Non sulle labbra ma col cuore

I Familie Flöz conquistano il pubblico fiorentino con Teatro Delusio – spettacolo targato 2004. Quando la metateatralità si fa poesia.

Se è vero che il 93% della comunicazione umana passa attraverso il paraverbale e il non verbale, dovrebbe essere facile fare teatro non di parola. Al contrario, l’Italia è un Paese ancora saldamento legato alla retorica, alla filippica fino allo sproloquio – complice forse il teatro mattatoriale (o i talk-show televisivi). Eppure, sempre più spesso, il pubblico dimostra non solamente di gradire ma di comprendere perfettamente le Compagnie (soprattutto straniere) che si affidano a forme espressive altre per la loro arte. Da Familie Flöz a Paolo Nani, dai Kulunka Teatro ai Betontanc e Umka.LV, da Teatro Akropolis a Jeanne Mordoj e a Imre Thormann, le mille sfaccettature del teatro non di parola si esprimono attraverso linguaggi tanto diversi quanto seducenti – insieme poetici e innovativi, atavici ed esperienziali.
Teatro Delusio, in particolare, mette in scena il teatro nel teatro e obbliga i suoi talentuosi performer ad agire dietro le quinte, effettivamente e metaforicamente, ricreando un universo di senso che non è solo lontano dalla consuetudine linguistica teatrale, ma altresì parodia di quel mondo delle apparenze, delle esagerazioni e del divismo che calca i palcoscenici.
La sfida di Familie Flöz è doppiamente sorprendente se si pensa che i suoi interpreti non solo solamente privati della parola, bensì persino dell’espressione facciale, di quella mimica che a volte supplisce, corrobora o perfino sconfessa il nostro enunciato. La maschera prende il suo posto e lo fa dando caratteristiche insieme fisse eppure pregne di senso ai vari personaggi – i quali, a loro volta, si adeguano a un carattere ma, nel contempo, riescono a ricrearne sfumature e, nel corso dell’azione, a farlo progredire, mantenendone la credibilità. Mentre i rimandi alle varie forme teatrali (dalla lirica all’operistica, dalla prosa al teatro di magia) offrono l’occasione di godibili pezzi di bravura anche a sé stanti.
Complici i mille piccoli disguidi del fare teatro, i sogni nel cassetto di chi resta dietro le quinte, le idiosincrasie di chi troppo spesso si specchia nei complimenti altrui, e le vicissitudini di un’esistenza ai margini che, pure, racchiude la medesima grandezza di quella, fasulla, illuminata dai riflettori, lo spettacolo restituisce con veridicità e poesia un microcosmo del quale il pubblico, troppo spesso, è ignaro. Così come, con humour sapiente e parodie azzeccate di luoghi comuni e personaggi stereotipati, ride di sé e dell’universo al quale appartiene.
Apertura e chiusura magiche.

Lo spettacolo è andato in scena:
Teatro Puccini
via delle Cascine, 41 – Firenze
domenica 21 gennaio, ore 16.45

Familie Flöz presenta:
Teatro Delusio
di Paco González, Björn Leese, Hajo Schüler e Michael Vogel
regia Michael Vogel
con Andrès Angulo, Johannes Stubenvoll e Thomas van Ouwerker
maschere Hajo Schüler
scene Michael Vogel
costumi Eliseu R. Weide
musiche Dirk Schröder
luci Reinhard Hubert
una produzione di Familie Flöz, Arena Berlin e Theaterhaus Stuttgart

Fotografia di Eckard Jonalik

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.