Un nuovo modello di teatro imprenditoriale?

Alla conferenza stampa di apertura di stagione, oltre alla presentazione del cartellone, grande spazio e rilievo a tutti gli sponsor, alle partnership e alle attività extra. Basterà per rendere l’Eliseo un nuovo modello di teatro imprenditoriale?

«L’avventura di questo centenario che non è solo un compleanno ma qualcosa di più».
Inizia così il discorso di Luca Barbareschi alla conferenza stampa della stagione 2018/2019 del Teatro Eliseo (giovedì 24 maggio), evento che fin dall’inizio si configura più come un happening spettacolare che come una semplice presentazione della stagione. Il pubblico, gli abbonati, le istituzioni, gli operatori culturali, i giornalisti e i vip presenti vengono accolti nel teatro, nel foyer bistrot e in sala in un clima di palpabile adrenalina.

La conferenza inizia con il concerto dell’Orchestra Europa In Canto, che suona brani della grande musica che hanno dato un’impronta indelebile ai film d’autore italiani, dal periodo della Dolce vita alla commedia all’italiana, alle musiche di Piovani de La vita è bella, con relativa proiezione di foto di scena di tutti attori, attrici e registi che hanno calcato il palco dell’Eliseo in questi cento anni di storia.

Un clima molto differente da quello dello scorso anno, quando l’ordine del giorno era la difesa contro le accuse per la cosiddetta legge ad hoc, mossa da molti teatri della capitale, in particolare dal Teatro Argentina e dal direttore Antonio Calbi, con tanto di lettera aperta al Ministro Franceschini.

Ebbene, giovedì 24 maggio tutto questo sembra del tutto scomparso, sembra al contrario di vivere in un clima di festa nel quale si celebrano i risultati della scorsa stagione e ci si prepara con forza ed energia alla prossima. Numerosi i ringraziamenti alle istituzioni (dal Presidente della Repubblica a Zingaretti Presidente Regione Lazio, dai Ministri uscenti Gentiloni, Calenda e Franceschini a Virginia Raggi e al Comune di Roma) con la relativa lettura della lettera dell’ormai ex-Ministro dell’Istruzione: «Carissimi che fate l’Eliseo ogni giorno, […] quest’anno festeggiamo il centenario di questa importante viva istituzione romana, che ha saputo valorizzare attimi della nostra tradizione rinnovandoli attraverso visione nuove. Il Teatro Eliseo è per Roma e per tutto il paese più di un fiore all’occhiello, è un laboratorio del futuro che attinge al nostro patrimonio culturale per definire nuove strade di crescita e sviluppo».

Dopo il discorso di Patanè della Regione Lazio, partner istituzionale dell’Eliseo, il Direttore Artistico riprende la parola per annunciare che la Fondazione Eliseo è stata effettivamente creata, con un consiglio di amministrazione presieduto da Gianni Letta (con relativo discorso a conclusione della conferenza stampa): «L’Eliseo nella sua storia centenaria ha avuto grandi impresari […]. Oggi ha ritrovato un uomo di grandissima passione e talento, il leader […] che ha aiutato questo teatro non solo nella forma e nell’estetica che aveva purtroppo smarrito […] ma ha voluto farne un faro culturale per questa città convinto com’è che la cultura, e il teatro siano il cuore della cultura, possano fare molto, anche per una rinascita civile di questa città e di questo paese. Quindi ha non solo un grande merito verso il mondo del teatro perché ha ridato vita, vitalità successo e splendore a un teatro tradizionale, ma anche perché l’ha messo al centro della vita sociale e civile per farne un centro di aggregazione».
Prima della presentazione della stagione, continuano ad alternarsi sul palco i rappresentanti degli sponsor e dei partner, prima fra tutti Intesa San Paolo, e poi Terna, e Poste Italiane, che ha creato quest’anno un apposito francobollo dedicato all’Eliseo, così che diventi storia più di quanto già non lo sia.

Ma passiamo alla stagione teatrale.
Partendo dal presupposto che «L’Eliseo non è solo un teatro ma qualcosa di più», come dichiara lo stesso Barbareschi riferendosi a tutte le attività parallele (Eliseo Musica, Eliseo Cultura, Eliseo Cinema, Eliseo Fiction, Eliseo Ragazzi ed Eliseo Cucina), la prossima stagione si prefigura come una prosecuzione della precedente, con ripresa di spettacoli e di produzioni di grandi nomi dello spettacolo e di nuove energie e nuove compagnie emergenti, ma anche come una stagione articolata e diversificata.
Ad aprire il cartellone, in anticipo rispetto ad altri teatri, otto spettacoli: Kamikaze Napoletano, regia Francesco Frangipane; Ogni bellissima cosa diretto da Monica Nappo, L’Amore nun’è ammore diretto e interpretato da Lino Musella; Spregevole con la regia di Gabriele Galli; Io lavoro per la morte con la regia di Nicola Russo; Senza Voce, regia Vinicio Marchioni; il reading Qualcosa diretto da Roberto Piana; Hamletas, diretto da Sarah Bianchi.
Oltre a questi, il Festival del Teatro Patologico di Dario D’Ambrosi ad ottobre, l’istallazione viaggiante del Blink Circus di Lorenzo Mastroianni, la mostra permanente della Sartoria teatrale Farani e lo spettacolo itinerante Medea per Strada di Elena Cotugno e Fabrizio Sinisi, con la regia di Giampiero Borgia.
La stagione canonica inizierà il 30 ottobre con Cyrano de Bergerac di E. Rostand adattato da Michele Santeramo. Protagonisti dello spettacolo diretto da Nicoletta Robello Bracciforti sono Valentina Bellè, Luca Barbareschi e Maurizio Lastrico.
Successivamente un nutrito elenco di grandi nomi del teatro italiano: Giorgio Barberio Corsetti, Ficarra e Picone nelle Rane di Aristofane, Lello Arena diretto da Luciano Melchionna in Miseria e Nobiltà, Il Maestro e Margherita riscritto da Letizia Russo e diretto da Andrea Baracco, I Fratelli Karamazov nella versione di Matteo Tarasco, La commedia di Gaetanaccio, commedia musicale con Giorgio Tirabassi, l’immancabile Gabriele Lavia con i Giganti della Montagna di Pirandello e Novecento con Eugenio Allegri diretto da Gabriele Vacis.
Ma non finisce qui, degno di considerazione anche il Piccolo Eliseo, sala piccola del celebre teatro romano, che da sempre dà spazio a nuove produzioni, al teatro d’innovazione e alle giovani compagnie. A grande richiesta il ritorno di Carrozzerie Orfeo (Cous Cous Klan, Animali da Bar, Thanks for Vaselina) oltre a Massimiliano Bruno con Zero, Ruggero Cappuccio con Shakespea Re di Napoli, Luciano Melchionna con Spoglia-toy.
Grande spazio alla nuova drammaturgia con l’Eliseo Off e alla cultura per la serie di appuntamenti di Eliseo Cultura diretta da Alessandro Vaccari, al Teatro per ragazzi e al Teatro per la scuola, oltre che alla musica, con una stagione concertistica. Da non dimenticare il Progetto Periferie e la consolidata collaborazione con il Teatro Tor Bella Monaca che ospiterà le produzioni dell’Eliseo.
Insomma, ci si può schierare da una parte o dall’altra nella dinamica del finanziamento ad hoc che, per tutti gli operatori culturali e gli addetti al lavoro, è stato un argomento di dibattito spinoso e controverso, ma data la programmazione sembrano delinearsi le ambizioni artistiche, culturali e sociali di un teatro che si sta caratterizzando per una forma originale e per contenuti attraenti; un teatro che, su un modello imprenditoriale di stampo anglosassone e statunitense – e grazie al massiccio appoggio economico di sponsor privati e pubblici – sa offrire al cittadino romano medio (e a tutti coloro che non snobbano a prescindere questo tipo di impostazione motivi ideologici), una attività davvero densa, che non include solo il teatro ma una serie di attività collaterali che portano a pensare l’Eliseo come un luogo di incontro e di scambio di energie.

Se sarà vera gloria, ai posteri l’ardua sentenza.

Teatro Eliseo
Via Nazionale, 183, Roma
martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20.00
mercoledì e domenica ore 17.00
doppio spettacolo ore 16.00 e ore 20.00 il primo sabato di programmazione

30 ottobre / 25 novembre 2018
Cyrano De Bergerac
Di Edmond Rostad
Adattamento di Michele Santeramo
Regia Nicoletta Robello Bracciforti
con Luca Barbareschi, Maurizio Lastrico, Valentina Bellè

27 novembre / 9 dicembre 2018
Le Rane
di Aristofane
traduzione Olimpia Imperio
con Salvo Ficara, Valentino Picone
regia Giorgio Barberio Corsetti
Produzione INDA
Riallestimento Teatro Buondo Palermo, Teatro Stabile di Napoli, Fattore K

11 / 23 dicembre 2018
Salomè
di Oscar Wilde
traduzione Gianni Garrera
adattamento e regia Luca De Fusco
Con Eros Pagni, Gaia Aprea, Anita Bartolucci
Produzione Teatro Stabile di Napoli, Teatro Stabile di Genova, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Teatro stabile di Verona

27 dicembre 2018 – 20 gennaio 2019
Miseria e Nobiltà
di Eduardo Scarpetta
regia Luciano Melchionna
con Lello Arena
coproduzione Teatro Eliseo, Ente Teatro Cronaca Vesuvio Teatro
in collaborazione con Tunnel Produzioni
Debutto nazionale Teatro Eliseo di Roma 27 dicembre 2018

22 gennaio – 3 febbraio 2019
Il Maestro e Margherita
di Michail Bulgakov
regia Andrea Baracco
drammaturgia di Letizia Russo
con Michele Riondino, Anna Maria Guarnieri, Federica Rosellini
Produzione Teatro Stabile dell’Umbria

5 / 17 febbraio 2019
I Fratelli Karamazov
di Fëdor Dostoevskij
Regia Matteo Tarasco
con Glauco Mauri, Roberto Sturno
Produzione Compagnia Mauri Sturno, Fondazione Teatro della Toscana
Debutto nazionale Teatro della Pergola di Firenze 29 gennaio 2019

19 febbraio – 10 marzo 2019
La Commedia Di Gaetanaccio
di Luigi Magni
regia Giancarlo Fares
con Giorgio Tirabassi, Carlotta Proietti
produzione Teatro Eliseo
Debutto nazionale Teatro Eliseo di Roma 19 febbraio 2019

13 – 31 marzo 2019
I Giganti Della Montagna
Di Luigi Pirandello
Regia Gabriele Lavia
con Gabriele Lavia, Federica Di Martino
Produzione Fondazione Teatro della Toscana in coproduzione con Teatro Stabile di Torino

2 – 18 aprile 2019
Novecento
di Alessandro Baricco
regia Gabriele Vacis
con Eugenio Allegri
Produzione Art Quarium
con la collaborazione produttiva del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

Piccolo Eliseo
Martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato, ore 20.00 – domenica ore 17.00

25 ottobre – 11 novembre 2018
Il Gatto
dall’omonimo romanzo di Georges Simenon
Adattamento Fabio Bussotti
Regia Roberto Valerio
con Alvia Reale, Elia Schilton e Silvia Maino
Produzione Compagnia Umberto Orsini
Debutto nazionale Napoli Teatro Festival 25 giugno 2018

15 novembre – 2 dicembre 2018
Il Giorno Del Mio Compleanno – So Here We Are
di Luke Norris – traduzione Enrico Luttmann
Regia Silvio Peroni
cast in via di definizione
Produzione Khora Teatro, Compagnia Mauri Sturno
Debutto nazionale Napoli Teatro Festival Cortile delle Carrozze 3 luglio 2018

6 – 30 dicembre 2018
Amati Enigmi
da Clotilde Marghieri
regia, drammaturgia e scene Licia Maglietta
con Licia Maglietta
produzione Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival

3 – 27 gennaio 2019
Trilogia Carrozzeria Orfeo
Drammaturgia Gabriele Di Luca
Regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi

3-13 gennaio
Cous Cous Klan
Produzione Carrozzeria Orfeo in coproduzione con Teatro dell’Elfo, Teatro Eliseo, Marche Teatro

15-20 gennaio
Animali da bar (2015)
Produzione Carrozzeria Orfeo in coproduzione con Teatro dell’Elfo, Teatro Eliseo, Marche Teatro

22-27 gennaio
Thanks for Vaselina (2013)
Produzione Carrozzeria Orfeo in coproduzione con Teatro dell’Elfo, Teatro Eliseo, Marche Teatro

31 gennaio – 17 febbraio 2019
Fuorigioco – The Pass
Di John Donnelly
Traduzione a cura di Valentina De Simone
Regia Maurizio Mario Pepe
con Edoardo Purgatori, Federico Lima Roque, Giorgia Salari, Gianluca Macrì
produzione Khora Teatro in collaborazione con “Shape of Water – Forma dell’acqua”

21 febbraio – 3 marzo 2019
Shakespea Re Di Napoli
composto e diretto da RUGGERO CAPPUCCIO
con Claudio Di Palma E Ciro Damiano
Produzione Teatro Segreto

7 – 17 marzo 2019
Regina Madre
di Manlio Santanelli
regia Carlo Cerciello
con Fausto Russo Alesi e Imma Villa
Produzione EllediEffe/Teatro Elicantropo
Debutto nazionale Napoli Teatro Festival, Teatro Nuovo 8 giugno 2018

21 – 31 Marzo 2019
Zero
regia Furio Andreotti
di e con Massimiliano Bruno
Produzione Corte Arcana

4 – 18 aprile 2019
Muhammad Ali
drammaturgia Linda Dalisi
con Francesco Di Leva
contributi Roberto Bolle, Willem Dafoe, Marco D’Amore, Mario Martone
produzione Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro
Debutto nazionale Napoli Teatro Festival, sezione SportOpera 20 giugno 2018

3 – 12 maggio 2019
Autobiografia Erotica
di Domenico Starnone
regia Andrea De Rosa
con Vanessa Scalera E Pier Giorgio Bellocchio
produzione Cardellino Srl

16 – 26 maggio 2019
Spoglia-Toy
Uno spettacolo di Luciano Melchionna
testi di Luciano Melchionna e Giovanni Franci
Con Raffaele Ausiello, Lorenzo Balducci, Orazio Caputo, Mauro F. Cardinali, Gennaro Di Colandrea, Adelaide Di Bitonto, Emanuele Gabrieli, Sebastiano Gavasso, Pierre Jacquemin, Gianluca Merolli, Fabrizio Nevola, Marcello Paesano, Agostino Pannone
produzione Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.