedì 28 novembre, ore 21.00
Davide Enia presenta:
L’abisso
(prosa)

venerdì 6 dicembre, ore 21.00
Silvia Costa presenta:
Midnight Snack / Upon the Hearing of Certain Dissonances
(danza)

giovedì 12 e venerdì 13 dicembre, ore 21.00
Il Mulino di Amleto presenta:
Platonov
Un modo come un altro per dire che la felicità è altrove
(prosa)

mercoledì 18 dicembre, ore 21.00
Erika Silgoner / Esklan e Dancehauspiù presentano:
4 John
(danza)

sabato 11 gennaio 2020, ore 21.00
Serena Malacco presenta:
All Around Me
(prima assoluta – danza)

martedì 14 e mercoledì 15 gennaio, ore 21.00
Guglielmo Ferro ed Enrico Guarneri presentano:
Mastro Don Gesualdo
(prosa)

sabato 25 gennaio, ore 21.00
evento speciale a cura di Versiliadanza
Coordinamento teatro come differenza ed Effetto placebo
Sacro Quotidiano
Poetica del corpo diverso
(prima assoluta – prosa)

venerdì 31 gennaio e sabato 1° febbraio, ore 21.00
Kepler-452 presenta:
F. Perdere le Cose
(prosa)

venerdì 7 e sabato 8 febbraio, ore 21.00
Leonardo Diana presenta:
In Sezione Aurea
(prima assoluta – danza)

venerdì 14 e sabato 15 febbraio, ore 21.00
Teatro Della Tosse e Balletto Civile presentano:
Axto
Oratorio per corpi e voci dal labirinto
(danza)

venerdì 21 e sabato 22 febbraio, ore 21.00
Giuseppe Patroni Griffi e Francesco Saponaro presentano:
Una Tragedia Reale
(prosa)

sabato 29 febbraio, ore 21.00
Saverio Tavano presenta:
Patres
(prosa)

giovedì 5 e venerdì 6 marzo, ore 21.00
Materia Prima
Controcanto Collettivo presenta:
Settanta Volte Sette

giovedì 12 marzo, ore 21.00
Materia Prima
Unterwasser presenta:
Maze

giovedì 19 marzo, ore 21.00
Materia Prima
Luisa Bosi e Francesca Sarteanesi presentano:
Bella Bestia

domenica 5 aprile, ore 21.00
Claudia Rossi Valli e Tommaso Monza presentano:
Mary’s Bath
(danza)

venerdì 24 aprile, ore 21.00
Leonardo Diana /|Marta Bevilacqua / Versiliadanza / Compagnia Arearea
R.O.S. Research Open Space e Opus Ballet Centro Coreografico presentano:
Laborazione 2020
(danza)

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.